Logo Segugio.it

Maxi-conguagli di luce e gas: cosa fare?

Pubblicato il 10/09/2018
Ultima modifica il 11/09/2018

Maxi-conguagli di luce e gas: cosa fare?

La fine dell’estate porta qualche preoccupazione economica per le famiglie italiane, alle prese con un potenziale arrivo dei maxi-conguagli per le bollette di luce e gas.

A lanciare l’allarme è la Federcontribuenti, che ha rilevato come alcuni utenti abbiano ricevuto in fattura, alla voce “ricalcolo dei consumi”, importi extra fino a 500 euro.

Cos'è un conguaglio?

Quando si parla di conguaglio bisogna fare riferimento alle due variabili essenziali che lo determinano: il consumo stimato e il consumo rilevato. 

Il consumo stimato è quello presunto e utilizzato per la fatturazione qualora il gestore non disponga dei dati sui consumi reali, quindi se non è stata effettuata una lettura del contatore o l’autolettura da parte del cliente. In bolletta il valore del consumo stimato è riportato vicino al campo che indica l’energia in kWh addebitata.

Il consumo rilevato rappresenta invece quello effettivo, quindi l’esatta quantità di energia erogata a carico dell’utente e consumata, ed è dato dalla differenza tra i consumi rilevati sul contatore in due periodi differenti.

Il conguaglio quantifica proprio la differenza tra consumo stimato e consumo effettivo, anche in termini di costo sostenuto in più (o in meno) dall'utente, visto che la previsione di lettura può discostarsi molto dal dato reale.

Segugio.it dedica all’argomento conguaglio una delle sue guide, spiegando nel dettaglio la differenza tra i due tipi di consumo e fornendo ogni ipotesi di situazione che può presentarsi in seguito alla rilevazione dei consumi con la lettura del contatore.

Come comportarsi di fronte a una bolletta salata?

L’utente deve tenere a mente che il ricalcolo deve essere motivato con informazioni precise inserite in fattura, in più devono essere indicati in modo chiaro gli importi ricalcolati e il periodo a cui fa riferimento il nuovo conteggio dei consumi.

La Federcontribuenti invita a difendersi dai maxi-conguagli attraverso la presentazione di un reclamo alla società che gestisce il servizio via PEC o per raccomandata. Se il gestore non risponde o risponde negativamente, l’utente potrà denunciare il caso all'ARERA (Autorità di regolazione per energia reti e ambiente), che avvierà una procedura di conciliazione, vale a dire un tentativo di trovare un accordo tra la società che ha effettuato il ricalcolo e il consumatore. In caso di importi superiori ai 2.500 euro, il consumatore può citare il gestore dell’utenza al Giudice di Pace. 

Prescrizione breve sui conguagli

La Legge di bilancio 2018 ha stabilito che i gestori non possono applicare in bolletta i conguagli relativi a periodi superiori a 2 anni, un provvedimento entrato in vigore a partire dallo scorso primo marzo. “Se i consumi sono riferiti a un periodo superiore ai 24 mesi”, spiega l’ARERA, “il cliente è legittimato a sospendere il pagamento, previo reclamo al venditore e qualora l'Antitrust (AGCM) abbia aperto un procedimento nei confronti di quest'ultimo. Avrà inoltre diritto a ricevere il rimborso dei pagamenti effettuati qualora il procedimento AGCM si concluda con l'accertamento di una violazione”.

La delibera, di cui si può approfondire nella news “Bollette, la delibera dell’Autorità vieta i maxi-conguagli”, è stata accolta favorevolmente dalle Associazioni dei consumatori, che da anni segnalano i problemi inerenti a consumi presunti, errori di calcolo e richieste di arretrati.

Luce e gas più care nel terzo trimestre

Ricordiamo che per il periodo luglio-settembre, la bolletta dell’energia elettrica e quella del gas sono rincarate rispettivamente del 6,5% e dell’8,2%.

La decisione è arrivata direttamente dall’ARERA, che ogni trimestre esamina l'andamento dei mercati delle materie prime energetiche adeguando gli importi in bolletta delle due utenze per chi appartiene al mercato di maggior tutela. Gli aumenti sono da attribuire soprattutto al rialzo delle quotazioni del greggio, +9% nel solo mese di maggio e +57% in un anno, che ha influenzato pesantemente i prezzi delle materie prime sui mercati all'ingrosso e conseguentemente i costi in bolletta per i clienti finali. Per arginare il rincaro dell’energia elettrica, l’Autorità ha deciso di limare la voce relativa agli oneri generali di sistema: la riduzione ottenuta è stata del 6%, ripartita in un -2,3% per gli incentivi a sostegno delle energie rinnovabili e un -3,7% per la copertura degli altri oneri.

