logo segugio.it

Mercato libero: consumatori poco informati e tanta confusione

Pubblicato il 25/06/2018
Ultima modifica il 25/03/2019

Mercato libero: consumatori poco informati e tanta confusioneIl definitivo passaggio da mercato di maggior tutela a mercato libero avverrà il 1° luglio del prossimo anno ma, ad oggi, nonostante i numerosi articoli ed approfondimenti, molti consumatori sono ancora poco informati o confusi sul da farsi.

Da un recente questionario dell’Associazione Consumatori Codici è emerso che il 30% degli utenti non è a conoscenza della fine del mercato di maggior tutela e l’81% dei rispondenti non sa come orientarsi tra i diversi operatori sul mercato; inoltre, quasi un terzo del campione non conosce la composizione del costo di elettricità e gas e l’ammontare dei propri consumi.

Non sono dati molto confortanti, soprattutto perché in questo periodo le compagnie stanno praticando politiche anche molto insistenti per accaparrarsi nuovi clienti. Ne abbiamo parlato nella recente news "Mercato libero: come orientarsi senza sbagliare": Confconsumatori ha segnalato agli utenti la possibilità di ricevere telefonate scorrette che segnalano l'imminente chiusura del mercato di Maggior Tutela, facendo pressione per l’attivazione di contratti nel mercato libero.

Prima di fare chiarezza su come funziona il mercato libero e come cambierà la bolletta, bisogna ricordare che, nel settore tariffe, attualmente ogni azienda può proporre condizioni contrattuali, prezzi o offerte aggiuntive, quali ad esempio sconti, assicurazioni o promozioni dedicate.

Tuttavia, almeno al momento, non c’è l’obbligo di passare a un operatore del mercato libero e vi sono almeno due soluzioni transitorie da tener presenti. Ci riferiamo in modo particolare alla Tutela Simile e all’Offerta Placet, di cui abbiamo parlato nell’articolo precedentemente menzionato.

Per aiutare i consumatori ad orientarsi, proponiamo di seguito alcuni impatti pratici del passaggio da mercato di maggior tutela a mercato libero.

Mercato libero: le 4 domande per chiarire i dubbi dei consumatori

Le opinioni su cosa succederà dopo il passaggio definitivo al mercato libero sono altamente divergenti: da un lato abbiamo i fautori della liberalizzazione. Essi sostengono che, pro futuro, assisteremo ad una condizione virtuosa in cui la concorrenza spingerà a creare tariffe in cui il miglior servizio verrà offerto ad un prezzo più conveniente. I detrattori paventano invece una situazione paragonabile a una sorta di “cartello virtuale”, con prezzi più o meno analoghi per tipologia di servizio offerto. 

Per i consumatori, la possibilità di scegliere tra diverse offerte può rappresentare un’opportunità, a patto di saper scegliere ed informarsi adeguatamente. Abbiamo provato a raccogliere di seguito i principali dubbi riguardanti il passaggio al mercato libero, per iniziare ad orientarsi:

  • Che costo ha cambiare venditore? Nessuno, a prescindere dall’offerta o dalla promozione del fornitore. L’unica spesa che, a seconda dei contratti, il consumatore deve sostenere è il pagamento dell‘imposta di bollo di 14,62 euro sul nuovo contratto.

  • Conviene cambiare venditore o contratto di energia elettrica? Dipende: sicuramente si cambia per ottenere un beneficio, per cui il nostro consiglio è di aderire ad un’offerta commerciale solo dopo aver letto attentamente non solo il prezzo finale del servizio, ma anche tutte le possibili voci di spesa.

  • Nel passaggio da una fornitura ad un’altra, c’è il rischio di rimanere senza luce o gas? No, non ci sono rischi di interruzione e la continuità del servizio è assicurata.

  • Se il nuovo venditore dovesse fallire, si rischia di rimanere senza luce? No, perché esiste un meccanismo di riprotezione da parte dell’Arera, l’Autorità in materia energia, che garantisce che nessun cliente rimanga, nemmeno temporaneamente, senza energia elettrica.

  • Per passare al mercato libero è necessario cambiare il contatore o modificare l’impianto? No, non occorre alcun intervento sul contatore o sugli impianti elettrici.

  • Cambiando fornitore si rischia di pagare due volte gli stessi consumi? Anche in quest’ultimo caso, la risposta è no: quando si cambia venditore si registra la lettura del contatore. Il vecchio operatore emetterà l’ultima bolletta di conguaglio e il nuovo utilizzerà il dato come punto di partenza per conteggiare i consumi.

Ogni contratto contiene informazioni preziose per il consumatore, che vanno lette attentamente: ad esempio, quanto dura il contratto, ogni quanto verrà letto il contatore, con che frequenza verrà inviata la bolletta, ecc ...

