Chiama gratis 800 999 555 Chiama gratis 800 999 555

Risparmiare sul costo del gas ad aprile 2020

Pubblicato il 09/04/2020

Aggiornato il 05/06/2020

Trova la tariffa con il costo di gas più basso disponibile ad aprile 2020: metti a confronto le soluzioni proposte dai vari gestori del libero mercato e risparmia sul costo del gas per la tua casa.

Quello che scalda le nostre case e cuoce i nostri cibi è un fenomeno risultatante da un lungo processo di trasformazione, che ha origine dall’utilizzo di un combustibile chiamato metano.

Il metano è un idrocarburo di tipo aereo che viene trasportato fino alle nostre case attraverso condutture, e che trovandosi allo stato gassoso, occupa un volume differente a seconda delle condizioni climatiche e di altimetria delle zone servite.

Ecco che il prezzo del gas metano rischierebbe di essere molto differente a seconda della zona di utenza, ed è per questo che si è deciso di adottare un’unità di misura standard per tutto il Paese.

Lo Standard metro cubo (Smc) è proprio la quantità di gas metano contenuta all'interno di un metro cubo di spazio che è posto alla temperatura standard di 15°C e 1013,25 millibar di pressione atmosferica.

Cos’è il costo di un metro cubo Standard di gas?

La prima valutazione da fare quando si parla di costo per Standard metro cubo di gas (Smc) è distinguere se la tariffa è in regime di tutela o di libero mercato.

Nel primo caso, sarà l’ARERA, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, a regolamentare il prezzo del gas metano ogni 3 mesi.

Dal 1 aprile il prezzo del gas stabilito dall’Autorità per il cliente tipo è di 64,54 centesimi di euro per metro cubo, tasse incluse.

Nel mercato libero invece, il costo del gas al metro cubo è definito autonomamente dai vari fornitori ed è variabile in base al tipo di servizio fornito e ai vantaggi che eventualmente accompagnano l’offerta della tariffa.

I fornitori acquistano il metano all’ingrosso, dove il costo cambia di giorno in giorno, a seconda del variare delle situazioni socio-politiche dei vari Paesi dai quali l’Italia importa il gas. Per gli utenti finali invece esistono due tipi principali di contratto: quelli a prezzo bloccato e quelli a prezzo indicizzato. I primi fissano il costo del gas a un valore determinato per un periodo di tempo di uno o due anni. I secondi invece adottano un prezzo variabile, aggiornato con frequenza mensile in base alle medie di mercato del mese precedente.

Le tariffe con il costo al metro cubo più basso

Per trovare la tariffa con il costo più basso basta mettere a confronto le soluzioni proposte dai diversi gestori del mercato. Se supponiamo di fare una simulazione sul comparatore Segugio.it il giorno 9 aprile per una fornitura di gas di 900 Smc nel comune di Roma (pagamento bolletta con RID/SEPA), la proposta migliore arriva da Acea Energia.

Acea Fastclick ha un prezzo di 57,00 euro al mese (683,98 euro l’anno) e  un costo medio in bolletta di 0,760 €/Smc. Riservata ai soli nuovi clienti che attivano l'offerta online, ha il prezzo bloccato garantito 12 mesi. La bolletta web e la domiciliazione sono gratuite.

La App di Acea Energia consente di accedere ai numerosi servizi dell'Area Clienti, mentre l'esclusivo programma fedeltà Acea con Te offre vantaggi e premi speciali.

Convieniente anche l'offerta di Sorgenia, Next Energy Gas al costo di 60,23 euro al mese (722,78 euro l’anno) e costo medio in bolletta di 0,803 €/Smc. Riservata ai soli nuovi clienti, ha il prezzo bloccato garantito 12 mesi e si attiva online o tramite call center.

Nella sezione online Energy Lab è possibile gestire i propri consumi e costi, ricevere suggerimenti e premi, condividere idee: il servizio sarà attivo e gratuito per i primi 12 mesi di somministrazione a partire dalla data di attivazione, poi potrà essere continuato o riattivato al costo di 2,00 €/mese.

Per chi sottoscrive sia luce che gas, in regalo un buono Amazon da 60 euro, oltre a 30 euro di bonus per chi porta un amico, che diventa di 60 euro per entrambe le forniture di gas e luce.

Come confrontare il costo di una fornitura di gas

Se nel regime di tutela il costo della fornitura del gas è standard, con il libero mercato è possibile ottenere condizioni migliori a seconda del fornitore scelto. Ecco che torna utile in questo caso conoscere i parametri essenziali per mettere a confronto due o più forniture di gas e altrettante tariffe.

Servendosi del comparatore Segugio.it è facile confrontare i costi delle forniture delle principali compagnie che operano sul mercato, perché ogni offerta viene presentata con le condizioni economiche aggiornate quotidianamente.

Per ogni tariffa, è possibile individuare il costo medio in bolletta (euro/Smc) e il costo della materia prima (euro/Smc).

Il costo della materia prima è una porzione del costo medio in bolletta, ovvero la sola spesa per l’acquisto della componente gas e non include eventuali quote fisse o contributi commerciali.

Il costo medio in bolletta si riferisce invece al costo medio complessivo della bolletta diviso per il numero di metri cubi standard di gas consumati. Ciò che si ottiene è un costo in euro per standard metro cubo che include tutte le componenti tariffarie, gli oneri e l’Iva.

Questo parametro di confronto è presente per legge su tutte le bollette.

Confronta il costo medio in bolletta della tua fornitura con quella della migliore offerta presente su Segugio.it e scopri se ti conviene cambiare fornitore.

Per verificare le singole componenti di costo di una tariffa, basta fare una simulazione: il comparatore mette a confronto le migliori tariffe gas ogni giorno sul mercato e dà visibilità ad ogni singola componente di costo.

A cura di: Paola Campanelli
Confronta i prezzi e risparmia Scopri subito le migliori tariffe

Parole chiave

bolletta gas mercato tutelato libero mercato

Articoli correlati


Richiesta di contatto×
Espandi