logo segugio.it

FTTC e FTTH, qual è la differenza?

FTTC e FTTH, qual è la differenza?

Le sigle FTTC e FTTH sono acronimi che  indicano le due più diffuse modalità di connessione ad internet in fibra ottica. Le due tecnologie si differenziano non solo a livello dell'infrastruttura con la quale sono realizzate, ma anche per le velocità di navigazione che permettono di raggiungere, che sono massime per le connessioni FTTH.

La fibra ottica è senza dubbio la più importante innovazione in termini di connessione a internet negli ultimi anni. Ma questa tecnologia è circondata da una serie di termini difficili da comprendere, che possono confonderci le idee nel momento di stipulare un abbonamento con un provider. Parliamo ad esempio di sigle misteriose come FTTC e FTTH. Qual è la differenza tra FTTC e FTTH? E qual è l'opzione migliore per la tua utenza domestica? 

 

Cos'è la fibra ottica?

Prima di buttarci a capofitto sulla differenza tra FTTC e FTTHspieghiamo rapidamente cos'è la fibra ottica e cos'è che la distingue dalla vecchia ADSL. Diciamo che tra le due intercorre la stessa differenza che c'è tra un'auto di ultima generazione e una di inizio '900. La seconda, anche se ai tempi era un grande passo avanti rispetto al calesse, è lenta, inefficiente e vulnerabile ai guasti. La prima è veloce, efficiente e resistente. 

La fibra ottica è realizzata in filamenti di fibra di vetro o polimeri che permettono alle informazioni di viaggiare a grande velocità e senza interferenze di tipo elettrico o meteorologico. Inoltre è robusta, flessibile e si guasta molto difficilmente. La vecchia ADSL invece funziona con dei cavi di rame che vanno incontro a molti più problemi. 

Non ci meraviglia, dunque, che questa tecnologia sia preferita sia dai fornitori di connessione a internet e sia dagli utenti. Una connessione con fibra è più veloce (fino a 1 Gigabit al secondo in download, contro i 20 mega dell'ADSL) e più stabile. 

 

Cosa significano FTTC e FTTH e qual è la differenza?

FTTC e FTTH sono due sigle che indicano le tipologie più diffuse di tecnologia di fibra ottica disponibili sul mercato:

FTTC: sigla che in inglese sta per Fiber To The Cabinet, ovvero “fibra fino all'armadio”, cioè l'armadio stradale. Da qui si dipanano poi i cavi che conducono alle singole abitazioni. Questi ultimi non sono più in fibra ottica, ma in rame. La tecnologia FTTC è quindi mista, si presenta in fibra fino all'armadio stradale e prosegue in rame fino a dentro l'abitazione dell'utente. Molto diffusa nei piccoli centri, non offre le prestazioni della fibra “pura”, in quanto presuppone comunque un pezzo di percorso (di solito di 300-500 metri) sui vecchi cavi. Simile a FTTC è la tecnologia FTTS, ovvero Fiber To The Street, in cui la fibra arriva fino alla strada dove si trova l'abitazione dell'utente. In questo caso le prestazioni sono leggermente migliori, visto che la distanza dal punto di allacciamento alla fibra è un po' più breve. 

FTTH: sta per Fiber To The Home e indica l'opzione più veloce. Con la tecnologia FTTH l'utente ha accesso alla fibra ottica direttamente a casa sua, con prestazioni elevatissime. Viene anche detta iperfibra e raggiunge velocità di 1 Gigabit al secondo in download, consentendo una trasmissione rapidissima anche di file pesanti, come ad esempio dei video. Scaricare un film, in pratica, diventa questione di pochi minuti. Quasi identica è la tecnologia FTTB, cioè Fiber To The Building, dove la fibra ottica arriva fino allo scantinato del palazzo, per poi proseguire dentro le case con il vecchio cavo in rame. 

 

Qual è la fibra più veloce tra FTTC e FTTH?

Come avrai ormai capito, la connessione FTTH è quella più veloce. Si tratta dell'unica “fibra pura” o iperfibra, cioè l'unica connessione interamente in fibra. La tecnologia FTTC è invece mista, parte in fibra e parte in rame. Con la tecnologia FTTH si arriva alla velocità di 1 Gigabit al secondo in download, mentre con quella FTTC ci si ferma a un massimo di 200 megabit al secondo. 

La copertura FTTH è già pressoché totale nei più grandi centri urbani italiani, mentre in quelli più piccoli, a causa dei costi che impone ai provider la connessione con fibra su un territorio dove le abitazioni sono in numero minore e più sparse, la maggior parte delle case hanno ancora una copertura FTTC. Quest'ultima rappresenta però un ottimo compromesso, che permette di fare un salto in avanti rispetto alla prestazioni della vecchia ADSL, in attesa di una opzione migliore.

Infatti, secondo il piano strategico per la banda ultralarga varato dal governo nel 2015, entro il 2020 l'85% delle abitazioni e tutti gli edifici pubblici, inclusi scuole, uffici e ospedali, dovranno avere accesso a una connessione ad almeno 100 Mbps, mentre il restante 15% dovrà comunque avere una connessione ad almeno 30 Mbps.

 

Qual è meglio per casa mia o per il mio ufficio?

Tutto dipende dalle tue esigenze. In un'abitazione o ufficio in cui più utenti spostano contemporaneamente grosse moli di dati (ad esempio video), la connessione FTTH è certamente la scelta migliore, anche se il costo è in genere un pochino più elevato. Se invece non hai bisogno di prestazioni elevatissime – ad esempio se utilizzi la tua connessione soprattutto per navigare su internet o inviare documenti, e se il download o l'upload di video non avvengono da parte di diversi utenti contemporaneamente – la connessione FTTC è già sufficiente.

 

Quando su un'offerta leggo “fibra” si intende FTTH o FTTC?

A partire dal luglio del 2018 l'AGCOM ha ideato un sistema che permette di capire a quale tipo di connessione in fibra l'offerta di un provider fa riferimento. Accanto a ogni proposta infatti potrai vedere un bollino:

  • Bollino verde: indica la fibra pura o iperfibra, cioè la tecnologia FTTH o FTTB. 
  • Bollino arancione: indica la tecnologia mista tra fibra e rame, ovvero la tecnologia FTTC o FTTS.
  • Bollino rosso: indica le offerte che presuppongono una connessione con cavi di vecchia generazione, cioè solo in rame.

 

Come faccio a sapere se casa mia è coperta dalla fibra?

Per sapere quale tipo di connessione arriva fino alla tua abitazione puoi utilizzare il nostro strumento per la verifica della copertura fibra. Ti basta digitare il tuo comune e vedrai tutte le offerte presenti, con il relativo bollino AGCOM che ti permetterà di orientarti facilmente tra le diverse opzioni disponibili. Se invece hai già una connessione veloce e vuoi verificare le sue prestazioni puoi affidarti al nostro test di velocità ADSL.


RICERCA ADSL
Che utente sei?
Quali servizi desideri?
In quale comune abiti?
Quale tecnologia desideri?
Quale velocità desideri?
Come desideri le chiamate?
Hai già Internet?
Vuoi includere altri servizi?
Come vuoi pagare?