logo segugio.it

Come risparmiare sulla bolletta della luce

Pubblicato il 17/02/2015
Ultima modifica il 12/12/2017

Come risparmiare sulla bolletta della luce

In Italia si spendono 750 milioni di euro in più di luce: in media, ogni famiglia italiana spende 200 euro in più ogni anno sulla bolletta dell’energia.

Se a questo si aggiungono gli aumenti delle tariffe, si può comprendere come risparmiare sia diventato non solo utile per i nostri portafogli, ma anche doveroso per la sostenibilità e la salvaguardia del nostro pianeta.

Per farlo, non sono utili solo gli interventi di manutenzione su impianti ed elettrodomestici, ma può essere già sufficiente cambiare alcune piccole abitudini di comportamento. Ne abbiamo parlato in questo articolo "Risparmiare sulla luce? Basta cambiare (un po’) stile di vita", ma si può fare ancora meglio.

L’illuminazione

Più di 12 milioni di lampadine acquistate in un anno per usi domestici: è questo il dato relativo alle famiglie italiane. Non tutti sanno forse che una lampadina grande è efficiente quanto due piccole della stessa potenza, ma consuma molto meno. No allora ai lampadari multi luce e ai faretti, sì alle lampade fluorescenti: costano di più ma durano più a lungo ed emettono la stessa quantità di luce di quelle a incandescenza. E comunque, scegliere la luce appropriata per ogni situazione e momento della giornata è già un passo importante verso un consumo corretto e un conseguente risparmio in bolletta.
Non ultimo, il consiglio del buon senso: spegnere sempre le luci nelle stanze anche solo un’ora al giorno, quando non necessario, vuol dire 30 euro in meno in bolletta.

Gli elettrodomestici

Scegliere di spendere di più al momento dell’acquisto di un elettrodomestico è uno degli investimenti migliori che si possa fare. La classe energetica A++ (ma sono in commercio anche le classi più elevate A+++) vuol dire un elettrodomestico efficiente che assicura il risparmio più consistente in bolletta. Ne parla diffusamente il nostro articolo "Elettrodomestici e bolletta: il risparmio parte dall’efficienza".

Dato per certo questo, è possibile intervenire sul consumo di tutti gli elettrodomestici con alcuni piccoli accorgimenti. Asciugare i piatti con la lavastoviglie costa 18 euro in più. Assicurarsi di chiudere bene frigo e freezer, così come mantenerli leggermente distanti dal muro, fa guadagnare 21 euro l’anno.

Usare il deumidificatore per raffreddare l’ambiente al posto del condizionatore fa risparmiare ben 85 euro l’anno. In più, un costante controllo e pulizia dell’impianto significano un aumento di efficienza che si traduce in minore consumo.

E poi scongelare nel forno a microonde anziché in quello elettrico: 33 euro in meno nella bolletta a fine anno.

Lo standby

È l’errore che si commette più frequentemente in casa e in ufficio e anche uno degli sprechi che grava di più sulla bolletta dell’energia: 56 euro in un anno. È sufficiente scollegare la rete elettrica di ogni dispositivo: TV, computer, microonde, macchina del caffè, caricatori di PC, telefoni, tablet. Il LED luminoso indica che l’elettrodomestico sta consumando una piccola quantità di energia, che sommata per tutti i giorni dell’anno diventa uno spreco rilevante.

Le prese elettriche

Impiegare una multipresa con interruttore è non solo più economico, ma anche molto conveniente: 80 euro in meno all’anno rispetto all’utilizzo di più prese separate.

La scelta del gestore

Ultima cosa, ma fondamentale, è la scelta del gestore: la liberalizzazione del mercato ha aumentato le offerte e le opportunità di risparmio. Nella nostra news "Elettricità: la convenienza delle tariffe biorarie" è possibile trovare tutte le indicazioni per capirne di più e conoscere il migliore gestore per le proprie esigenze di consumo. Se compatibile con le abitudini e con l‘abitazione, è consigliabile scegliere il gestore della luce più economico e optate per una tariffa a fasce orarie: significa che in alcuni momenti della giornata l’energia costa meno. Le tariffe più convenienti sono attive nelle ore serali, dalle 19.00 alle 23 dal lunedì al venerdì. Dalle 23 alle 24, nei weekend e nei giorni festivi, l’energia costerà ancora meno.

