Logo Segugio.it

Luce e gas: bollette d’autunno più care

Pubblicato il 02/10/2018
Ultima modifica il 12/10/2018

Luce e gas: bollette d’autunno più care

Non ci sono buone notizie per i consumatori italiani, che con l’arrivo di ottobre hanno visto nuovamente aumentare le tariffe di luce e gas. Secondo quanto comunicato dall’ARERA (l'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente), nell’ultimo trimestre del 2018 la bolletta elettrica sarà più cara del 7,6%, mentre quella del metano del 6,1%.

In termini di spesa, significa che una famiglia con consumi nella media avrà un maggior esborso di circa 90 euro rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Gli attuali rincari si sommano a quelli già scattati dopo il primo luglio, di cui si è parlato nella news “Luce e gas: bollette più care per il terzo trimestre”, quando l’elettricità e il gas erano saliti rispettivamente del 6,5% e 8,2%.

Le ragioni degli aumenti

A favorire la corsa dei prezzi hanno concorso una serie di fattori. Quello principale riguarda l’aumento dei prezzi delle materie prime, con il prezzo del petrolio che ha superato in Europa gli 80 dollari al barile (contro i 60 dollari del settembre scorso) e quello del gas naturale sul mercato all'ingresso che è più alto di circa il 50% rispetto a un anno fa.

Una parte della responsabilità delle bollette più care va ricercata anche nella fermata estiva di parte degli impianti nucleari francesi, che a causa della siccità non hanno potuto rifornirsi adeguatamente dell’acqua necessaria per le operazioni di raffreddamento dei reattori. Questo ha comportato un crollo delle esportazioni di energia elettrica verso i paesi confinanti tra cui l'Italia.

Per farsi un’idea delle variabili che definiscono il prezzo del metano al metro cubo e il costo dell’energia elettrica, basta consultare le guide di Segugio.it, che chiariscono sia le componenti di costo delle due utenze, sia la differenza di prezzo nel servizio di maggior tutela e nel mercato libero.

L'intervento dell'Authority 

I rincari dell’elettricità sarebbero stati anche maggiori per i consumatori se non ci fosse stato un intervento calmierante dell'ARERA. Così come era già avvenuto nel trimestre luglio-settembre, si è deciso di congelare il pagamento in bolletta di una parte degli oneri di sistema, i costi che riguardano gli incentivi alle rinnovabili e le forme economiche di sostegno a varie categorie industriali, il cui ammontare è diviso tra le bollette di famiglie e imprese.

La protesta delle Associazioni dei consumatori

L’aggiornamento delle tariffe ha portato alla dura reazione del Codacons. “Nel 2018”, spiega il presidente Carlo Rienzi, “le famiglie hanno subito un abnorme aumento delle bollette al punto che da inizio anno le tariffe del gas sono rincarate complessivamente del +13,6%, quelle della luce del +11,4%. Incrementi che incidono sui bilanci familiari, specie per i nuclei più numerosi e quelli a reddito medio-basso, e che non appaiono giustificati da un reale rialzo dei costi della materia prima”.

Come far fronte agli aumenti?

Per tagliare la spesa in bolletta basta cercare le tariffe migliori su Segugio.it, il portale che confronta le soluzioni di luce e gas più economiche sul mercato

Per esempio, ipotizzando di voler sottoscrivere una nuova fornitura di energia elettrica – cliente residente nella città di Milano, consumo di 2700 kWh l’anno, potenza impegnata di 3 kW, frequenza di utilizzo in qualsiasi fascia oraria, invio elettronico della fattura e pagamento tramite RID – si distingue la proposta di Engie, al prezzo annuo di 450,66 euro (37,56 al mese). Energia 3.0 Light (attivabile solo tramite call center) è riservata ai nuovi clienti con contatore già attivo e prevede il prezzo della componente energia bloccato per i primi 2 anni di fornitura. I principali servizi riguardano l’avviso via e-mail dell'emissione della fattura (in formato elettronico) e l’archivio storico di quelle emesse negli ultimi 24 mesi. La promozione attiva è il servizio gratuito di monitoraggio dei consumi Domuscheck, che fornisce all’utente un valido aiuto per capire come risparmiare in bolletta.

Per la fornitura del gas (consumo annuo 755 Sm3, modalità di pagamento RID e invio bolletta elettronico nel comune di Milano) troviamo la soluzione offerta da Iren con Iren 10 Per Tre Special Web Gas prevede una spesa annua è di 523,86 euro (43,65 euro al mese). L’offerta, con prezzo della materia prima bloccato per 24 mesi, prevede un bonus di 30 euro sulla fornitura del gas che verrà corrisposto in tre rate da 10,00 euro l’una, accreditate nelle bollette del primo, del sesto e del dodicesimo mese di fornitura. Con l'attivazione l’utente potrà ricevere un voucher del valore massimo di 150 euro per l’acquisto di prodotti sull’E-Shop Iren Luce Gas e Servizi, valido fino al 31/12/2018.

