Come si richiede e quanto costa la voltura gas?

Come si richiede e quanto costa la voltura gas?Richiedere la voltura è molto semplice, hai bisogno di alcuni dati che sono fondamentali per il passaggio. I costi variano in base al fornitore e al mercato di appartenenza.

La voltura gas, ossia la modifica dell’intestatario del contratto di fornitura gas, è una prassi molto consueta quando si cambia casa e il precedente proprietario ha lasciato le utenze attive. Ecco tutte le informazioni utili per effettuare la voltura gas:

  • Cosa si intende con voltura gas
  • Che differenza c’è tra voltura e subentro gas
  • Quali documenti devi possedere per fare la voltura gas
  • A chi ti devi rivolgere per fare la voltura
  • Quali sono le tempistiche per la voltura gas
  • Quanto costa fare la voltura gas

Cosa s’intende con voltura gas

Con il termine voltura gas s’intende il cambio d’intestazione di un contratto di fornitura da un precedente cliente e uno nuovo. Capita frequentemente, quando si decide di acquistare o di prendere un appartamento in affitto, di cambiare l’intestatario delle utenze o di riattivare il gas se queste sono state chiuse.

La voltura gas avviene in modo semplice e, soprattutto, non comporta l’interruzione del servizio. Quindi nel momento in cui un appartamento deve essere affittato ad un nuovo inquilino, potrà avvenire un passaggio diretto di intestatario senza avere problemi relativi alla fornitura di gas e quindi si potrà cucinare, riscaldare l’acqua e gli ambienti senza interruzione ed eventuali problemi.

Che differenza c’è tra voltura e subentro gas

I termini voltura e subentro sono spesso utilizzati come sinonimi anche se caratterizzano due pratiche differenti

Con subentro s’intende l’attivazione di un nuovo contratto dopo che il precedente inquilino ha deciso di chiudere il servizio, mentre con voltura è indicato, come abbiamo precedentemente detto, il cambio intestatario del contratto. Nel caso della voltura non ci sarà un’interruzione dell’erogazione del gas nell’abitazione, ma solo un cambio di nominativo nel contratto.

Nel subentro gas il nuovo inquilino non è tenuto a pagare le bollette insolute del precedente, con la voltura, invece, queste dovrebbero ricadere su lui. Una recente pronuncia dell’Antitrust, però, ha stabilito che i nuovi affittuari sono tenuti al pagamento delle morosità pregresse solo nei casi in cui sono presenti dei rapporti di parentela. Se, invece, non sussistono dei legami diretti con il cliente uscente, possono dimostrare di essere estranei al tutto e non accollarsi il debito del precedente inquilino.

In linea generale, è utile sapere che la voltura e il subentro sono modalità differenti e bisogna conoscerle in modo da sapere come agire quando dovrai contattare il fornitore di gas.

Quali documenti devi possedere per fare la voltura gas

I dati che devi conoscere prima di fare la voltura sono:

  • i tuoi dati e quelli del precedente affittuario;
  • l’indirizzo del nuovo intestatario e del vecchio inquilino;
  • il codice PDR o il numero di matricola;
  • la lettura del contatore e il codice IBAN (non indispensabile, ma se si decide di pagare direttamente dal conto corrente è bene averlo a portata di mano)

I dati che devi fornire alla nuova compagnia gas prima di effettuare la voltura sono: codice fiscale, carta d’identità, numero di telefono e indirizzo e-mail per eventuali comunicazioni e l’invio delle bollette. I dati di cui devi essere a conoscenza riguardanti il precedente inquilino sono: nome, cognome e codice fiscale.
Gli indirizzi che le compagnie gas vogliono conoscere prima di effettuare la voltura sono: indirizzo di residenza, fornitura e dove devono essere recapitate le bollette cartacee, anche se di recente si tende sempre più spesso a inviarle online in modo da diminuire i costi della carta e per rispettare l’ambiente. È importante essere a conoscenza dell’indirizzo del nuovo intestatario in modo che il fornitore possa inviargli l’ultima bolletta del suo contratto. Per quanto riguarda il codice PDR è possibile recuperarlo dalla bolletta del precedente affittuario. Oppure puoi fornire il codice di matricola del contatore gas.
Per concludere devi effettuare la lettura del contatore. Pagare direttamente dal conto corrente è un metodo che ti permette di risparmiare tempo e che viene utilizzato sempre più spesso, per optare per questo tipo di pagamento devi fornire il tuo codice IBAN.

A chi ti devi rivolgere per fare la voltura

Per fare la voltura dovrai essere a conoscenza del fornitore di gas con cui ha attivato il contratto il precedente inquilino.

Ogni fornitore propone ai suoi clienti o futuri tali dei modi differenti per fare voltura e subentro gas. Non ti preoccupare è tutto molto semplice.

Le compagnie di energia mettono solitamente a disposizione degli utenti le seguenti modalità per fare la voltura:

  • via telefono;
  • via posta;
  • online attraverso il sito

Attraverso il servizio clienti e i vari numeri verdi puoi attivare il nuovo contratto con semplicità attraverso una registrazione telefonica. I siti delle compagnie gas propongono solitamente agli utenti delle sezioni dedicate, in cui il nuovo cliente può informarsi sui vari servizi e procedere alla voltura.

Ogni cliente può optare per le numerose modalità proposte e cambiare il nominativo del contratto senza problemi e con il supporto dei vari operatori.

Quali sono le tempistiche per la voltura gas

Il tempo tecnico minino è di 4 giorni lavorativi. La compagnia dovrebbe, entro due giorni lavorativi da quando ha ricevuto la richiesta, completare i dati e inviare una comunicazione al cliente di avere accettato la voltura. Se non ci dovessero essere dei problemi, la registrazione della voltura avviene in 2 giorni lavorativi dalla comunicazione del fornitore del servizio.

Quanto costa fare la voltura gas

I prezzi della voltura gas differiscono se l’utenza è stata attivata con mercato libero o mercato tutelato. Nel caso in cui il vecchio affittuario avesse un contratto con un fornitore del Servizio a Maggiore tutela dovrà pagare i costi amministrativi, mentre per il mercato libero a questi potrebbero essere aggiunti anche i costi di gestione pratica.

I distributori di energia hanno vari prezzi e su Segugio.it sono presenti tutte le offerte gas più adatte alle tue esigenze.


RICERCA GAS
Che utente sei?
In quale comune abiti?
Consumo stimato annuo
di gas (Smc)
Clicca qui per calcolarlo
Seleziona la tipologia di richiesta
Come vuoi pagare?
Come vuoi ricevere la bolletta?

 

×

Consumo stimato annuo di gas

Quante persone vivono in casa?
Per cosa utilizzi il gas?
Cucina
Riscaldamento Casa
Produzione Acqua Calda
Quanti metri quadri ha l'immobile?