logo segugio.it
Parla con noi 02 5005 6100 Parla con noi 02 5005 6100

Prese elettriche

Le prese elettriche sono il punto in cui termina l'impianto elettrico e in cui la corrente entra a disposizione degli apparecchi che vogliamo alimentare.

Ogni presa è collegata a tre cavi, che sono: 

Ciascuno ha un suo foro o comunque un elemento che lo collega alla spina degli apparecchi elettrici. In questo modo il circuito elettrico si chiude e viene anche garantita la sicurezza dell'impianto, grazie alla messa a terra.

Le prese elettriche possono essere di diversi tipi, che variano da Paese a Paese. Quelle più comuni alle nostre latitudini sono:

  • La presa standard italiana: ha tre fori allineati, quello centrale è per la messa a terra, mentre gli altri due sono uno per il conduttore di fase e l'altro per il neutro. Ne esistono a sua volta due varianti, quella da 10 ampere, quella da 16 ampere (con fori più grandi e più distanti tra loro) e quella bivalente, con i fori esterni “doppi” che si adattano a entrambe le spine. 
  • La presa tedesca Schuko o di tipo F: molto usata per gli elettrodomestici di grande potenza (come frigoriferi, lavatrici, ecc), ha una forma rotonda e due fori, mentre la messa a terra è garantita da due linguette laterali. Regge fino a 16 ampere. 
  • La presa inglese: dotata di tre fori rettangolari posizionati “a triangolo”. 
  • La presa americana: ha due fori piatti per il conduttore di fase e il neutro e un foro rotondo per la messa a terra. Sopportano fino a 15 ampere. 
  • La vecchia presa europea a 2 poli (tipo C): si tratta di una vecchia tipologia di presa con solo due fori e priva di messa a terra. Sono ormai state largamente rimpiazzate da tipi più sicuri, ma esistono ancora in alcune vecchie case. Possono reggere solo al massimo 2,4 A.

Ultimo aggiornamento 25/11/2019

Confronta i prezzi e risparmia Scopri subito le offerte luce

Termini correlati