Come dare un taglio alla spesa di luce e gas

Per risparmiare sulla bolletta delle utenze basta affidarsi a Segugio.it, il portale italiano che mette a confronto le migliori tariffe luce e gas. Vediamone qualcuna in relazione alla fornitura di luce, aggiornata all'11 di settembre.

Utilizzando un profilo-tipo nella provincia di Milano – consumo annuo di 2.700 kWh e potenza impegnata di 3 kW, modalità di pagamento elettronico, invio bolletta elettronico e una frequenza di utilizzo in qualsiasi fascia oraria – si scopre che la soluzione più conveniente è quella di Engie con Energia 3.0 Light. Il costo mensile è di 37,56 euro con il prezzo dell'energia bloccato per 24 mesi. Un'altra offerta conveniente è Energia Prezzo Fisso 12 mesi di wekiwi con un costo mensile di 38,01 euro. Con wekiwi, l'utente può usufruire dei vantaggi della cosiddetta Carica mensile, bimestrale o quadrimestrale. La Carica è un ammontare scelto dall’intestatario del contratto e basato sull’importo medio delle precedenti bollette. Aderendo all’offerta si otterranno anche degli sconti da utilizzare sullo shop del portale, che propone prodotti innovativi per il risparmio energetico.

Per il gas (cliente residente nella città di Milano, consumo 1.000 Sm3, ricezione della bolletta in formato cartaceo, pagamento con bollettino postale) si distingue la proposta di AGSM, che con Premium Web Gas Casa applica una tariffa mensile di 57,72 euro (692,60 l’anno). L'offerta è valida fino al 15 di ottobre.

Logo Segugio.it

Attendi, ti stiamo
trasferendo al sito della società!

A cura di: Paola Campanelli

Confronta i prezzi e risparmia

Scopri subito le migliori tariffe  >>
Come valuti questa notizia?
Maxi-conguagli di luce e gas: cosa fare?Valutazione: 4,5/5
(basata su 19 voti)
ARTICOLI CORRELATI
Le tariffe gas più convenienti di novembre 2018pubblicato il 9 novembre 2018
Le tariffe gas più convenienti di ottobre 2018pubblicato il 13 ottobre 2018
Subentro gas: ecco come farepubblicato il 9 ottobre 2018
Luce e gas: bollette d’autunno più carepubblicato il 2 ottobre 2018
Le tariffe luce più convenienti di agosto 2018pubblicato il 14 agosto 2018
RICERCA LUCE
Che utente sei?
In quale comune abiti?
È una abitazione di residenza?
Quale è la potenza dell'impianto?
Consumo stimato annuo di
energia elettrica
Clicca qui per calcolarlo
Quando utilizzi l'elettricità?
Seleziona la tipologia di richiesta
Come vuoi pagare?
Come vuoi ricevere la bolletta?

 

×

Consumo stimato annuo di energia elettrica

Quante persone vivono in casa?
Quali elettrodomestici sono utilizzati?
Cucina/forno elettrico
Lavatrice
Congelatore
Lavastoviglie
Scaldabagno elettrico
Condizionatore

 

×

Potenza impegnata

La potenza impegnata rappresenta il livello di potenza che viene messo a disposizione dal fornitore di energia elettrica. E’ pari al numero massimo di apparecchi elettrici da 1000 watt che si possono attivare contemporaneamente senza che il contatore automaticamente interrompa l’erogazione della corrente. Viene specificata dal fornitore nel contratto, è determinata in base alla tipologia ed al numero di elettrodomestici impiegati in casa. La potenza impegnata più comune per le utenze domestiche è pari a 3 kWh.

 

×

Consumo annuo

Sulla bolletta della luce, nel piccolo riquadro dedicato al riepilogo dei dati, puoi trovare l’informazione riguardante il Consumo annuo di energia elettrica espressa in kWh, ovvero il consumo totale nei 12 mesi precedenti il giorno di emissione della bolletta

 

×

Quando utilizzi l'elettricità?

Seleziona la fascia oraria, identificandoti in quella in cui utilizzi principalmente l’elettricità: sempre se utilizzi l’elettricità in qualsiasi fascia oraria (Giorno 44 %; Sera 33 %; Weekend 23 %); giorno se utilizzi l’elettricità soprattutto nella fascia diurna (Giorno 52 %; Sera 32 %; Weekend 16%); sera e weekend se utilizzi l’elettricità principalmente nella fascia serale e nei giorni festivi (Giorno 14 %; Sera 48 %; Weekend 38 %); oppure personalizza la tua abitudine di consumo indicando in valori percentuali quanto utilizzi l’elettricità per ognuna delle due fasce orarie. La fascia diurna va dalle ore 8 alle 19, la fascia serale dalle ore 19 alle 8, mentre nei giorni festivi viene solitamente applicata la stessa tariffa.

 

×

Seleziona la tipologia di richiesta

Cambio fornitore: quando hai già un contratto attivo a tuo nome, e vuoi passare ad una nuova offerta commerciale.

