Parla con noi 02 5005 8100 Parla con noi 02 5005 8100

Cos’è il Bonus Luce e Gas?

Aggiornato settembre 2020

Il Bonus Luce e Gas è uno sconto in bolletta sulla fornitura di energia e gas dei clienti domestici, concesso alle famiglie numerose o in condizioni di disagio economico.

Anche definito Bonus sociale, si tratta in realtà di due bonus, elettrico e gas metano, relativi alle due forniture principali. La differenza tra le due agevolazioni è che mentre il Bonus gas può essere assegnato a famiglie in condizioni di disagio economico e famiglie numerose, il Bonus luce può essere concesso anche quando in casa sono presenti soggetti affetti da patologie che richiedano l’utilizzo di apparecchiature domestiche elettromedicali, e in genere quando sussistono gravi condizioni di salute.  

Inoltre, dal 1 luglio 2018 è possibile richiedere anche il Bonus Acqua (o bonus sociale idrico), una riduzione dell’importo di spesa sostenuto sui consumi della fornitura idrica sempre dedicato alle famiglie numerose o in difficoltà economica.

Le novità per il 2020

Il Bonus Luce e Gas non è una novità sul mercato dell’energia e del gas, ma è stato introdotto dal Governo con DM 28/12/2007e successivamente diventato operativo per disposizione dell’ARERA (Autorità di regolazione per l’energia reti e ambiente).

Con il 2020 è stato poi introdotto il nuovo tetto Isee per accedere all’agevolazione, non superiore a 8.265 euro per nucleo familiare (anziché il precedente tetto di 8.107,50);

Chi ha diritto al bonus?

Possono richiedere il Bonus tutti i clienti domestici intestatari di una fornitura elettrica o di gas metano che dichiarino:

  • un indicatore ISEE non superiore a 8.265 euro;
  • un nucleo familiare con almeno 4 figli a carico e indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro;
  • la titolarità del Reddito di cittadinanza o della Pensione di cittadinanza.

Come infatti previsto dal DL 4/2019 (Disposizioni urgenti in materia di reddito di cittadinanza e di pensioni), ai beneficiari del Reddito di cittadinanza e della Pensione di cittadinanza sono estese le agevolazioni relative ai Bonus Luce e Gas.
In più, i titolari del Reddito di cittadinanza (legge 28 marzo 2019, n. 26) hanno diritto ad accedere al Bonus Luce e Gas anche se la soglia ISEE è superiore a 8.265 euro.

Come richiedere l’agevolazione

Per ricevere la riduzione della spesa in bolletta, è necessario farne richiesta presso gli uffici del Comune di residenza o presso il CAF, i centri di assistenza fiscale competenti territorialmente, o ancora qualsiasi altro ente designato dal Comune.

La domanda deve essere effettuata usando specifici moduli, reperibili presso gli stessi Comuni, oppure online sui seguenti siti:

  • Ministero per lo Sviluppo Economico;
  • AEEG (Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas);
  • SGAte (Sistema di Gestione delle Agevolazioni sulel Tariffe Energetiche).

La richiesta vale 12 mesi, e se si desiderasse usufruire ancora del Bonus, servirà inoltrare una nuova domanda con lo stesso procedimento.

I documenti necessari

Insieme al modulo, la domanda per accedere al Bonus Luce e Gas necessita dei seguenti documenti:

  • Attestazione ISEE in corso di validità o certificazione ASL a seconda del bonus richiesto;
  • documento d’identità;
  • Modulo A (unico modulo anche per richiedere la riduzione su luce, gas e acqua);
  • allegato CF con i componenti del nucleo ISEE;
  • allegato FN per il riconoscimento di famiglia numerosa, se l'ISEE è superiore a 8.265 euro (ma entro i 20.000);
  • il numero di protocollo assegnato al reddito/Pensione di cittadinanza.

Inoltre, bisogna ricordare di segnarsi alcuni dati fondamentali relativi alla fornitura di luce e gas:

  • il codice POD e il codice PDR, identificativi del punto di consegna dell’energia e dell'utenza del gas;
  • la potenza impegnata o disponibile della fornitura.

Gli importi erogati

L’entità dello sconto in bolletta dipende anche dal numero di componenti della famiglia anagrafica.

Questo l’ultimo aggiornamento al 2020:

  • numerosità famigliare 1-2 componenti: 125 euro;
  • numerosità famigliare 3-4 componenti: 148 euro;
  • numerosità famigliare con oltre 4 componenti: 173 euro.

Come viene corrisposto lo sconto

Il bonus viene praticato direttamente in bolletta, suddiviso nei 12 mesi successivi alla presentazione della domanda.

La comunicazione dell’avvenuto rimborso avviene proprio in bolletta, dove sarà possibile anche leggere l’entità dello sconto, segnalato alla voce “Totale servizi di rete – quota fissa”.

Per verificare lo stato di avanzamento della domanda, è possibile servirsi di più canali:

  • il numero verde 800.166.654, lo Sportello per il consumatore Energia e Ambiente, muniti di codice fiscale e numero della richiesta;
  • l'Ente presso il quale si è fatta domanda consegnando i moduli (quindi Comune di residenza, il CAF, ecc.) con te la ricevuta della domanda;
  • online sul sito bonusenergia.anci.it, nella sezione “Controlla online la tua pratica”, con le credenziali fornite nel momento in cui è stata effettuata domanda.

Come ottenere un ulteriore risparmio in bolletta

Il Bonus Luce e Gas consente di risparmiare sul consumo annuo di energia elettrica e gas indipendentemente dal servizio, se di maggior tutela o del mercato libero, e a prescindere dal venditore e dalla tariffa scelta.

Prima ancora di procedere con la richiesta del Bonus, è utile capire se si sta pagando una tariffa non consona ai propri consumi e alle personali esigenze: se non fosse così, allora conviene procedere anche con il cambio del fornitore, al fine di trovare il prezzo dell'energia e del gas migliore, in assoluto in base al differente profilo di consumo e all'uso che si fa delle utenze domestiche.

Cambiare è un diritto di ogni consumatore

Per informarsi sull’importanza di cambiare, servirà dare uno sguardo alla guida di Segugio.it 10 consigli per cambiare gestore luce, dove si potranno consultare una serie di spunti sugli effettivi costi da sostenere, senza farsi fregare nel cambio. Se infatti si passa a un nuovo fornitore per l'energia elettrica e per il gas, non bisogna pagare alcuna penale. Inoltre, nel momento del cambio, non si resterà senza energia elettrica e non sarà necessario cambiare il contatore, né effettuare modifiche all'impianto.

Scegliere la fornitura migliore è semplice se lo si fa su un comparatore come Segugio.it, che incrocia i prezzi di centinaia di offerte ogni giorno provenienti dai principali operatori del mercato e seleziona la migliore tariffa luce la migliore tariffa gas per l’utente. La combinazione tariffa ideale più Bonus Luce e Gas consentirà di fatto un importante risparmio per chi si trova in difficoltà.

Risparmia sulla bolletta della luce in pochi clic! CONFRONTA OFFERTE

Domande correlate

Richiesta di contatto×
Espandi