Le offerte più convenienti su Segugio.it

Se siete alla ricerca di informazioni sulle tariffe, provate i servizi di comparazione come Segugio.itin pochi click avrete una panoramica generale delle tariffe, delle promozioni e delle caratteristiche di ciascuna offerta.

Al 12 giugno, solo per fare un esempio, proviamo a simulare la richiesta di attivazione di un contratto luce per una casa a Bolzano, abitata da quattro persone, con potenza impiegata 4,5 kW, dove l’energia è utilizzata per lo scaldabagno elettrico, la cucina con forno elettrico e la lavatrice, prevalentemente in orario serale e nei weekend.

La soluzione più conveniente è al momento Edison Best di Edison Energia con un costo mensile di 78,80 euro bloccato per 12 mesi, avviso di risparmio e bolletta digitale, servizio Prontissimo Casa incluso.

Logo Segugio.it

Attendi, ti stiamo
trasferendo al sito della società!

A cura di: Alessia De Falco

Confronta i prezzi e risparmia

Scopri subito le migliori tariffe  >>
Come valuti questa notizia?
Mercato libero: consumatori poco informati e tanta confusioneValutazione: 3,8/5
(basata su 4 voti)
RICERCA LUCE
Che utente sei?
In quale comune abiti?
È una abitazione di residenza?
Quale è la potenza dell'impianto?
Consumo stimato annuo di
energia elettrica (KWh)
Clicca qui per calcolarlo
Quando utilizzi l'elettricità?
Seleziona la tipologia di richiesta
Come vuoi pagare?
Come vuoi ricevere la bolletta?

 

×

Consumo stimato annuo di energia elettrica

Quante persone vivono in casa?
Quali elettrodomestici sono utilizzati?
Cucina/forno elettrico
Lavatrice
Congelatore
Lavastoviglie
Scaldabagno elettrico
Condizionatore

 

×

Potenza impegnata

La potenza impegnata rappresenta il livello di potenza che viene messo a disposizione dal fornitore di energia elettrica. E’ pari al numero massimo di apparecchi elettrici da 1000 watt che si possono attivare contemporaneamente senza che il contatore automaticamente interrompa l’erogazione della corrente. Viene specificata dal fornitore nel contratto, è determinata in base alla tipologia ed al numero di elettrodomestici impiegati in casa. La potenza impegnata più comune per le utenze domestiche è pari a 3 kWh.

 

×

Consumo annuo

Sulla bolletta della luce, nel piccolo riquadro dedicato al riepilogo dei dati, puoi trovare l’informazione riguardante il Consumo annuo di energia elettrica espressa in kWh, ovvero il consumo totale nei 12 mesi precedenti il giorno di emissione della bolletta

 

×

Quando utilizzi l'elettricità?

Seleziona la fascia oraria, identificandoti in quella in cui utilizzi principalmente l’elettricità: sempre se utilizzi l’elettricità in qualsiasi fascia oraria (Giorno 44 %; Sera 33 %; Weekend 23 %); giorno se utilizzi l’elettricità soprattutto nella fascia diurna (Giorno 52 %; Sera 32 %; Weekend 16%); sera e weekend se utilizzi l’elettricità principalmente nella fascia serale e nei giorni festivi (Giorno 14 %; Sera 48 %; Weekend 38 %); oppure personalizza la tua abitudine di consumo indicando in valori percentuali quanto utilizzi l’elettricità per ognuna delle due fasce orarie. La fascia diurna va dalle ore 8 alle 19, la fascia serale dalle ore 19 alle 8, mentre nei giorni festivi viene solitamente applicata la stessa tariffa.

 

×

Seleziona la tipologia di richiesta

Cambio fornitore: quando hai già un contratto attivo a tuo nome, e vuoi passare ad una nuova offerta commerciale.

Nuova attivazione: quando vuoi attivare per la prima volta una fornitura di energia elettrica o gas per la tua abitazione.

Subentro: quando vuoi riattivare una fornitura dopo la cessazione del contratto da parte del precedente intestatario, che ha richiesto la disattivazione del contatore.

Voltura: quando vuoi cambiare l’intestazione di un contratto di fornitura funzionante, attivando contestualmente una nuova offerta commerciale, senza interruzione dell'erogazione di energia elettrica e di gas.

 

×

Modalità di pagamento

Indica la modalità di pagamento che desideri in quanto la selezione può impattare sul risultato della simulazione. In linea generale, la modalità di pagamento con l’addebito diretto SEPA (che sostituisce il servizio di RID bancario da febbraio 2014 secondo le indicazioni dell’Unione Europea) è automatizzata e non prevede costi aggiuntivi. Invece, la modalità di pagamento con il bollettino postale prevede solitamente un contributo aggiuntivo per la gestione dei costi amministrativi. Alcune offerte non prevedono questa seconda modalità di pagamento.

Logo Segugio.it

Attendi, stiamo cercando
le migliori offerte per te. Grazie!