Parla con noi 02 5005 8100 Parla con noi 02 5005 8100

Rincari bollette, via al taglio dell'Iva

Sia l'aumento delle materie prime che della CO2 stanno avendo forti ripercussioni sui prezzi finali dei consumatori. L'incremento è molto sentito sia Italia che in altri Paesi, come la Francia e la Spagna. Intanto l'Esecutivo italiano punta a tagliare l’Iva applicata agli oneri di sistema.

Pubblicato il 11/11/2021
Rincari bollette, il governo punta a tagliare l'iva

I costi delle materie prime energetiche sono schizzati al massimo, tanto che i prezzi europei del gas sono cresciuti di oltre l’80% nel terzo trimestre del 2021 rispetto al trimestre scorso. Un incremento legato anche alla CO2 che, da fine agosto, è arrivato oltre i 60€/tCO2. Un bel balzo in avanti rispetto a settembre 2020 quando si attestava sui 28 €/tCO2. Sia l’aumento delle materie prime che della CO2 non possono che avere pesanti conseguenze sui prezzi finali dei consumatori sia in Italia che in altri Paesi, come la Francia e la Spagna.

Per scongiurare ulteriori disagi alle famiglie, il Governo italiano tenta un’altra carta. Sono stati aggiunti, infatti, nella manovra finanziaria altri 2 miliardi di euro per tagliare i costi di bollette di luce e gas. L’Esecutivo punta a tagliare l’Iva applicata agli oneri di sistema e a far sì che si arrivi a pagare l’imposta solo sull’energia che realmente viene consumata. La nuova norma, che stanzia ulteriori fondi, sarà presentata al Parlamento.

Risparmi sulla bolletta della luce confronta subito le offerte

A settembre il Consiglio dei Ministri aveva già dato il via libera a una serie di misure volte a calmierare le bollette di luce e gas. Ben 5 i miliardi stanziati tra luglio e settembre per non far stropicciare gli occhi all’arrivo delle fatture e frenare l’incremento trimestrale. Una parte dei fondi è stata destinata anche al potenziamento dei bonus.

L’Arera ha, inoltre, analizzato le varie componenti della bolletta e ha stabilito che per l’energia elettrica l’aumento è causato maggiormente dal rialzo della componente materia prima con un impatto del +41,5%, a cui va, però, sottratta la riduzione degli oneri generali di sistema. Si è così arrivati finora al +29,8% per una famiglia tipo che non è destinataria dei bonus sconto.

Il bonus elettrico è uno sconto sulla bolletta che è stato introdotto dal Governo per aiutare le famiglie in condizione di disagio economico e quelle numerose. L’agevolazione è destinata, infatti, a :

  • famiglie con Isee non superiore a 8.265 euro
  • famiglie numerose con più di 3 figli a carico con Isee non superiore a 20.000 euro
  • titolari di reddito di cittadinanza o pensione di cittadinanza

Per famiglia tipo si intende un nucleo familiare che ha consumi medi di energia elettrica di 2.700 kWh all'anno e una potenza impegnata di 3 kW; per il gas i consumi di una famiglia tipo sono di 1.400 metri cubi annui.

Scopri le migliori offerte gas confronta subito le offerte

Anche per il gas naturale l’incremento è legato a un aumento della componente materia prima con un impatto del +30,3% sul prezzo finale della famiglia tipo. A tale valore si aggiunge un leggero incremento delle tariffe di rete pari a +1,8%. Tali aumenti sono in parte equilibrati dalla riduzione/azzeramento degli oneri generali di sistema, -3,7%, e dalla diminuzione dell'IVA che giunge a un -14%. Il risultato finale attuale è di un +14,4% per l'utente tipo in tutela che non riceve i bonus di sconto.

A partire da gennaio tutti i bonus sociali per disagio economico, tra cui quello elettrico, vengono applicati automaticamente ai cittadini/nuclei familiari che ne hanno diritto, senza che questi debbano presentare domanda presso i Comuni o i Caf.

Basta semplicemente che il cittadino o la famiglia presenti la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) per ottenere l'attestazione ISEE utile per le differenti prestazioni sociali agevolate (ad esempio: assegno di maternità, mensa scolastica, bonus bebè e così via). È necessario, così come chiarito dall’Arera, che uno dei componenti del nucleo familiare ISEE debba essere intestatario di un contratto di fornitura elettrica e/o gas e/o idrica con tariffa per usi domestici e attivo o che usufruisca di una fornitura condominiale gas e/o idrica attiva. Ogni nucleo familiare ha diritto a un solo bonus per tipologia - elettrico, gas, idrico - per anno di competenza.

A cura di: Tiziana Casciaro
Confronta i prezzi e risparmia Scopri subito le migliori tariffe

Parole chiave

bollette offerte luce gas

Articoli correlati

Richiesta di contatto×
Espandi