Cos’è il Servizio di Maggior Tutela per l’energia elettrica?

Cos’è il Servizio di Maggior Tutela per l’energia elettrica?Il Mercato tutelato, o di Maggior Tutela, è il servizio di fornitura di energia regolato dall’ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente). L’Autorità fissa le condizioni economiche e contrattuali della distribuzione e del trasporto delle forniture, oltre al prezzo di compravendita dal produttore al cliente finale.

Si definisce “tutelata” la condizione che garantisce ai consumatori contratti energetici in cui il prezzo della materia prima è aggiornato trimestralmente dall’ARERA in base all’oscillazione delle quotazioni internazionali degli idrocarburi (petrolio e gas) sul mercato.

Il vantaggio del servizio di Maggior Tutela è proprio di garantire la trasparenza nei prezzi, nelle tariffe e nelle condizioni applicate all’utente, ma dall’altra parte non permette tariffe variabili a seconda delle esigenze di una famiglia o di un’impresa.

Possono accedere al servizio di Maggior Tutela i clienti domestici e le imprese con meno di 50 addetti e un fatturato annuo non superiore ai 10 milioni di euro, mentre l’assegnazione del servizio avviene in automatico qualora questi stessi soggetti non abbiano mai cambiato fornitore.

Per verificare se la fornitura di un’utenza è regolata dalla tariffa del Mercato di Maggior Tutela, basta controllare in bolletta, che in questo caso riporta in testa a ogni foglio la dicitura “SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA”.

Attualmente le bollette contengono anche l’avviso ai clienti della cessazione sul mercato dei contratti di fornitura con prezzo della materia energia aggiornato dall’Autorità: la legge sulla concorrenza 124/17 stabilisce infatti che dal 1 luglio 2020 tutti i clienti di energia elettrica trovino contratti di fornitura solo sul mercato libero, in prospettiva di una liberalizzazione completa del mercato dell’energia e del gas. Fino a quella data, per quanto spesso dai call center dei gestori sul mercato arrivi l’informazione dell’obbligatorietà del passaggio fin da subito, il consumatore può decidere di rimanere sotto il mercato tutelato dell’energia senza incorrere in alcuna sanzione.

 

Che cos’è il Mercato Libero?

Il Mercato Libero è il servizio di fornitura di energia elettrica costituito da una pluralità di operatori, tra i quali l’utente può scegliere la tariffa più conveniente per le sue esigenze.

In questo tipo di regime i costi delle utenze non sono più controllati dall’Autorità di Stato, ma determinati in autonomia dalle società che offrono, in concorrenza tra loro, diverse condizioni economiche.

La “contrattazione” tra fornitore e utente finale si gioca sul prezzo di acquisto dell’energia, mentre non sono oggetto di negoziazione le attività di distribuzione e trasporto, che hanno sempre tariffe stabilite per legge e uguali per tutti i fornitori, in quanto regolamentante dall’ARERA: i costi per le reti, il contatore e le imposte sono dunque uguali in regime libero e in regime tutelato.

Un punto di forza del libero mercato sono tutti i servizi extra spesso inclusi nell’attivazione delle tariffe, che i fornitori propongono per dare valore aggiunto alla loro offerta, come ad esempio i servizi per gestire in modo più semplice le utenze, oppure l’accesso a particolari sconti e promozioni speciali.

Il processo di liberalizzazione del mercato a più gestori ha inizio con il decreto legislativo n. 79 del 16 marzo 1999, noto come decreto Bersani, e il successivo decreto-legge n.73/07, che recepiscono le direttive del Parlamento dell’Unione Europea UE 96/92/CE volte alla creazione del Mercato Unico dell'energia in Europa. Una lenta trasformazione che ha portato nel 2017, con l’approvazione del ddl Concorrenza da parte del Senato, a stabilire la totale abolizione del servizio di Maggior Tutela.

E se attualmente mercato libero e mercato tutelato convivono, da luglio 2020 chiunque sia titolare di un contratto luce o gas appartenenti al servizio tutelato, dovrà obbligatoriamente passare al libero mercato, scegliendo con quale compagnia proseguire la fornitura di utenze.

 

Che cosa accadrà con la liberalizzazione?

L’attesa riforma che prevede il passaggio obbligatorio al mercato libero dell’energia è una vicenda piuttosto tormentata, soggetta a ripetuti rinvii nel corso degli anni. Deliberata dal governo Renzi nel 2015 e fissata dopo una serie di vicissitudini al 1 luglio 2019, la fine del mercato di Maggior Tutela ha subito un ulteriore rinvio al 1 luglio 2020, una mossa dettata dal timore di rincari delle tariffe e di trovare le famiglie dei consumatori impreparate ad accogliere un servizio per il quale non è ancora completamente chiaro come vengano suddivisi i costi, tra prezzo delle materia prima (l'elettricità o il gas), oneri fissi aggiuntivi e imposte.

