Cos’è il gas naturale?

Il gas naturale è oggi la terza fonte di energia più utilizzata al mondo ed è la principale materia prima con cui sono alimentati i sistemi di riscaldamento e le cucine nelle nostre abitazioni. La cosa curiosa è che fino agli anni '70 questo preziosissimo gas era considerato un prodotto da scartare, ed è solo negli ultimi decenni che il suo uso è diventato comune

In questo articolo spiegheremo cos'è il gas naturale, come funzionano la sua estrazione, il raffinamento e il trasporto fino a casa tua. Inoltre chiariremo un punto importante: la relazione tra gas naturale e inquinamento.

Cos'è il gas naturale e da dove viene

Il gas naturale è un combustibile fossile, allo stesso modo del petrolio e del carbone. E proprio come questi ultimi si è formato per effetto della fossilizzazione (o mineralizzazione) di resti organici di animali e vegetali. È composto da un mix di idrocarburi che varia da giacimento a giacimento. In massima parte si tratta di metano, ma possono essere presenti anche altri idrocarburi come propano e butano, e altri gas tra i quali azoto, anidride carbonica, elio, ecc. Spesso inoltre il gas si estrae dagli stessi giacimenti del petrolio.

Il gas naturale ha un origine che risale a milioni di anni fa, quando dei resti organici di piante e di animali si sono depositati sul fondo del mare, insieme a sali e residui di terra. A grande pressione, questi elementi si sono trasformati in rocce porose, all'interno delle quali però rimanevano delle piccole cavità dove i resti organici sono rimasti senza decomporsi, e diventando, appunto, fossili.

Perché gli idrocarburi si formino, dunque, sono necessarie particolari condizioni chimiche e di pressione, ed è per questo motivo che i loro giacimenti non sono uniformemente distribuiti sul nostro pianeta. Oltre la metà del gas naturale del mondo (salvo nuove scoperte) si trova in Russia, Iran e Qatar, ma grandi giacimenti sono presenti anche in Algeria, Asia Centrale, Stati Uniti, Paesi Bassi ed Egitto.

L'estrazione del gas naturale e la sua raffinazione

Anche se il gas naturale è noto fin dall'antichità, è diventato di uso comune solo in tempi recenti. Fino agli anni '70 infatti veniva usato solo il gas estratto in prossimità della zona di utilizzo, quindi ad esempio quello dei giacimenti europei (il gas proveniente dai giacimenti italiani è stato molto importante durante la fase di sviluppo industriale del nostro Paese seguita alla seconda guerra mondiale). Il gas che invece veniva trovato nei grandi giacimenti di petrolio del Medio Oriente era semplicemente bruciato o disperso nell'atmosfera, dato che la costruzione di gasdotti e luoghi di stoccaggio era considerata economicamente svantaggiosa. Solo dagli anni '70 in avanti si è capito il grande potenziale di questa materia prima, che oggi è ormai una delle più importanti al mondo.

L'estrazione del gas naturale, dunque, avviene “forando” la roccia che ricopre un giacimento. È interessante sottolineare che non è possibile sapere in anticipo cosa contiene un giacimento, se petrolio, gas naturale, un mix dei due o ancora un mix tra il gas e altri idrocarburi.

Forando la roccia il gas, che si trova a una grande pressione, fuoriesce con violenza all'esterno e viene semplicemente inserito nei gasdotti che poi lo conducono verso i luoghi di stoccaggio e distribuzione. In alcuni casi il gas deve essere lavorato, ad esempio dove è mischiato con altri idrocarburi gassosi o con altri gas.

Nel primo caso si separa il metano dagli altri idrocarburi come il propano o il butano. Questi vengono quindi destinati a precisi usi (come ad esempio le bombole per alimentare le cucine domestiche).

Nel secondo caso il gas naturale viene depurato dagli altri gas, come ad esempio lo zolfo (che se bruciato produce sostanze tossiche e genera le terribili piogge acide) o l'elio, che ha diversi utilizzi (ad esempio nelle bombole per le immersioni subacquee).

Trasporto e distribuzione nelle case

Il 75% del gas mondiale viaggia sui gasdotti fino ai luoghi di distribuzione e consumo, mentre circa il 25% viene portato a bassissime temperature perché diventi liquido, e quindi trasportato via nave.

Possiamo così riassumere il viaggio del gas

  • Dal luogo di estrazione viene immesso nei gasdotti, che lo conducono a un porto dove viene liquefatto e caricato sulle navi, o direttamente nei siti di stoccaggio. I gasdotti sono tubature lunghe migliaia di chilometri che viaggiano perlopiù sottoterra, e punteggiate da centrali che servono per riportare il gas alla pressione ideale per garantirgli di viaggiare sempre alla stessa velocità.
  • I siti di stoccaggio sono dei grandi spazi sotterranei, in genere giacimenti già esauriti o miniere non più utilizzate. Qui il gas viene immagazzinato come riserva per i periodi di maggiore utilizzo (ad esempio l'inverno), o in caso di penuria.
  • I grandi gasdotti danno origine a tubazioni più piccole, che conducono il gas nei luoghi dove verrà utilizzato, ad esempio in una città. Prima di essere distribuito alle case, arriva in speciali impianti in cui la sua pressione viene diminuita e viene aggiunto il tipico “odore di gas”. Il metano infatti di per sé è inodore (e non tossico), ma se si accumula in un ambiente chiuso può provocare delle esplosioni. Per questo è indispensabile aggiungere al gas un odore caratteristico e pungente che ci permetta di accorgerci di una perdita.
  • Una volta arrivato alle nostre case viene immesso in caldaie e cucine perché possiamo usarlo. Oggi il riscaldamento a gas naturale è la forma di riscaldamento più comune in Italia, largamente più diffusa del riscaldamento a legna, elettrico o solare termico.

Il gas naturale inquina?

Il gas naturale, bruciando, produce anidride carbonica, che è un potente gas serra. Ne produce meno, tuttavia, di petrolio e carbone. Per questo ad esempio le centrali elettriche a metano sono meno inquinanti di quelle a carbone. Tuttavia, è ovvio che dove c'è una combustione c'è produzione di anidride carbonica.

Inoltre, il metano stesso è un potente gas serra, e non bisogna dimenticare che, anche se le tecniche di estrazione e trasporto stanno diventando sempre più efficienti, un po' viene sempre liberato nell'atmosfera prima di giungere alle nostre case. Il metano inoltre viene anche prodotto naturalmente, ad esempio, dagli allevamenti di animali (in Italia il 43% delle emissioni di metano sono dovute agli allevamenti), o si disperde nell'atmosfera in seguito all'attività mineraria.


RICERCA GAS
Che utente sei?
In quale comune abiti?
Consumo stimato annuo
di gas (Smc)
Clicca qui per calcolarlo
Seleziona la tipologia di richiesta
Come vuoi pagare?
Come vuoi ricevere la bolletta?

 

×

Consumo stimato annuo di gas

Quante persone vivono in casa?
Per cosa utilizzi il gas?
Cucina
Riscaldamento Casa
Produzione Acqua Calda
Quanti metri quadri ha l'immobile?