logo segugio.it

Famiglie in difficoltà: come far fronte alle bollette troppo salate?

Pubblicato il 13/11/2018

Famiglie in difficoltà: come far fronte alle bollette troppo salate?

Si chiama “fuel poverty”, letteralmente povertà energetica e può essere definita come “la difficolta da parte di una famiglia di far fronte alle spese energetiche di elettricità e gas per mantenere la propria abitazione sufficientemente calda d’inverno o fresca d’estate e per l’utilizzo delle apparecchiature elettriche minime indispensabili”.

La povertà energetica riguarda in Italia ben 9 milioni di persone, il 16,5% delle famiglie secondo gli ultimi dati risalenti però al 2016, dato in crescita costante rispetto agli anni precedenti. I motivi per cui questi soggetti non riescono ad avere adeguata copertura energetica per riscaldarsi sono molteplici: da un reddito percepito troppo basso per far fronte alle spese per l’energia o il gas, al fatto di vivere in immobili non efficienti energeticamente, perché isolati, umidi e con impianti vecchi e mal funzionanti.

Gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile

Eppure la necessità di garantire alle famiglie in difficoltà un livello di energia adeguato è uno dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, a loro volta parte di un programma più grande che coinvolge i governi di 193 Paesi membri dell’ONU su obiettivi comuni da raggiungere entro il 2023: la lotta alla povertà, la lotta al cambiamento climatico, lo sviluppo di politiche in favore dell'ambiente volte ad assicurare alle famiglie più bisognose un livello di energia adeguato per le proprie necessità.

Non si ferma il rincaro delle bollette

Intere famiglie vivono oggi nella condizione di non potersi permettere un riscaldamento adeguato della casa durante la stagione invernale e il continuo rincaro del costo di gas ed energia non aiuta, peggiorando invece il disagio. Come abbiamo avuto modo di riportare nella nostra news “Luce e gas: bollette d’autunno più care”, nell’ultimo trimestre del 2018 la bolletta elettrica sarà più cara del 7,6%, mentre quella del metano del 6,1%, rincari che si sommano a quelli del primo luglio scorso, quando l’elettricità e il gas erano saliti rispettivamente del 6,5% e 8,2%. In termini di spesa, significa che una famiglia con consumi nella media avrà un maggior esborso di circa 90 euro rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Il dato che riguarda la fuel poverty non è incoraggiante neanche a livello europeo, visto che tra gli Stati membri una famiglia su sette non riesce a riscaldare adeguatamente o in nessun modo la propria casa. A detenere il primato dei prezzi più cari per l’elettricità sono Danimarca e Germania, mentre l’Italia è terza, così come per i prezzi del gas, dove il nostro Paese è sempre terzo insieme alla Spagna, preceduto solo Svezia e Portogallo.

Come contrastare il caro prezzi energia e gas?

Il Bonus sociale è sicuramente uno strumento che può aiutare chi è in difficoltà, perché riguarda proprio uno sconto sulle bollette dell'energia elettrica e del gas naturale finanziato dal Governo, con l’AEEGSI e la collaborazione dei Comuni. Possono richiederlo gli utenti domestici che sono intestatari del contratto per l’abitazione di residenza o clienti domestici con impianto condominiale che abbiano indicatore ISEE stabilito.

Un altro modo per risparmiare è cercare la tariffa che può procurare un risparmio importante, confrontando le proposte dei differenti gestori sul mercato. Una mano importante può arrivare da Segugio.it, esperto nella comparazione di tariffe e strumento indispensabile per trovare quella in assoluto più conveniente. Basta compilare il form sul portale con i dati essenziali e le preferenze per la fornitura, quindi si troverà la tariffa congeniale alle proprie possibilità, oppure dare uno sguardo ogni giorno alle sezioni delle offerte per l'energia elettrica o delle migliori offerte gas.

Logo Segugio.it

Attendi, ti stiamo
trasferendo al sito della società!

A cura di: Paola Campanelli

Confronta i prezzi e risparmia

Scopri subito le migliori tariffe  >>
Come valuti questa notizia?
Famiglie in difficoltà: come far fronte alle bollette troppo salate?Valutazione: 5/5
(basata su 3 voti)
RICERCA LUCE
Che utente sei?
In quale comune abiti?
È una abitazione di residenza?
Quale è la potenza dell'impianto?
Consumo stimato annuo di
energia elettrica
Clicca qui per calcolarlo
Quando utilizzi l'elettricità?
Seleziona la tipologia di richiesta
Come vuoi pagare?
Come vuoi ricevere la bolletta?

 

×

Consumo stimato annuo di energia elettrica

Quante persone vivono in casa?
Quali elettrodomestici sono utilizzati?
Cucina/forno elettrico
Lavatrice
Congelatore
Lavastoviglie
Scaldabagno elettrico
Condizionatore

 

×

Potenza impegnata

La potenza impegnata rappresenta il livello di potenza che viene messo a disposizione dal fornitore di energia elettrica. E’ pari al numero massimo di apparecchi elettrici da 1000 watt che si possono attivare contemporaneamente senza che il contatore automaticamente interrompa l’erogazione della corrente. Viene specificata dal fornitore nel contratto, è determinata in base alla tipologia ed al numero di elettrodomestici impiegati in casa. La potenza impegnata più comune per le utenze domestiche è pari a 3 kWh.

 

×

Consumo annuo

Sulla bolletta della luce, nel piccolo riquadro dedicato al riepilogo dei dati, puoi trovare l’informazione riguardante il Consumo annuo di energia elettrica espressa in kWh, ovvero il consumo totale nei 12 mesi precedenti il giorno di emissione della bolletta

 

×

Quando utilizzi l'elettricità?