Nuova attivazione: quando vuoi attivare per la prima volta una fornitura di energia elettrica o gas per la tua abitazione.

Subentro: quando vuoi riattivare una fornitura dopo la cessazione del contratto da parte del precedente intestatario, che ha richiesto la disattivazione del contatore.

Voltura: quando vuoi cambiare l’intestazione di un contratto di fornitura funzionante, attivando contestualmente una nuova offerta commerciale, senza interruzione dell'erogazione di energia elettrica e di gas.

 

×

Modalità di pagamento

Indica la modalità di pagamento che desideri in quanto la selezione può impattare sul risultato della simulazione. In linea generale, la modalità di pagamento con l’addebito diretto SEPA (che sostituisce il servizio di RID bancario da febbraio 2014 secondo le indicazioni dell’Unione Europea) è automatizzata e non prevede costi aggiuntivi. Invece, la modalità di pagamento con il bollettino postale prevede solitamente un contributo aggiuntivo per la gestione dei costi amministrativi. Alcune offerte non prevedono questa seconda modalità di pagamento.

Logo Segugio.it

Attendi, stiamo cercando
le migliori offerte per te. Grazie!

RICERCA GAS
Che utente sei?
In quale comune abiti?
Consumo stimato annuo di gas
Clicca qui per calcolarlo
Seleziona la tipologia di richiesta
Come vuoi pagare?
Come vuoi ricevere la bolletta?

 

×

Consumo stimato annuo di gas

Quante persone vivono in casa?
Per cosa utilizzi il gas?
Cucina
Riscaldamento Casa
Produzione Acqua Calda
Quanti metri quadri ha l'immobile?

 

×

Potenza impegnata

La potenza impegnata rappresenta il livello di potenza che viene messo a disposizione dal fornitore di energia elettrica. E’ pari al numero massimo di apparecchi elettrici da 1000 watt che si possono attivare contemporaneamente senza che il contatore automaticamente interrompa l’erogazione della corrente. Viene specificata dal fornitore nel contratto, è determinata in base alla tipologia ed al numero di elettrodomestici impiegati in casa. La potenza impegnata più comune per le utenze domestiche è pari a 3 kWh.

 

×

Consumo annuo

Sulla bolletta del gas, nel piccolo riquadro dedicato al riepilogo dei dati, puoi trovare l’informazione riguardante il Consumo annuo di gas espresso in Sm3 o Smc (standard metri cubi) ovvero il consumo totale nei 12 mesi precedenti il giorno di emissione della bolletta

 

×

Quando utilizzi l'elettricità?

Seleziona la fascia oraria, identificandoti in quella in cui utilizzi principalmente l’elettricità: sempre se utilizzi l’elettricità in qualsiasi fascia oraria (Giorno 44 %; Sera 33 %; Weekend 23 %); giorno se utilizzi l’elettricità soprattutto nella fascia diurna (Giorno 52 %; Sera 32 %; Weekend 16%); sera e weekend se utilizzi l’elettricità principalmente nella fascia serale e nei giorni festivi (Giorno 14 %; Sera 48 %; Weekend 38 %); oppure personalizza la tua abitudine di consumo indicando in valori percentuali quanto utilizzi l’elettricità per ognuna delle due fasce orarie. La fascia diurna va dalle ore 8 alle 19, la fascia serale dalle ore 19 alle 8, mentre nei giorni festivi viene solitamente applicata la stessa tariffa.

 

×

Seleziona la tipologia di richiesta

Cambio fornitore: quando hai già un contratto attivo a tuo nome, e vuoi passare ad una nuova offerta commerciale.

Nuova attivazione: quando vuoi attivare per la prima volta una fornitura di energia elettrica o gas per la tua abitazione.

Subentro: quando vuoi riattivare una fornitura dopo la cessazione del contratto da parte del precedente intestatario, che ha richiesto la disattivazione del contatore.

Voltura: quando vuoi cambiare l’intestazione di un contratto di fornitura funzionante, attivando contestualmente una nuova offerta commerciale, senza interruzione dell'erogazione di energia elettrica e di gas.

 

×

Modalità di pagamento

Indica la modalità di pagamento che desideri in quanto la selezione può impattare sul risultato della simulazione. In linea generale, la modalità di pagamento con l’addebito diretto SEPA (che sostituisce il servizio di RID bancario da febbraio 2014 secondo le indicazioni dell’Unione Europea) è automatizzata e non prevede costi aggiuntivi. Invece, la modalità di pagamento con il bollettino postale prevede solitamente un contributo aggiuntivo per la gestione dei costi amministrativi. Alcune offerte non prevedono questa seconda modalità di pagamento.

Logo Segugio.it

Attendi, stiamo cercando
le migliori offerte per te. Grazie!