Chiama gratis 800 999 555 Chiama gratis 800 999 555

Come cambiare velocemente gestore della luce

Se ti sei accorto che i costi della tua bolletta della luce sono eccessivi e vuoi optare per una soluzione più economica in vista del prossimo inverno, Segugio.it fornisce alcuni consigli da tenere presenti per cambiare fornitore, evitando di pagare penali o costi aggiuntivi.

Pubblicato il 05/10/2020

Risparmiare sulla bolletta della luce in questo autunno e in vista del prossimo inverno in arrivo è una delle tante priorità familiari per contenere i costi di gestione della propria abitazione. È bene sapere che oltre a una serie di accortezze che un utente domestico può seguire per ridurre il costo di luce e gas in autunno c’è anche un altro modo per intervenire in questa direzione, ossia passare a un altro operatore rispetto a quello con cui si è attualmente legati da contratto.

È ovvio che questa decisione va presa solo nel caso in cui ci si renda conto che l’offerta del proprio fornitore non è più concorrenziale rispetto ad altri presenti sul mercato. Per constatarlo suggeriamo di effettuare subito un confronto tra le varie tariffe luce proposte attualmente con il comodo comparatore di offerte messo a disposizione su Segugio.it.

Cambiare fornitore della luce per risparmiare sulla bolletta

Tenendo conto delle proprie esigenze e dei propri consumi – e dopo essersi resi conto della disponibilità di un operatore più conveniente rispetto al proprio – l’utente può così agire di conseguenza e provvedere al cambio di operatore, mettendo in atto tutte le pratiche necessarie a risolvere il precedente contratto e a firmarne uno nuovo.

L’iter da seguire è più semplice di quanto possa sembrare e se espletato nella giusta maniera eviterà di pagare penali o costi aggiuntivi non previsti. Sia chiaro sin da subito che la richiesta di recesso al vecchio operatore verrà inoltrata direttamente dal nuovo fornitore scelto, in modo da evitare all’utente finale di ritrovarsi impantanato in diverse pratiche burocratiche tra disdetta e nuovo contratto. Prima di scegliere il nuovo operatore però, come è ricordato sulla nostra guida per la stipula di un contratto di energia, non bisogna solo soffermarsi sulla tariffa offerta, ma assicurarsi anche che vengano correttamente fornite anche altre informazioni quali:

  • l’identificazione dell’impresa e le relative modalità di contatto;
  • le condizioni contrattuali dettagliate dell’offerta;
  • i tempi e costi di gestione della pratica di cambio fornitore;
  • la scheda di confrontabilità della spesa e la nota informativa.

Per sua tutela infatti, il consumatore deve conoscere la durata della validità del contratto e le modifiche a prezzi e tariffe che il fornitore potrebbe operare nel tempo – oltre ovviamente a modalità e tempi di pagamento previsti prima di incorrere in more o penali e, soprattutto, le condizioni di recesso e ripensamento.

Come cambiare gestore della luce in pochi semplici passaggi

Una volta effettuata la scelta del nuovo operatore della luce e dopo essere stati rassicurati della presenza di tutta la documentazione necessaria per non incorrere in spiacevoli contrattempi o pagamenti di penali, il cliente può finalmente firmare la proposta di contratto sottoposta dal nuovo gestore da cui ci si vuole rifornire per l’utenza della luce. Una volta firmato, all’utente non resterà che aspettare la lettera di conferma con cui si rendono noti i dati relativi a data luogo e modalità di stipula del contratto e in cui viene comunicata anche la data del passaggio dal vecchio al nuovo contratto di fornitura (Attenzione: nel caso in cui il contratto venga stipulato presso un ufficio commerciale del fornitore invece, la lettera di conferma sarà sostituita da una chiamata di conferma).

I tempi di gestione della pratica per il passaggio possono variare da poche settimane fino a 2 mesi. Al termine di tale periodo il vecchio fornitore invierà all’utente un’ultima fattura di conguaglio basata sull’ultima lettura del contatore effettuata prima del passaggio e su eventuali depositi cauzionali versati dall’utente in passato. È bene sapere che l’importo del nuovo deposito cauzionale, ove previsto da contratto con il gestore subentrante, non potrà superare gli 11,5 euro per ogni kW di potenza impegnata contrattualmente prevista.

A cura di: Gianluca Salustri
Confronta i prezzi e risparmia Scopri subito le migliori tariffe

Parole chiave

tariffe luce

Articoli correlati


Richiesta di contatto×
Espandi