Parla con noi 02 5005 8100 Parla con noi 02 5005 8100

Tariffe luce e gas: Arera cauta sulla liberalizzazione

Secondo Arera, senza adeguate misure il passaggio al libero mercato rischia di portare a risultati scarsamente concorrenziali, che penalizzano invece le fasce più vulnerabili di utenti. C’è dunque bisogno di tutelare i clienti con misure ulteriori rispetto all’attuale bonus sociale.

Pubblicato il 27/07/2021
Arera richiede tutele per i consumatori nel passaggio al libero mercato

Era il 2007 quando l’approvazione del ddl Concorrenza da parte del Senato istituì la liberalizzazione del mercato delle tariffe dell’energia, in sostanza una distinzione tra distribuzione e vendita attraverso la costituzione di un mercato libero che si contrapponesse allo storico Servizio di Maggior Tutela.

Adesso, a poco più di un anno dalla data prevista per il passaggio al nuovo mercato del primo gennaio 2023 e dopo ripetuti rinvii, Arera esprime ancora dubbi circa l’adeguatezza delle condizioni necessarie a garantire tutela ai consumatori finali.

I timori di Arera espressi attraverso il presidente Stefano Besseghini sono che "senza adeguate misure il passaggio rischierebbe di portare a risultati scarsamente concorrenziali, inidonei a incidere sull'attuale livello di concentrazione e, nella peggiore delle ipotesi, a penalizzare le fasce più vulnerabili dei clienti, che potrebbero non cogliere gli eventuali vantaggi del libero mercato".

C’è dunque bisogno di tutelare i clienti più vulnerabili, con misure ulteriori rispetto all’attuale bonus sociale, lo sconto in bolletta riservato agli utenti che si trovano in condizioni di fragilità e difficoltà economica.

Com’è composto oggi il mercato dell’energia

Nonostante la fine del regime di maggior tutela sia vicina e la nascita di nuovi operatori sul mercato sempre più frequente, con offerte e condizioni molto competitive, la percentuale di utenti che rimane con le tariffe del servizio tutelato è ancora alta.

Secondo le rilevazioni dell’Autorità, a dicembre del 2020 il 56% dei clienti aveva scelto il libero mercato per la fornitura di elettricità, ma ancora 12,9 milioni di utenti non aveva ancora effettuato il passaggio.

Se poi valutiamo la composizione dell’offerta, vediamo che l’82% del mercato domestico si concentra su soli 5 società fornitrici, dove la prima serve il 64% di quell’utenza e il 6,4% si ripartisce il resto della quota. Un mercato dunque molto concentrato, forse ancora lontano dai principi della libera concorrenza.

Vuoi risparmiare sulla bolletta? tariffe luce e gas

Perché scegliere adesso una tariffa del libero mercato

Posto che il passaggio al libero mercato prima o poi sarà obbligatorio, se valutiamo tutti i vantaggi di avere una tariffa del libero mercato arriviamo anche alla conclusione che anticipare quella transizione non può che farci risparmiare prima.

Nello specifico, scegliere una tariffa di uno degli operatori concorrenti nel libero mercato vuol dire:

  • concordare i prezzi delle tariffe senza rischiare (come è accaduto per questo trimestre) di vedersi aumentare i costi di luce e gas tutto d’un tratto;
  • accedere alle tariffe a prezzo fisso: 12, 24, talvolta anche 36 mesi di prezzi fissi e sonni tranquilli per tutto il periodo stabilito nel contratto di fornitura;
  • disporre di tanti servizi aggiuntivi: controllo dei consumi, bolletta elettronica, gestione della fornitura da remoto o con una app;
  • ottenere sconti e regali e accedere a promozioni speciali;
  • scegliere tariffe green insieme alla fonte energetica di produzzione dell’energia elettrica;
  • vedersi premiare comportamenti consapevoli e sostenibili con sconti;
  • ricevere consulenza gratuita su come e quando consumare per evitare sprechi.

Vuoi verificare subito la convenienza di una tariffa del libero mercato? Prova a fare una simulazione delle migliori offerte luce e gas, ogni giornio aggiornate secondo il prezzo più conveniente del web.

A cura di: Paola Campanelli
Confronta i prezzi e risparmia Scopri subito le migliori tariffe

Parole chiave

energia libero mercato tariffe utenze domestiche

Articoli correlati

Richiesta di contatto×
Espandi