logo segugio.it
Parla con noi 02 5005 3003 lun-ven: 9-21 | sab: 9-18 Parla con noi 02 5005 3003

Bollette alte? Ci pensa la casa smart

Gli interventi di cappotto termico e l'installazione di impianti di riscaldamento più efficienti aiutano a tagliare i costi di circa 500 euro. Inoltre, sostituire gli infissi contribuisce a ridurre i consumi dell'8-10 per cento. Utili anche le App per gestire al meglio i vari impianti in casa.

Pubblicato il 17/01/2023
cucina high-tech con infografiche che mostrano dati e informazioni
La casa smart abbatte consumi e sprechi

Hanno ripreso il via gli investimenti nel mondo edilizio ai fini di ottimizzare l’efficienza energetica degli edifici e ridurre i consumi tra le quattro mura. A rivelarlo è lo “Smart Building Report” realizzato dall’Energy&Strategy Group della School of Management del Politecnico di Milano. Sotto i riflettori, ancora una volta, il concetto di smart building, un edificio in cui gli impianti presentino una gestione integrata e automatizzata ai fini del risparmio energetico e di un maggiore comfort per chi vi vive.

A dare un’accelerata in questa direzione è stato negli ultimi tempi anche il Superbonus. Non mancano, però, in merito a tale agevolazione alcune criticità che sono state sottolineate anche Federico Frattini, responsabile dell’Osservatorio e Vicedirettore dell’Energy&Strategy. Si va dall’aumento smisurato dei prezzi alle pratiche burocratiche indubbiamente poco snelle.

Confronta le migliori offerte luce e gas e risparmia fai subito un preventivo

Il settore edilizio in Italia

Il parco edilizio italiano è oggi composto per il 92% da edifici residenziali e per l’8% da edifici non residenziali. Secondo i dati raccolti dall'Osservatorio Energy&Strategy (E&S) Group del Politecnico di Milano, il 62,3% degli edifici residenziali e il 37,8% di quelli non residenziali ricadono in classe energetica F o G. Ecco allora che le ristrutturazioni edilizie presentano un ruolo determinante per abbattere consumi ed emissioni.

Un traguardo, quello delle zero emissioni, a cui ambisce tutta l’Unione Europea, che punta ad arrivare alla neutralità climatica al 2050. In che modo? A dettare le regole ci pensa la Renovation Wave Strategy che ha previsto per il settore edilizio una serie di obiettivi molto importanti per il 2030: -60% emissioni rispetto al 2015, -14% consumi di energia finale rispetto al 2015, -18% consumi per riscaldamento e raffrescamento rispetto al 2015 e un raddoppio del tasso di ristrutturazione edilizia.

Inoltre, a partire dal 1° gennaio 2027 tutti gli edifici nuovi occupati da enti pubblici o di proprietà di questi ultimi dovranno essere “Edifici ad emissioni zero”, e dal 2030 tutti gli edifici di nuova costruzione e tutte le profonde ristrutturazioni, gli edifici di enti pubblici e quelli non residenziali con attestato di prestazione energetica di classe G dovranno essere soggetti a ristrutturazione fino a raggiungere la classe F entro il 2027 ed almeno la classe E entro il 2030. Ancora tutti gli edifici residenziali con prestazioni energetiche peggiori dovranno raggiungere la classe energetica F entro il 2030 e almeno la classe E entro il 2033.

Le migliori offerte luce di oggi:

Simulazione effettuata in data 04/02/2023 con potenza impegnata 3 kW, consumo annuo 900 kWh, frequenza di utilizzo sempre, modalità di pagamento RID ed invio bolletta elettronico nel comune di Milano.
Logo Octopus Energy
Octopus Energy Octopus Flex
€ 29,44  al mese con SEGUGIO.IT
Scopri offerta
Logo Sorgenia
Sorgenia Next Energy Sunlight Luce Dual
€ 29,78  al mese con SEGUGIO.IT
Scopri offerta
Logo wekiwi
wekiwi Energia alla Fonte
€ 32,10  al mese con SEGUGIO.IT
Scopri offerta

Come ridurre i costi delle bollette

Gli interventi di cappotto termico e l’introduzione di impianti di riscaldamento più efficienti possono arrivare a ridurre i costi di circa 500 euro nelle città principali in Italia. Secondo la School of Management del Politecnico di Milano la casa smart rappresenta, infatti, un valido strumento per abbattere i prezzi, ormai alle stelle, delle bollette. Con la tecnologia si riducono gli sprechi e si alleggeriscono le spese a cui dover far fronte.

Nel corso del 2022 un appartamento ‘intelligente’ con cappotto termico, caldaia a condensazione e soluzioni per ridurre gli sprechi è riuscito a far risparmiare dai 415 ai 521 euro rispetto agli importi pagati da chi vive in una casa che non presenta tali sistemi.

In particolare, gli infissi nuovi possono portare a consumi inferiori dell’8-10%. E chi ancora decide di passare da una caldaia tradizionale a una caldaia a condensazione beneficia di un ulteriore ribasso del 15% circa. Chi opta per le pompe di calore, associate a un impianto fotovoltaico, può fruire ancora di altri risparmi. A caratterizzare le case smart sono anche delle applicazioni software che consentono di gestire al meglio i vari impianti, azzerando ogni forma di spreco, a seconda delle temperature che vengono impostate per ottenere risultati più efficienti sia in termini di risparmio energetico che di comfort e in base anche alla scelta degli orari di accensione. È il caso, ad esempio, di lavastoviglie, lavatrici e asciugatrici azionate la sera o nei weekend.

Le migliori offerte gas di oggi:

Simulazione effettuata in data 04/02/2023 con consumo annuo 180 Sm3, modalità di pagamento RID ed invio bolletta elettronico nel comune di Milano
Logo wekiwi
wekiwi Gas alla Fonte
€ 21,39  al mese con SEGUGIO.IT
Scopri offerta
Logo Sorgenia
Sorgenia Next Energy Sunlight Gas Dual
€ 22,17  al mese con SEGUGIO.IT
Scopri offerta
Logo NeN
NeN NeN Gas Special 48
€ 25,96  al mese con SEGUGIO.IT
Scopri offerta
Logo Hera Comm
Hera Comm Più Controllo Active Casa Gas
€ 26,08  al mese con SEGUGIO.IT
Scopri offerta
Logo Pulsee
Pulsee Pulsee Gas Relax Index
€ 26,14  al mese con SEGUGIO.IT
Scopri offerta
A cura di: Tiziana Casciaro

Parole chiave

risparmio energetico

Articoli correlati