logo segugio.it
Parla con noi 02 5005 8100 Parla con noi 02 5005 8100

AEEG

L’Autorità per l’energia elettrica e il gas (abbreviato in AEEG) è stata istituita con legge n. 481 del 14 novembre 1995, e ha iniziato a operare dal 23 aprile 1997. Si trattava di un soggetto formalmente indipendente, nato con lo scopo di favorire la crescita di un mercato di tipo concorrenziale nei settori dell’elettricità e della fornitura di gas naturale.

L’obiettivo dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas, nello specifico, era quello di regolare i mercati liberalizzati, sulla base anche di quanto stabilito dall’Unione Europea. Tra il 1996 e il 1998, infatti, i settori dell’energia elettrica e del gas naturale furono al centro di un processo di liberalizzazione, il cui scopo era quello di sostituire i monopoli esistenti nella maggior parte degli stati appartenenti all’Unione.

L'introduzione di nuovi strumenti normativi andava a incentivare la partecipazione al mercato libero dell’energia e del gas naturale, tutelando maggiormente i consumatori e i loro diritti.

Nel concreto, i compiti dell’AEEG prevedevano:

  • La tutela degli utenti finali
  • La regolazione delle tariffe
  • La supervisione dell’accesso alle reti
  • Il controllo e il monitoraggio del corretto funzionamento dei mercati
  • La promozione di standard di concorrenza
  • L’imposizione di sanzioni

A livello strutturale, l’autorità era composta da un presidente e quattro membri costitutivi del collegio, che venivano nominati direttamente dal Presidente della Repubblica. L’attività dell’organismo era slegata dall’azione del Governo e del Parlamento. Ciò assicurava il necessario grado di autonomia.

Nel dicembre del 2013, l’ambito di azione dell’autorità fu esteso anche al settore del sistema idrico. Di conseguenza, la denominazione Autorità per l’energia elettrica e il gas fu modificata in Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico (abbreviato in AEEGSI).  Nel dicembre 2017, in occasione dell’approvazione della legge di Bilancio di previsione 2018, l’organismo divenne responsabile anche della regolazione del settore dei rifiuti. Venne stabilito, perciò, un nuovo cambio di nome, con l’introduzione dell’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente (nota con l’acronimo ARERA).

Ultimo aggiornamento 13/11/2019

Confronta i prezzi e risparmia Scopri subito le offerte luce

Termini correlati