La proroga ha l’obiettivo di correggere alcuni contenuti della riforma, mentre il Governo si dichiara intenzionato a lavorare insieme all’Authority per l’energia e all’Antitrust per aumentare i meccanismi di trasparenza ed evitare pratiche commerciali scorrette degli operatori nei confronti degli utenti. I consumatori avranno ancora a disposizione oltre un anno per utilizzare le tariffe controllate dall’ARERA, per poi scegliere l’operatore privato di riferimento.

Successivamente al 1 luglio 2020, come specificato sul sito dell’ARERA, ai clienti di piccola dimensione che non avranno un venditore nel mercato libero la continuità della fornitura di energia elettrica e/o gas naturale sarà comunque garantita affinché il cliente non subisca alcun disagio durante il periodo necessario a trovare un venditore sul mercato libero. L'Autorità garantirà la pubblicizzazione e la diffusione delle informazioni in merito alla piena apertura del mercato e alle modalità di svolgimento dei servizi. Per tutte le informazioni è attivo lo Sportello per il consumatore (numero verde 800 166 654).

 

Come faccio a cambiare fornitore di energia?

Il Mercato Libero può risultare estremamente conveniente, se si analizzano con attenzione le offerte sul mercato. A confermarlo un’elaborazione di giugno di Ref Ricerche, pubblicata dal Sole 24 Ore, secondo la quale chi ha anticipato gli scorsi anni il passaggio al mercato libero, ha beneficiato di un risparmio compreso fra il 3% ed il 10% della spesa annualizzata in regime di Maggior Tutela, mentre le stime danno un risparmio attuale ancora più importante, fino al 13%.

Aderire al Mercato Libero può costituire un’opportunità per il consumatore, non solo dal punto di vista economico. Il processo è stato molto semplificato in termini di adempimenti, tempi e costi, a vantaggio del cliente finale.

Il passaggio a un servizio di fornitura in regime di Libero Mercato è infatti gratuito, salvo il pagamento dell’imposta di bollo sul nuovo contratto del valore di 14,62 euro, della quale la maggior parte dei fornitori si fa carico senza richiederne il pagamento al nuovo cliente. Inoltre non necessita di alcuna modifica tecnica all’impianto elettrico o al contatore (il servizio viene garantito senza interruzioni o alterazioni in termini qualitativi, attraverso l’infrastruttura del distributore di zona) e non prevede nessun impegno dal punto di vista contrattuale, lasciando l’utente libero di cambiare gestore in ogni momento.

Infine, la nuova bolletta si baserà sulla lettura del contatore al momento del passaggio di consegne, evitando così ogni rischio di doppia fatturazione: al cambio di fornitura si registra la lettura del contatore e il vecchio operatore emetterà l’ultima bolletta di conguaglio, mentre il nuovo utilizzerà il dato come punto di partenza per conteggiare i consumi. Il servizio di fornitura prosegue senza interruzione e perfino in caso di fallimento del nuovo fornitore, l’Authority interviene per garantire la continuità della fornitura di luce o gas.

Un consumatore che decide di cambiare il fornitore di energia elettrica si dovrà occupare unicamente di sottoscrivere il nuovo contratto: sarà compito del nuovo gestire il passaggio dal punto di vista tecnico e amministrativo, comunicando al vecchio fornitore la volontà di recesso del cliente. Contestualmente alla richiesta del cliente, viene poi effettuata una lettura automatica del contatore per determinare i consumi al momento dell’ingresso del nuovo fornitore nell’erogazione dell’energia elettrica.

Attualmente le aziende sul mercato fornitrici di energia elettrica propongono le loro tariffe promozionali ai clienti, via mail, telefono e per posta, tanto che orientarsi nell’offerta della moltitudine di operatori è diventato difficile.

Per scegliere il fornitore più conveniente è necessario confrontare il prezzo di ciascuna offerta: per questo, può essere molto utile consultare comparatori come Segugio.it che lo fanno in maniera professionale, veloce e completamente gratuita. Nella sezione dedicata al confronto tariffe è possibile scegliere fra le diverse proposte delle aziende fornitrici confrontate sul sito, inoltre Segugio.it mette a disposizione dei suoi utenti, nelle guide dedicate, ogni informazione utile a conoscere i dettagli importanti del processo di passaggio al nuovo regime, e lo stesso criterio di chiarezza lo utilizza nella presentazione delle offerte dei gestori che collaborano con il portale, perché siano sempre leggibili, trasparenti e contengano tutte le voci di spesa e le condizioni del contratto.


RICERCA LUCE
Che utente sei?
In quale comune abiti?
È una abitazione di residenza?
Quale è la potenza dell'impianto?
Consumo stimato annuo di
energia elettrica (KWh)
Clicca qui per calcolarlo
Quando utilizzi l'elettricità?
Seleziona la tipologia di richiesta
Come vuoi pagare?
Come vuoi ricevere la bolletta?

 

×

Consumo stimato annuo di energia elettrica

Quante persone vivono in casa?
Quali elettrodomestici sono utilizzati?
Cucina/forno elettrico
Lavatrice
Congelatore
Lavastoviglie
Scaldabagno elettrico
Condizionatore