logo segugio.it

Esenzione canone Rai: arrivano i nuovi moduli per richiederla

Pubblicato il 29/04/2018

Esenzione canone Rai: arrivano i nuovi moduli per richiederla

Novità per gli over 75 che richiedono l’esenzione dall’abbonamento Rai 2018: una disposizione dell’Agenzia delle Entrate promuove la nuova modulistica che deve essere utilizzata da questa categoria di contribuenti, oltre a specificare le indicazioni operative da seguire per ottenere l’agevolazione.

La delibera definisce inoltre il modello di rimborso per coloro che pur avendo diritto alla dispensa, hanno eventualmente già pagato il canone TV. Ricordiamo che i cittadini più anziani possono usufruire dell’esenzione solo se il reddito non supera gli 8.000 euro.

Soddisfatte del provvedimento le Associazioni dei Consumatori. “Ottima notizia”, commenta Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, “sia perché il provvedimento è stato fatto a tempo di record, considerato che il decreto del ministero dell’Economia era del 16 febbraio 2018, sia perché è già previsto il modello per il rimborso. Chiediamo che il prossimo Governo renda permanente l’innalzamento della soglia reddituale, attualmente previsto per il solo 2018. Sarebbe assurdo se nel 2019 si tornasse alla vecchia esenzione di 6.713,98 euro”.

Reddito per l’esenzione più alto

Il nuovo limite di reddito (8 mila euro) è stata previsto dal decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico, del 16 febbraio 2018. Nella news “Abbonamento Rai, aumentano gli esentati dal canone” abbiamo evidenziato che la nuova soglia porterà a 350 mila il numero dei nuclei familiari che taglieranno questa spesa, contro i 115.000 dello scorso anno.

Per chi non è esente scatta la sanzione

Chi evade il canone rischia una multa che varia dai 200 ai 600 euro, mentre per gli utenti che vengono stanati dal Fisco a falsificare l'autocertificazione per il mancato possesso della Tv è prevista anche una sanzione penale consistente nella reclusione fino a 24 mesi. Chi è tenuto a pagare l’abbonamento ma non lo corrisponde può essere soggetto ad accertamento fiscale tramite l’utilizzo dei controlli a campione dell’Agenzia delle Entrate. La verifica potrà avvenire anche a seguito di dubbi sulla veridicità dell’autocertificazione di esenzione: per individuare la falsa dichiarazione basterà incrociare le banche dati di diversi enti, quali l’Autorità per l’energia, l’Anagrafe Tributaria, l’Acquirente Unico Spa e i Comuni, nonché utilizzare le informazioni delle televisioni a pagamento.

La quota del canone per gli abbonati

Ricordiamo che gli utenti che devono versare l’abbonamento corrisponderanno una quota annuale di 90 euro. Il pagamento avverrà sempre mediante addebito sulle fatture emesse dalle imprese elettriche in 10 rate mensili dell’importo di 9 euro (da gennaio a ottobre). Il prelievo rateizzato dell’imposta in fattura ha portato solo nel 2016 oltre 5,6 milioni di abbonati alla Tv di Stato in più. La misura antievasione si è dimostrata più efficace nelle regioni meridionali, con una crescita media degli utenti paganti di circa il 44%. La percentuale ha raggiunto valori superiori in Campania, la cui quota di emersione ha raggiunto il +68%, in Sicilia (+58,1%) e in Calabria (+57,3%).

A proposito di bollette

È bene non dimenticare che il risparmio sulla fattura della luce passa da Segugio.it, il portale con cui l’utente può scegliere la migliore offerta di energia elettrica sul mercato. Utilizzando un profilo-tipo nella provincia di Milano – consumo annuo di 3.000 kWh, potenza impegnata di 3 kW, modalità di pagamento RID, invio bolletta cartaceo ed una frequenza di utilizzo in qualsiasi fascia oraria – si scopre quale proposta più conveniente del 6 aprile quella di Edison Energia. Edison Best prevede una spesa annuale di 577,57 euro, con zero costi di attivazione e fatturazione bimestrale tramite l’utilizzo della Bolletta digitale. In più Edison Best avvisa il cliente nel caso in cui esista un'altra offerta a prezzo bloccato che faccia risparmiare almeno un euro a settimana, pari a 52 euro l'anno. La promozione in corso prevede 300 punti di benvenuto per chi si iscrive a Noi Edison, il programma fedeltà che garantisce sconti in bolletta e regali esclusivi.

Logo Segugio.it

Attendi, ti stiamo
trasferendo al sito della società!

