logo segugio.it

Come scegliere la migliore tariffa della luce?

Pubblicato il 08/02/2019
Ultima modifica il 25/03/2019

Come scegliere la migliore tariffa della luce?

Il gran numero di fornitori presenti sul mercato dell’energia rende sempre più difficile la scelta della giusta tariffa da parte delle famiglie italiane.

Ad oggi gli utenti possono optare tra le proposte del libero mercato, da cui si rifornisce un consumatore su quattro, e quelle del servizio di maggior tutela, che tuttavia saranno abolite a partire dal primo luglio 2020 (argomento di cui si può approfondire nella news “Rinviata al 2020 la fine mercato tutelato”.

Secondo le elaborazioni di REF Ricerche, i consumatori che negli scorsi anni hanno deciso di anticipare il passaggio dal regime tutelato a quello libero ne hanno tratto beneficio, visto che le offerte più convenienti hanno permesso di risparmiare fra il 3% ed il 10% della spesa annuale.

Tariffa monoraria, bioraria e multioraria

Per scegliere la soluzione più adatta alle proprie esigenze è importante valutare in quali orari si fa maggiormente uso dell’energia elettrica.

La tariffa monoraria prevede un unico prezzo dell’elettricità per tutta la giornata e conviene solo se si hanno consumi uniformemente distribuiti nel corso delle 24 ore, oppure se non si vogliono avere preoccupazioni di dover scegliere l’orario più conveniente per utilizzare luci ed elettrodomestici.

Differente è la tariffa multioraria, che considera tre diverse fasce orarie:

- la F1, dove il prezzo dell’energia è più alto (dalle ore 8.00 alle 19.00 dei giorni feriali);

- la F2, la fascia intermedia (dalle 7.00 alle 8.00 e dalle 19.00 alle 23.00 dei giorni feriali e il sabato dalle 7.00 alle 23.00);

- la F3, la fascia oraria più economica (dalle 23.00 alle 7.00 dal lunedì al sabato, oltre all’intera giornata della domenica e dei festivi).

La tariffa multioraria conviene se i consumi si concentrano nelle ore serali e durante il fine settimana. Le stesse considerazioni valgono per la tariffa bioraria, che prevede invece un prezzo più alto per i consumi che avvengono nella fascia F1 e un prezzo più basso per i consumi delle fasce F2 e F3.

La convenienza delle soluzioni online

Sempre più utenti per ridurre il costo della bolletta sottoscrivono un'offerta via web, tipicamente meno onerosa per il fornitore e più economica per il cliente. 

Il modo più semplice per risparmiare con una soluzione online è utilizzare il portale Segugio.it, che individua e confronta le migliori offerte luce presenti sul mercato nazionale. 

Solo a titolo d’esempio, per un cliente residente nella città di Milano che richiede una fornitura luce (consumo 2700 kWh l’anno, potenza impegnata di 3 kW, frequenza di utilizzo in qualsiasi fascia oraria, invio elettronico della fattura), si distingue la proposta di wekiwi. Energia Prezzo Fisso 12 Mesi applica una spesa annuale di 494,46 euro (41,21 euro al mese) e si basa sul concetto di “Carica”, un ammontare che il cliente sceglie in fase di attivazione e che il gestore fatturerà in acconto, evitando così l’applicazione dei consumi stimati. La Carica può avere il valore di 20, 30, 40, 50, 75, 100 euro o importi superiori e sarà conguagliata con l’arrivo delle letture reali del distributore.

Logo Segugio.it

Attendi, ti stiamo
trasferendo al sito della società!

A cura di: Paola Campanelli

Confronta i prezzi e risparmia

Scopri subito le migliori tariffe  >>
Come valuti questa notizia?
Come scegliere la migliore tariffa della luce?Valutazione: 5/5
(basata su 2 voti)
RICERCA LUCE
Che utente sei?
In quale comune abiti?
È una abitazione di residenza?
Quale è la potenza dell'impianto?
Consumo stimato annuo di
energia elettrica (KWh)
Clicca qui per calcolarlo
Quando utilizzi l'elettricità?
Seleziona la tipologia di richiesta
Come vuoi pagare?
Come vuoi ricevere la bolletta?

 

×

Consumo stimato annuo di energia elettrica

Quante persone vivono in casa?
Quali elettrodomestici sono utilizzati?
Cucina/forno elettrico
Lavatrice
Congelatore
Lavastoviglie
Scaldabagno elettrico
Condizionatore

 

×

Potenza impegnata

La potenza impegnata rappresenta il livello di potenza che viene messo a disposizione dal fornitore di energia elettrica. E’ pari al numero massimo di apparecchi elettrici da 1000 watt che si possono attivare contemporaneamente senza che il contatore automaticamente interrompa l’erogazione della corrente. Viene specificata dal fornitore nel contratto, è determinata in base alla tipologia ed al numero di elettrodomestici impiegati in casa. La potenza impegnata più comune per le utenze domestiche è pari a 3 kWh.

 

×

Consumo annuo

Sulla bolletta della luce, nel piccolo riquadro dedicato al riepilogo dei dati, puoi trovare l’informazione riguardante il Consumo annuo di energia elettrica espressa in kWh, ovvero il consumo totale nei 12 mesi precedenti il giorno di emissione della bolletta

 

×

Quando utilizzi l'elettricità?

Seleziona la fascia oraria, identificandoti in quella in cui utilizzi principalmente l’elettricità: sempre se utilizzi l’elettricità in qualsiasi fascia oraria (Giorno 44 %; Sera 33 %; Weekend 23 %); giorno se utilizzi l’elettricità soprattutto nella fascia diurna (Giorno 52 %; Sera 32 %; Weekend 16%); sera e weekend se utilizzi l’elettricità principalmente nella fascia serale e nei giorni festivi (Giorno 14 %; Sera 48 %; Weekend 38 %); oppure personalizza la tua abitudine di consumo indicando in valori percentuali quanto utilizzi l’elettricità per ognuna delle due fasce orarie. La fascia diurna va dalle ore 8 alle 19, la fascia serale dalle ore 19 alle 8, mentre nei giorni festivi viene solitamente applicata la stessa tariffa.

 

×

Seleziona la tipologia di richiesta

Cambio fornitore: quando hai già un contratto attivo a tuo nome, e vuoi passare ad una nuova offerta commerciale.

Nuova attivazione: quando vuoi attivare per la prima volta una fornitura di energia elettrica o gas per la tua abitazione.

Subentro: quando vuoi riattivare una fornitura dopo la cessazione del contratto da parte del precedente intestatario, che ha richiesto la disattivazione del contatore.

Voltura: quando vuoi cambiare l’intestazione di un contratto di fornitura funzionante, attivando contestualmente una nuova offerta commerciale, senza interruzione dell'erogazione di energia elettrica e di gas.

 

×

Modalità di pagamento

Indica la modalità di pagamento che desideri in quanto la selezione può impattare sul risultato della simulazione. In linea generale, la modalità di pagamento con l’addebito diretto SEPA (che sostituisce il servizio di RID bancario da febbraio 2014 secondo le indicazioni dell’Unione Europea) è automatizzata e non prevede costi aggiuntivi. Invece, la modalità di pagamento con il bollettino postale prevede solitamente un contributo aggiuntivo per la gestione dei costi amministrativi. Alcune offerte non prevedono questa seconda modalità di pagamento.

Logo Segugio.it

Attendi, stiamo cercando
le migliori offerte per te. Grazie!