Quali sono le fonti di energia rinnovabili?

Le fonti di energia rinnovabili sono fonti di energia che si autorigenerano e che per questo non possono essere esaurite. In questo articolo spiegheremo quali sono le fonti di energia rinnovabili, quali si trovano in abbondanza in Italia e come fare per scegliere un gestore elettrico che le utilizza al posto di quelle non rinnovabili e più inquinanti.

Ecco quali sono le fonti di energia rinnovabili:

Vedremo che non tutte le fonti rinnovabili sono anche sostenibili dal punto di vista ambientale, mentre al contrario alcune possono avere anche un impatto significativo. Ma andremo a conoscerle meglio una per una.

La differenza tra fonti di energia rinnovabili e non rinnovabili

Per prima cosa però bisogna chiarire bene la differenza tra fonti di energia rinnovabili e non rinnovabili:

  • Le fonti rinnovabili sono quelle che non possono esaurirsi a causa dell'utilizzo umano e che si rigenerano naturalmente nell'ambiente. È il caso ad esempio dell'energia idroelettrica, prodotta a partire dal movimento delle acque tramite la costruzione di una diga o con altri impianti.
  • Le fonti non rinnovabili sono invece quelle esauribili, che una volta finite non saranno più disponibili sul pianeta. Parliamo delle fonti fossili, come il petrolio, il gas naturale o il carbone, o di quella nucleare, che è basata sull'uranio, un metallo assai raro.

Quali sono le fonti di energia rinnovabili

L'energia solare

Il sole è la fonte di energia più potente che ci sia. Basti pensare che fa giungere sulla terra ben 1,350 kW per metro quadro ogni anno. Una cifra mediana, che tiene conto anche delle immense superfici poco irradiate e per nulla abitate che si trovano ai poli. La vita stessa dipende dall'energia solare, dato che è grazie alla fotosintesi clorofilliana, sviluppatasi miliardi di anni fa nelle microscopiche alghe che furono i primi abitanti degli oceani, che la nostra atmosfera si è riempita di ossigeno, permettendo alla vita di fiorire.

Oggi grazie alla tecnologia possiamo usare l'energia solare anche per le nostre case, grazie agli impianti fotovoltaici, termici o termodinamici. I primi producono energia elettrica a partire da quella solare, i secondi permettono di scaldare l'acqua per uso sanitario o per il riscaldamento, e i terzi sono un tipo di impianto innovativo che sfrutta l'energia solare per far evaporare dell'acqua che a sua volta alimenta una turbina e produce elettricità.

L'energia eolica

L'energia eolica, il cui nome deriva dal dio Eolo, è l'energia del vento. Un tempo utilizzata nei mulini o per far muovere le barche a vela, oggi può servire anche per generare corrente elettrica. Le pale eoliche sono un elemento ormai noto del paesaggio anche in Italia, ma il nostro Paese non è tra quelli che sfrutta al meglio questa energia. In Danimarca, ad esempio, più del 43% della corrente utilizzata è prodotta a partire dall'energia eolica.

L'energia idroelettrica

L'energia idroelettrica è l'energia elettrica che si produce quando si fanno passare grandi quantità d'acqua in una turbina, come accade quando si costruisce una diga. Grazie agli impianti di questo tipo si possono produrre grandi quantità di energia, ma non sempre si tratta di soluzioni sostenibili a livello ambientale o anche solo umano. In Italia abbiamo purtroppo l'esempio della diga del Vajont.

L'energia geotermica

L'energia geotermica deriva dal calore naturale del nostro pianeta. Viene utilizzata sia per produrre energia elettrica, quando il calore genera vapore che viene incanalato e fatto passare per una turbina, che per produrre calore, come nel caso delle pompe di calore. Si tratta di un'energia facilmente sfruttabile anche a livello domestico.

L'energia derivata dalla combustione di biomasse

Le biomasse sono sostanze di origine vegetale e animale che, bruciando in appositi impianti, producono energia. Possono essere prodotte appositamente, come nel caso del bioetanolo, o derivare da altre attività produttive, come l'agricoltura, l'allevamento, la silvicoltura. Oppure possono essere costituite dalla frazione organica dei rifiuti.

Anche in questo caso l'impatto ambientale dell'utilizzo di tale fonte di energia può essere significativo. Un esempio è quello dei terreni agricoli necessari per produrre biocarburanti derivati dal disboscamento della foresta amazzonica.

Quali sono le energie rinnovabili in Italia

Il nostro Paese purtroppo produce gran parte della sua energia a partire da fonti non rinnovabili. In particolare, circa il 63% del fabbisogno nazionale è coperto dalle centrali termoelettriche, alimentate soprattutto a carbone e a metano. Un'altra quota importante del fabbisogno nazionale, il 12,8%, è garantita da importazioni di energia dall'estero (ad esempio proveniente dalle centrali nucleari francesi).

Il 29,2% della produzione di energia in Italia deriva da fonti rinnovabili. L'11,4% è prodotto dalle centrali idroelettriche, il 7,3% dall'energia solare, il 5,3% dall'eolico e l'1,8% dalle centrali geotermoelettriche. Le cifre sono state in crescita per diversi anni, soprattutto per quanto riguarda la produzione a partire dall'energia solare, che fino al 2013 ha potuto beneficiare di importanti sgravi fiscali per chi desiderava installare pannelli solari e solari termici. Con la fine degli sgravi, tale crescita sostenuta si è arrestata.

In Italia siamo ancora lontani dai record degli altri Paesi, soprattutto quelli del Nord Europa. Un dato ancora più deludente quando si considera il potenziale immenso dell'Italia, baciato dal sole ed esposto ai venti.

Come scegliere un gestore elettrico che utilizza le energie rinnovabili

Se vuoi scegliere un gestore elettrico che utilizza solo energie rinnovabili, così da avere un minor impatto ambientale in casa tua, hai due possibilità:

Puoi trovare le offerte più convenienti per la tua casa confrontando le offerte luce proprio qui su Segugio.it. Vedrai che nella pagina dei risultati di proporremo anche dei gestori “green”, per permetterti di fare una scelta davvero sostenibile.


RICERCA LUCE
Che utente sei?
In quale comune abiti?
È una abitazione di residenza?
Quale è la potenza dell'impianto?
Consumo stimato annuo di
energia elettrica (KWh)
Clicca qui per calcolarlo
Quando utilizzi l'elettricità?
Seleziona la tipologia di richiesta
Come vuoi pagare?
Come vuoi ricevere la bolletta?

 

×

Consumo stimato annuo di energia elettrica

Quante persone vivono in casa?
Quali elettrodomestici sono utilizzati?
Cucina/forno elettrico
Lavatrice
Congelatore
Lavastoviglie
Scaldabagno elettrico
Condizionatore