A cura di: Paola Campanelli

Confronta i prezzi e risparmia

Scopri subito le migliori tariffe  >>
Come valuti questa notizia?
Esenzione canone Rai: arrivano i nuovi moduli per richiederlaValutazione: 4,6/5
(basata su 5 voti)
ARTICOLI CORRELATI
ADSL senza telefono fisso: le migliori offertepubblicato il 19 marzo 2019
Canone Rai: novità e conferme per il 2019pubblicato il 26 ottobre 2018
Abbonamento Rai, aumentano gli esentati dal canonepubblicato il 1 marzo 2018
Canone Rai in bolletta, possibili scenari futuripubblicato il 9 febbraio 2018
Canone Rai: le regole per l’esenzionepubblicato il 3 gennaio 2018
RICERCA ADSL
Che utente sei?
Quali servizi desideri?
In quale comune abiti?
Quale tecnologia desideri?
Quale velocità desideri?
Come desideri le chiamate?
Hai già Internet?
Vuoi includere altri servizi?
Come vuoi pagare?
Logo Segugio.it

Attendi, stiamo cercando
le migliori offerte per te. Grazie!

Che utente sei?
In quale comune abiti?
È una abitazione di residenza?
Quale è la potenza dell'impianto?
Consumo stimato annuo di
energia elettrica (KWh)
Clicca qui per calcolarlo
Quando utilizzi l'elettricità?
Seleziona la tipologia di richiesta
Come vuoi pagare?
Come vuoi ricevere la bolletta?

 

×

Consumo stimato annuo di energia elettrica

Quante persone vivono in casa?
Quali elettrodomestici sono utilizzati?
Cucina/forno elettrico
Lavatrice
Congelatore
Lavastoviglie
Scaldabagno elettrico
Condizionatore

 

×

Potenza impegnata

La potenza impegnata rappresenta il livello di potenza che viene messo a disposizione dal fornitore di energia elettrica. E’ pari al numero massimo di apparecchi elettrici da 1000 watt che si possono attivare contemporaneamente senza che il contatore automaticamente interrompa l’erogazione della corrente. Viene specificata dal fornitore nel contratto, è determinata in base alla tipologia ed al numero di elettrodomestici impiegati in casa. La potenza impegnata più comune per le utenze domestiche è pari a 3 kWh.

 

×

Consumo annuo

Sulla bolletta della luce, nel piccolo riquadro dedicato al riepilogo dei dati, puoi trovare l’informazione riguardante il Consumo annuo di energia elettrica espressa in kWh, ovvero il consumo totale nei 12 mesi precedenti il giorno di emissione della bolletta

 

×

Quando utilizzi l'elettricità?

Seleziona la fascia oraria, identificandoti in quella in cui utilizzi principalmente l’elettricità: sempre se utilizzi l’elettricità in qualsiasi fascia oraria (Giorno 44 %; Sera 33 %; Weekend 23 %); giorno se utilizzi l’elettricità soprattutto nella fascia diurna (Giorno 52 %; Sera 32 %; Weekend 16%); sera e weekend se utilizzi l’elettricità principalmente nella fascia serale e nei giorni festivi (Giorno 14 %; Sera 48 %; Weekend 38 %); oppure personalizza la tua abitudine di consumo indicando in valori percentuali quanto utilizzi l’elettricità per ognuna delle due fasce orarie. La fascia diurna va dalle ore 8 alle 19, la fascia serale dalle ore 19 alle 8, mentre nei giorni festivi viene solitamente applicata la stessa tariffa.

 

×

Seleziona la tipologia di richiesta

Cambio fornitore: quando hai già un contratto attivo a tuo nome, e vuoi passare ad una nuova offerta commerciale.

Nuova attivazione: quando vuoi attivare per la prima volta una fornitura di energia elettrica o gas per la tua abitazione.

Subentro: quando vuoi riattivare una fornitura dopo la cessazione del contratto da parte del precedente intestatario, che ha richiesto la disattivazione del contatore.

Voltura: quando vuoi cambiare l’intestazione di un contratto di fornitura funzionante, attivando contestualmente una nuova offerta commerciale, senza interruzione dell'erogazione di energia elettrica e di gas.

 

×

Modalità di pagamento

Indica la modalità di pagamento che desideri in quanto la selezione può impattare sul risultato della simulazione. In linea generale, la modalità di pagamento con l’addebito diretto SEPA (che sostituisce il servizio di RID bancario da febbraio 2014 secondo le indicazioni dell’Unione Europea) è automatizzata e non prevede costi aggiuntivi. Invece, la modalità di pagamento con il bollettino postale prevede solitamente un contributo aggiuntivo per la gestione dei costi amministrativi. Alcune offerte non prevedono questa seconda modalità di pagamento.

Logo Segugio.it

Attendi, stiamo cercando
le migliori offerte per te. Grazie!