Seleziona la fascia oraria, identificandoti in quella in cui utilizzi principalmente l’elettricità: sempre se utilizzi l’elettricità in qualsiasi fascia oraria (Giorno 44 %; Sera 33 %; Weekend 23 %); giorno se utilizzi l’elettricità soprattutto nella fascia diurna (Giorno 52 %; Sera 32 %; Weekend 16%); sera e weekend se utilizzi l’elettricità principalmente nella fascia serale e nei giorni festivi (Giorno 14 %; Sera 48 %; Weekend 38 %); oppure personalizza la tua abitudine di consumo indicando in valori percentuali quanto utilizzi l’elettricità per ognuna delle due fasce orarie. La fascia diurna va dalle ore 8 alle 19, la fascia serale dalle ore 19 alle 8, mentre nei giorni festivi viene solitamente applicata la stessa tariffa.

 

×

Seleziona la tipologia di richiesta

Cambio fornitore: quando hai già un contratto attivo a tuo nome, e vuoi passare ad una nuova offerta commerciale.

Nuova attivazione: quando vuoi attivare per la prima volta una fornitura di energia elettrica o gas per la tua abitazione.

Subentro: quando vuoi riattivare una fornitura dopo la cessazione del contratto da parte del precedente intestatario, che ha richiesto la disattivazione del contatore.

Voltura: quando vuoi cambiare l’intestazione di un contratto di fornitura funzionante, attivando contestualmente una nuova offerta commerciale, senza interruzione dell'erogazione di energia elettrica e di gas.

 

×

Modalità di pagamento

Indica la modalità di pagamento che desideri in quanto la selezione può impattare sul risultato della simulazione. In linea generale, la modalità di pagamento con l’addebito diretto SEPA (che sostituisce il servizio di RID bancario da febbraio 2014 secondo le indicazioni dell’Unione Europea) è automatizzata e non prevede costi aggiuntivi. Invece, la modalità di pagamento con il bollettino postale prevede solitamente un contributo aggiuntivo per la gestione dei costi amministrativi. Alcune offerte non prevedono questa seconda modalità di pagamento.

Logo Segugio.it

Attendi, stiamo cercando
le migliori offerte per te. Grazie!

RICERCA GAS
Che utente sei?
In quale comune abiti?
Consumo stimato annuo di gas
Clicca qui per calcolarlo
Seleziona la tipologia di richiesta
Come vuoi pagare?
Come vuoi ricevere la bolletta?

 

×

Consumo stimato annuo di gas

Quante persone vivono in casa?
Per cosa utilizzi il gas?
Cucina
Riscaldamento Casa
Produzione Acqua Calda
Quanti metri quadri ha l'immobile?

 

×

Potenza impegnata

La potenza impegnata rappresenta il livello di potenza che viene messo a disposizione dal fornitore di energia elettrica. E’ pari al numero massimo di apparecchi elettrici da 1000 watt che si possono attivare contemporaneamente senza che il contatore automaticamente interrompa l’erogazione della corrente. Viene specificata dal fornitore nel contratto, è determinata in base alla tipologia ed al numero di elettrodomestici impiegati in casa. La potenza impegnata più comune per le utenze domestiche è pari a 3 kWh.

 

×

Consumo annuo

Sulla bolletta del gas, nel piccolo riquadro dedicato al riepilogo dei dati, puoi trovare l’informazione riguardante il Consumo annuo di gas espresso in Sm3 o Smc (standard metri cubi) ovvero il consumo totale nei 12 mesi precedenti il giorno di emissione della bolletta

 

×

Quando utilizzi l'elettricità?

Seleziona la fascia oraria, identificandoti in quella in cui utilizzi principalmente l’elettricità: sempre se utilizzi l’elettricità in qualsiasi fascia oraria (Giorno 44 %; Sera 33 %; Weekend 23 %); giorno se utilizzi l’elettricità soprattutto nella fascia diurna (Giorno 52 %; Sera 32 %; Weekend 16%); sera e weekend se utilizzi l’elettricità principalmente nella fascia serale e nei giorni festivi (Giorno 14 %; Sera 48 %; Weekend 38 %); oppure personalizza la tua abitudine di consumo indicando in valori percentuali quanto utilizzi l’elettricità per ognuna delle due fasce orarie. La fascia diurna va dalle ore 8 alle 19, la fascia serale dalle ore 19 alle 8, mentre nei giorni festivi viene solitamente applicata la stessa tariffa.

 

×

Seleziona la tipologia di richiesta

Cambio fornitore: quando hai già un contratto attivo a tuo nome, e vuoi passare ad una nuova offerta commerciale.

Nuova attivazione: quando vuoi attivare per la prima volta una fornitura di energia elettrica o gas per la tua abitazione.

Subentro: quando vuoi riattivare una fornitura dopo la cessazione del contratto da parte del precedente intestatario, che ha richiesto la disattivazione del contatore.

Voltura: quando vuoi cambiare l’intestazione di un contratto di fornitura funzionante, attivando contestualmente una nuova offerta commerciale, senza interruzione dell'erogazione di energia elettrica e di gas.

 

×

Modalità di pagamento

Indica la modalità di pagamento che desideri in quanto la selezione può impattare sul risultato della simulazione. In linea generale, la modalità di pagamento con l’addebito diretto SEPA (che sostituisce il servizio di RID bancario da febbraio 2014 secondo le indicazioni dell’Unione Europea) è automatizzata e non prevede costi aggiuntivi. Invece, la modalità di pagamento con il bollettino postale prevede solitamente un contributo aggiuntivo per la gestione dei costi amministrativi. Alcune offerte non prevedono questa seconda modalità di pagamento.

Logo Segugio.it

Attendi, stiamo cercando
le migliori offerte per te. Grazie!