logo segugio.it
Parla con noi 02 5005 7100 Parla con noi 02 5005 7100

Spesa per la materia gas naturale

La Spesa per la materia gas naturale comprende gli importi fatturati relativamente alle diverse attività svolte dalle aziende venditrici di metano per l’acquisto e la fornitura del gas naturale al cliente finale. In pratica, è la spesa che si paga per il consumo del gas e per alcuni altri costi relativi alla commercializzazione dello stesso.

Si compone di una quota fissa (espressa in euro/anno) ed una quota energia a consumo (espressa in euro/Smc), ed include le seguenti componenti:

  • Cmem – Componente a copertura dei costi per l’acquisto del gas naturale nei mercati all’ingrosso;
  • CCR – Componente a copertura dei costi che le imprese distributrici di gas devono sostenere per rifornire i clienti e proteggerli dai rischi di forti variazioni dei prezzi dovute a cause esterne;
  • QVD – Quota di Vendita al Dettaglio. È un importo che copre i costi fissi sostenuti dalle imprese di vendita per la gestione commerciale dei clienti;
  • GRAD – Componente di Gradualità. Serve a coprire i costi sostenuti dalle imprese per sostituire i vecchi contratti di acquisto di gas all’ingrosso con contratti adeguati al nuovo metodo di calcolo. Si applica solo per i primi 4 anni dall’entrata in vigore del nuovo metodo (da ottobre 2013 fino a settembre 2017);
  • Cpr – Componente a copertura degli incentivi destinati alle imprese di vendita che rinegoziano i loro contratti di acquisto gas all’ingrosso su un lungo periodo con contratti a scadenza più breve, attualmente più vantaggiosi;

La quota fissa serve a coprire determinati costi che riguardano l'impianto di fornitura anche se questo non è attivo, e non dipendono quindi dal consumo. Devono essere pagati anche se non si brucia neanche un metro cubo di gas.

La spesa per la materia gas naturale è stabilita in modo diverso a seconda della tipologia di mercato in cui ci si trova:

  • Nel mercato di tutela, i prezzi sia fissi che variabili sono stabiliti dall'ARERA su base trimestrale, in rapporto a variabili come l'oscillazione del prezzo della materia prima. Il mercato di tutela è quello in cui si trovano tutti gli utenti che non hanno mai cambiato fornitore dal momento della liberalizzazione del mercato.
  • Nel mercato libero invece i prezzi (anche qui, sia fissi che variabili) dipendono dal singolo gestore, e possono essere più o meno convenienti.

Ultimo aggiornamento 26/11/2019

Confronta i prezzi e risparmia Scopri subito le offerte gas

Termini correlati