logo segugio.it
Chiama gratis 800 999 555 Chiama gratis 800 999 555

Tipologia d'uso

La tipologia d’uso rappresenta l’utilizzo cui si destina il gas metano erogato da un fornitore.
Si tratta di un concetto relativo ai soli utenti domestici, secondo il quale la bolletta deve riportare in che modo viene impiegato il gas fornito. Gli esempi più comuni, in questo ambito, prevedono la cottura dei cibi e/o la produzione di acqua calda, oppure il riscaldamento (individuale o centralizzato).

Tale distinzione permette di determinare l’ammontare del bonus gas. Quest’ultimo, istituito nel 2017, è un’agevolazione che consente la riduzione del costo della fornitura di materia gassosa per le famiglie a basso reddito. Tutto ciò a condizione che la tipologia d'uso dichiarata ricada in una delle tre voci espresse in precedenza, e relative dunque alla produzione di acqua calda, cottura dei cibi e riscaldamento.

In passato, la tipologia d’uso risultava fondamentale anche nell’applicazione della corretta aliquota IVA. Nei casi di riscaldamento dell’acqua e cottura dei cibi, infatti, l’IVA era al 10% (veniva escluso, dunque, il caso in cui il gas fosse utilizzato per finalità di riscaldamento). Attualmente, l’accesso all’IVA agevolata è regolato dai livelli dei consumi.

Nello specifico:

  • L’aliquota è del 10% per i primi 480 smc consumati
  • L’aliquota sale al 22% nel caso di consumi superiori o quote fisse

Conoscere la propria tipologia d’uso è semplice.  Nel caso di Eni, ad esempio, si ha modo di conoscere tale dato accedendo all’area personale del sito del fornitore. Da qui, inoltre, è possibile modificare la tipologia d’uso del gas della fornitura. La tipologia d'uso viene anche riportata in bolletta, nella seconda pagina, all'interno della sezione Fornitura.

Confronta i prezzi e risparmia Scopri subito le offerte gas

Termini correlati


Chiedi aiuto a un esperto