logo segugio.it
Parla con noi 02 5005 3003 lun-ven: 9-21 | sab: 9-18

Cos'è e come funziona il PUN?

La sigla PUN indica il Prezzo Unico Nazionale, ovvero il costo all'ingrosso dell'energia scambiata alla borsa italiana ogni giorno. Andiamo a scoprire in che modo viene calcolato, come funziona e perché si rivela una componente fondamentale delle bollette della luce.

traliccio dell'elettricità
Cosa si intende per PUN e come funziona?

Con la sigla PUN si indica il Prezzo Unico Nazionale. Si tratta del valore di riferimento dell’energia acquistata alla borsa elettrica, e ha un impatto notevole sull’importo delle bollette della luce.

In questa guida vedremo quindi come funziona il PUN, perché è così importante, qual è il suo valore e tante altre caratteristiche che è bene conoscere per valutare le offerte luce presenti sul mercato.

Che cos'è il PUN?

Il Prezzo Unico Nazionale è il costo dell’energia all’ingrosso scambiata alla borsa elettrica in Italia. Per comprendere meglio l’importanza di questo elemento, va introdotto il concetto di borsa elettrica.

La borsa elettrica italiana (detta anche IPEX, Italian Power Exchange) costituisce il mercato all’ingrosso dove i produttori vendono l’energia ai fornitori. A questo proposito, va specificato che:

  • Per produttori si intendono sia le aziende che effettivamente producono l’energia elettrica, sia i trader, ovvero i soggetti che si dedicano alla compravendita;
  • Per fornitori si intendono le compagnie del mercato libero, i grandi consumatori e Acquirente Unico, che effettuano acquisti per utilizzo interno o per vendita a soggetti terzi (cioè i clienti finali).

All’interno di questo mercato avvengono quindi le compravendite che portano le forniture di energia a essere acquistate dai soggetti interessati. Le negoziazioni vengono scandite da regole precise. Ad esempio:

  • Le compravendite si svolgono in anticipo rispetto alla consegna effettiva dell’elettricità: nei casi più estremi si concludono accordi con anticipo annuale, fino ad arrivare alle compravendite con consegna prevista poche ore dopo;
  • Il prezzo di vendita dell’energia viene influenzato da parametri come zona e prezzo zonale;
  • Le offerte di acquisto dei compratori, invece, vengono valorizzate su un unico prezzo. Si tratta proprio del PUN.

Il Prezzo Unico Nazionale, pertanto, costituisce la media dei prezzi di vendita zonali nel Mercato del Giorno Prima (MGP) ponderata con gli acquisti totali. Tutto questo al netto degli acquisti di pompaggi e di quelli provenienti da zone estere. Per Mercato del Giorno Prima si intende proprio la sede dove avvengono le negoziazioni di energia elettrica.

Come funziona il PUN?

Come anticipato, il Prezzo Unico Nazionale è la media dei prezzi di vendita zonali registrati alla borsa elettrica italiana. Come tale, si tratta di un valore mutevole, che viene aggiornato ogni ora. A causa di questa dinamica, il PUN può avere valori differenti nella stessa giornata.

A seconda delle difficoltà di approvvigionamento e produzione, infatti, il Prezzo Unico Nazionale può aumentare il proprio valore. Altri fattori che influenzano l’andamento del PUN sono:

  • L’andamento dei mercati energetici: nei momenti di maggior turbolenza geopolitica, il prezzo dell’energia tende ad aumentare;
  • Il prezzo dei mercati europei: gli altri mercati all’ingrosso internazionali influenzano il prezzo dell’energia in Italia;
  • Il costo di produzione delle centrali: qualsiasi fattore che influenza i costi di produzione (come l’approvvigionamento di materie prime) va a incidere sul prezzo del PUN.

Qual è il valore del PUN nel 2022?

L’andamento del PUN nel corso del tempo cambia ed è soggetto alle dinamiche sintetizzate nel paragrafo precedente. Di seguito vengono elencati i valori del Prezzo Unico Nazionale da agosto 2020 a ottobre 2022, con le relative quantità di MWh scambiate sul mercato:

AnnoMesePrezzo medio (€/MWh)Quantità totali (MWh)
2022ottobre211,5022.763.996
2022settembre429,9223.564.698
2022agosto543,1524.026.422
2022luglio441,6528.062.964
2022giugno271,3125.168.250
2022maggio230,0623.095.321
2022aprile245,9722.148.654
2022marzo308,0724.790.550
2022febbraio211,6923.506.964
2022gennaio224,5025.537.288
2021dicembre281,2425.277.538
2021novembre225,9524.330.218
2021ottobre217,6323.855.798
2021settembre158,5924.354.647
2021agosto112,4024.411.198
2021luglio102,6627.226.805
2021giugno84,8024.362.841
2021maggio69,9122.277.043
2021aprile69,0222.426.370
2021marzo60,3924.396.238
2021febbraio56,5722.658.333
2021gennaio60,7124.823.164
2020dicembre54,0424.370.883
2020novembre48,7523.474.385
2020ottobre43,5723.428.997
2020settembre48,8024.099.484
2020agosto40,3223.923.787

Fonte dei dati: Gestore Mercati Energetici (GME).

Come si può vedere, il prezzo subisce variazioni anche di natura piuttosto evidente, in considerazione di fattori geopolitici, ambientali, produttivi e non solo.

Come viene calcolato il PUN in bolletta?

Il Prezzo Unico Nazionale è fattore essenziale nel calcolo dell’importo delle bollette. A seconda che ci si trovi nella maggior tutela o nel mercato libero, il metodo utilizzato per calcolare l’importo cambia:

  • Nel regime tutelato, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) stabilisce trimestralmente il prezzo dell’energia. Se non hai mai cambiato fornitore, e sei quindi cliente Servizio Elettrico Nazionale, rientri in questo caso;
  • Nel mercato libero, le compagnie hanno facoltà di stabilire i prezzi. Molti fornitori, allora, scelgono di indicizzare il prezzo mensile delle tariffe proprio al PUN, aggiungendo un sovrapprezzo (chiamato fee) che costituisce il guadagno vero e proprio dell’operatore. Le offerte di questo tipo presentano quindi un prezzo variabile, e possono permettere di approfittare dei ribassi del mercato (al contrario di quelle a prezzo fisso, che rimangono immutate per un determinato periodo di tempo).

Pertanto, il PUN può costituire l’elemento che va a determinare maggiormente il costo delle fatture. A questo parametro, in ogni caso, vanno aggiunti altri elementi come eventuali imposte, oneri, spese per il trasporto e la gestione dei contatori.

Alleggerisci la bolletta scegliendo l’offerta luce più conveniente

Come visto, il funzionamento del PUN può influire direttamente sulla formazione del prezzo indicato nella bolletta dell’energia elettrica. Per scegliere la tariffa che più si adatta alle proprie necessità, puoi affidarti al servizio di confronto offerte luce di Segugio.it.

Oltre al prezzo mensile, potrai visionare anche un riepilogo dettagliato delle caratteristiche delle varie alternative. La voce “Prezzo Luce”, in particolare, indica il modo nel quale viene formato il prezzo. Se incontri la dicitura “Prezzo all’ingrosso”, vuol dire che quell’offerta è indicizzata al PUN.

Ultimo aggiornamento novembre 2022

A cura di: Francesco Ursino
Risparmia sulla bolletta della luce in pochi clic! CONFRONTA OFFERTE

Domande correlate