logo segugio.it

Come disdire un contratto Engie

Se si sta lasciando un'abitazione e nessuno subentra al proprio posto, bisognerà fare una richiesta di disalimentazione per interrompere l'erogazione del servizio di luce e/o gas. 

Per chiudere il contratto di fornitura con Engie è necessario richiedere e compilare il modulo di disalimentazione, che potrà poi essere consegnato a mano in una filiale dell’azienda o inviato tramite raccomandata A/R a:

Engie Italia S.p.A
Casella Postale 242 - 20123 Milano (MI)

La disdetta può essere anche fatta telefonando al numero verde 800 422 422 attivo 7 giorni su 7 (escluse le festività nazionali), dalle ore 8:00 alle 22:00, oppure con la procedura online tramite l’Area Clienti sul sito istituzionale. Dopo aver inoltrato la richiesta, si potrà conoscere lo Stato di Avanzamento della pratica direttamente online.

Prima di contattare Engie per chiudere il contratto luce o gas bisognerà avere a portata di mano i seguenti dati: 

  • Recapito telefonico del richiedente
  • Indirizzo e-mail
  • Generalità dell’intestatario
  • Codice POD/PDR
  • Matricola del contatore
  • Indirizzo al quale inviare l’ultima fattura a conguaglio

Vale la pena ricordare che la disdetta del servizio di energia elettrica è gratuita, purché vengano rispettate le modalità e tempistiche stabilite dall’AEEGSI. Il costo per la chiusura del contatore del gas, per il quale bisognerà fissare un appuntamento con un tecnico, sarà invece di 30 euro. 

Il diritto di recesso non va confuso con il diritto di ripensamento, che può essere esercitato dall’utente entro 14 giorni dalla sottoscrizione del contratto, con la sola condizione che esso non sia stato stipulato in uno dei punti vendita del fornitore.

Per esercitare questo diritto sarà sufficiente scaricare l’apposito modulo dal sito di Engie ed inviarlo via raccomandata all’indirizzo:

Engie Italia S.p.A
Customer Care Pre Sales
Via Toscanini 19 – 70126 Bari (BA)

Oppure via fax al numero 02 32952296. Per informazioni più dettagliate è a disposizione il numero verde 800 904 448.

Subentro e Voltura

Se si deve riattivare il contatore in un immobile dove il precedente contratto di fornitura è stato cessato sarà necessario effettuare un subentro. Per questa operazione ci si potrà rivolgere ad uno dei canali di contatto indicati in precedenza avendo a portata di mano i seguenti dati:

  • generalità del nuovo intestatario
  • codice PDR/POD o matricola del contatore o nominativo del precedente intestatario 

Un tecnico del distributore locale si occuperà di rimuovere i sigilli dal contatore una volta che la richiesta sia stata inoltrata. Se invece il contatore a cui si fa riferimento è ancora attivo sarà sufficiente fare una richiesta di voltura, che può essere inoltrata in modo analogo a quanto descritto per il subentro, ma solitamente non necessita di alcun intervento sul contatore.

RICERCA ADSL
Che utente sei?
Quali servizi desideri?
In quale comune abiti?
Quale tecnologia desideri?
Quale velocità desideri?
Come desideri le chiamate?
Hai già Internet?
Vuoi includere altri servizi?
Come vuoi pagare?
Logo Segugio.it

Attendi, stiamo cercando
le migliori offerte per te. Grazie!

Che utente sei?
In quale comune abiti?
È una abitazione di residenza?
Quale è la potenza dell'impianto?
Consumo stimato annuo di
energia elettrica (KWh)
Clicca qui per calcolarlo
Quando utilizzi l'elettricità?
Seleziona la tipologia di richiesta
Come vuoi pagare?
Come vuoi ricevere la bolletta?

 

×

Consumo stimato annuo di energia elettrica

Quante persone vivono in casa?
Quali elettrodomestici sono utilizzati?
Cucina/forno elettrico
Lavatrice
Congelatore
Lavastoviglie
Scaldabagno elettrico
Condizionatore

 

×

Potenza impegnata

La potenza impegnata rappresenta il livello di potenza che viene messo a disposizione dal fornitore di energia elettrica. E’ pari al numero massimo di apparecchi elettrici da 1000 watt che si possono attivare contemporaneamente senza che il contatore automaticamente interrompa l’erogazione della corrente. Viene specificata dal fornitore nel contratto, è determinata in base alla tipologia ed al numero di elettrodomestici impiegati in casa. La potenza impegnata più comune per le utenze domestiche è pari a 3 kWh.

 

×

Consumo annuo

Sulla bolletta della luce, nel piccolo riquadro dedicato al riepilogo dei dati, puoi trovare l’informazione riguardante il Consumo annuo di energia elettrica espressa in kWh, ovvero il consumo totale nei 12 mesi precedenti il giorno di emissione della bolletta

 

×

Quando utilizzi l'elettricità?

Seleziona la fascia oraria, identificandoti in quella in cui utilizzi principalmente l’elettricità: sempre se utilizzi l’elettricità in qualsiasi fascia oraria (Giorno 44 %; Sera 33 %; Weekend 23 %); giorno se utilizzi l’elettricità soprattutto nella fascia diurna (Giorno 52 %; Sera 32 %; Weekend 16%); sera e weekend se utilizzi l’elettricità principalmente nella fascia serale e nei giorni festivi (Giorno 14 %; Sera 48 %; Weekend 38 %); oppure personalizza la tua abitudine di consumo indicando in valori percentuali quanto utilizzi l’elettricità per ognuna delle due fasce orarie. La fascia diurna va dalle ore 8 alle 19, la fascia serale dalle ore 19 alle 8, mentre nei giorni festivi viene solitamente applicata la stessa tariffa.

 

×

Seleziona la tipologia di richiesta

Cambio fornitore: quando hai già un contratto attivo a tuo nome, e vuoi passare ad una nuova offerta commerciale.

Nuova attivazione: quando vuoi attivare per la prima volta una fornitura di energia elettrica o gas per la tua abitazione.

Subentro: quando vuoi riattivare una fornitura dopo la cessazione del contratto da parte del precedente intestatario, che ha richiesto la disattivazione del contatore.

Voltura: quando vuoi cambiare l’intestazione di un contratto di fornitura funzionante, attivando contestualmente una nuova offerta commerciale, senza interruzione dell'erogazione di energia elettrica e di gas.

 

×

Modalità di pagamento

Indica la modalità di pagamento che desideri in quanto la selezione può impattare sul risultato della simulazione. In linea generale, la modalità di pagamento con l’addebito diretto SEPA (che sostituisce il servizio di RID bancario da febbraio 2014 secondo le indicazioni dell’Unione Europea) è automatizzata e non prevede costi aggiuntivi. Invece, la modalità di pagamento con il bollettino postale prevede solitamente un contributo aggiuntivo per la gestione dei costi amministrativi. Alcune offerte non prevedono questa seconda modalità di pagamento.

Logo Segugio.it

Attendi, stiamo cercando
le migliori offerte per te. Grazie!