Logo Segugio.it

Attendi, ti stiamo
trasferendo al sito della società!

A cura di: Paola Campanelli

Confronta i prezzi e risparmia

Scopri subito le migliori tariffe  >>
Come valuti questa notizia?
Luce e gas: bollette d’autunno più careValutazione: 3,8/5
(basata su 4 voti)
ARTICOLI CORRELATI
Le tariffe gas più convenienti di ottobre 2018pubblicato il 13 ottobre 2018
Subentro gas: ecco come farepubblicato il 9 ottobre 2018
Voltura contratto gas: come si fapubblicato il 28 settembre 2018
Obbligatoria la data di spedizione sulla bollettapubblicato il 16 settembre 2018
Le tariffe luce più convenienti di agosto 2018pubblicato il 14 agosto 2018
RICERCA LUCE
Che utente sei?
In quale comune abiti?
È una abitazione di residenza?
Quale è la potenza dell'impianto?
Consumo stimato annuo di
energia elettrica
Clicca qui per calcolarlo
Quando utilizzi l'elettricità?
Seleziona la tipologia di richiesta
Come vuoi pagare?
Come vuoi ricevere la bolletta?

 

×

Consumo stimato annuo di energia elettrica

Quante persone vivono in casa?
Quali elettrodomestici sono utilizzati?
Cucina/forno elettrico
Lavatrice
Congelatore
Lavastoviglie
Scaldabagno elettrico
Condizionatore

 

×

Potenza impegnata

La potenza impegnata rappresenta il livello di potenza che viene messo a disposizione dal fornitore di energia elettrica. E’ pari al numero massimo di apparecchi elettrici da 1000 watt che si possono attivare contemporaneamente senza che il contatore automaticamente interrompa l’erogazione della corrente. Viene specificata dal fornitore nel contratto, è determinata in base alla tipologia ed al numero di elettrodomestici impiegati in casa. La potenza impegnata più comune per le utenze domestiche è pari a 3 kWh.

 

×

Consumo annuo

Sulla bolletta della luce, nel piccolo riquadro dedicato al riepilogo dei dati, puoi trovare l’informazione riguardante il Consumo annuo di energia elettrica espressa in kWh, ovvero il consumo totale nei 12 mesi precedenti il giorno di emissione della bolletta

 

×

Quando utilizzi l'elettricità?

Seleziona la fascia oraria, identificandoti in quella in cui utilizzi principalmente l’elettricità: sempre se utilizzi l’elettricità in qualsiasi fascia oraria (Giorno 44 %; Sera 33 %; Weekend 23 %); giorno se utilizzi l’elettricità soprattutto nella fascia diurna (Giorno 52 %; Sera 32 %; Weekend 16%); sera e weekend se utilizzi l’elettricità principalmente nella fascia serale e nei giorni festivi (Giorno 14 %; Sera 48 %; Weekend 38 %); oppure personalizza la tua abitudine di consumo indicando in valori percentuali quanto utilizzi l’elettricità per ognuna delle due fasce orarie. La fascia diurna va dalle ore 8 alle 19, la fascia serale dalle ore 19 alle 8, mentre nei giorni festivi viene solitamente applicata la stessa tariffa.

 

×

Seleziona la tipologia di richiesta

Cambio fornitore: quando hai già un contratto attivo a tuo nome, e vuoi passare ad una nuova offerta commerciale.

Nuova attivazione: quando vuoi attivare per la prima volta una fornitura di energia elettrica o gas per la tua abitazione.

Subentro: quando vuoi riattivare una fornitura dopo la cessazione del contratto da parte del precedente intestatario, che ha richiesto la disattivazione del contatore.

Voltura: quando vuoi cambiare l’intestazione di un contratto di fornitura funzionante, attivando contestualmente una nuova offerta commerciale, senza interruzione dell'erogazione di energia elettrica e di gas.

 

×

Modalità di pagamento

Indica la modalità di pagamento che desideri in quanto la selezione può impattare sul risultato della simulazione. In linea generale, la modalità di pagamento con l’addebito diretto SEPA (che sostituisce il servizio di RID bancario da febbraio 2014 secondo le indicazioni dell’Unione Europea) è automatizzata e non prevede costi aggiuntivi. Invece, la modalità di pagamento con il bollettino postale prevede solitamente un contributo aggiuntivo per la gestione dei costi amministrativi. Alcune offerte non prevedono questa seconda modalità di pagamento.

Logo Segugio.it

Attendi, stiamo cercando
le migliori offerte per te. Grazie!

Logo Segugio.it

Attendi, stiamo cercando
le migliori offerte per te. Grazie!