Se desideri conoscere la tariffa dell'energia elettrica più conveniente per te e risparmiare sulla bolletta della luce, consulta le migliori tariffe luce disponibili oggi.

Logo Segugio.it

Attendi, ti stiamo
trasferendo al sito della società!

A cura di: Paola Campanelli

Confronta i prezzi e risparmia

Scopri subito le migliori tariffe  >>
Come valuti questa notizia?
Come risparmiare sulla bolletta della luceValutazione: 4,5/5
(basata su 8 voti)
RICERCA LUCE
Che utente sei?
In quale comune abiti?
È una abitazione di residenza?
Quale è la potenza dell'impianto?
Consumo stimato annuo di
energia elettrica
Clicca qui per calcolarlo
Quando utilizzi l'elettricità?
Seleziona la tipologia di richiesta
Come vuoi pagare?
Come vuoi ricevere la bolletta?

 

×

Consumo stimato annuo di energia elettrica

Quante persone vivono in casa?
Quali elettrodomestici sono utilizzati?
Cucina/forno elettrico
Lavatrice
Congelatore
Lavastoviglie
Scaldabagno elettrico
Condizionatore

 

×

Potenza impegnata

La potenza impegnata rappresenta il livello di potenza che viene messo a disposizione dal fornitore di energia elettrica. E’ pari al numero massimo di apparecchi elettrici da 1000 watt che si possono attivare contemporaneamente senza che il contatore automaticamente interrompa l’erogazione della corrente. Viene specificata dal fornitore nel contratto, è determinata in base alla tipologia ed al numero di elettrodomestici impiegati in casa. La potenza impegnata più comune per le utenze domestiche è pari a 3 kWh.

 

×

Consumo annuo

Sulla bolletta della luce, nel piccolo riquadro dedicato al riepilogo dei dati, puoi trovare l’informazione riguardante il Consumo annuo di energia elettrica espressa in kWh, ovvero il consumo totale nei 12 mesi precedenti il giorno di emissione della bolletta

 

×

Quando utilizzi l'elettricità?

Seleziona la fascia oraria, identificandoti in quella in cui utilizzi principalmente l’elettricità: sempre se utilizzi l’elettricità in qualsiasi fascia oraria (Giorno 44 %; Sera 33 %; Weekend 23 %); giorno se utilizzi l’elettricità soprattutto nella fascia diurna (Giorno 52 %; Sera 32 %; Weekend 16%); sera e weekend se utilizzi l’elettricità principalmente nella fascia serale e nei giorni festivi (Giorno 14 %; Sera 48 %; Weekend 38 %); oppure personalizza la tua abitudine di consumo indicando in valori percentuali quanto utilizzi l’elettricità per ognuna delle due fasce orarie. La fascia diurna va dalle ore 8 alle 19, la fascia serale dalle ore 19 alle 8, mentre nei giorni festivi viene solitamente applicata la stessa tariffa.

 

×

Seleziona la tipologia di richiesta

Cambio fornitore: quando hai già un contratto attivo a tuo nome, e vuoi passare ad una nuova offerta commerciale.

Nuova attivazione: quando vuoi attivare per la prima volta una fornitura di energia elettrica o gas per la tua abitazione.

Subentro: quando vuoi riattivare una fornitura dopo la cessazione del contratto da parte del precedente intestatario, che ha richiesto la disattivazione del contatore.

Voltura: quando vuoi cambiare l’intestazione di un contratto di fornitura funzionante, attivando contestualmente una nuova offerta commerciale, senza interruzione dell'erogazione di energia elettrica e di gas.

 

×

Modalità di pagamento

Indica la modalità di pagamento che desideri in quanto la selezione può impattare sul risultato della simulazione. In linea generale, la modalità di pagamento con l’addebito diretto SEPA (che sostituisce il servizio di RID bancario da febbraio 2014 secondo le indicazioni dell’Unione Europea) è automatizzata e non prevede costi aggiuntivi. Invece, la modalità di pagamento con il bollettino postale prevede solitamente un contributo aggiuntivo per la gestione dei costi amministrativi. Alcune offerte non prevedono questa seconda modalità di pagamento.

Logo Segugio.it

Attendi, stiamo cercando
le migliori offerte per te. Grazie!