logo segugio.it

Abbonamento Rai, ancora 90 euro per il 2018

16/01/2018

Abbonamento Rai, ancora 90 euro per il 2018

Anno nuovo, importo vecchio. La Legge di stabilità, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale 302 del 29 dicembre 2017, ha confermato l'importo del canone Rai pari a 90 euro. Il pagamento avverrà mediante addebito sulle fatture emesse dalle imprese elettriche in 10 rate mensili dell’importo di 9 euro (da gennaio a ottobre) – un iter già in vigore lo scorso anno di cui abbiamo già parlato nella news "Canone Rai, dal 2017 ridotto a 90 euro". L’abbonamento dovrà essere invece versato con il modello F24 entro il 31 gennaio 2018 se nessun componente della famiglia anagrafica tenuta al versamento dell’importo è titolare di un contratto elettrico di tipo domestico residenziale.

Cosa succede se non si paga il canone.

L’evasione dell’abbonamento televisivo porta all’applicazione di una sanzione amministrativa che varia dai 200 ai 600, euro mentre per coloro che vengono stanati dal Fisco a falsificare l'autocertificazione, la dichiarazione di mancato possesso della Tv, è prevista anche una sanzione penale consistente in 2 anni di carcere. Chi è tenuto a pagare il canone ma non lo fa può essere soggetto ad accertamento fiscale tramite l’utilizzo dei controlli a campione dell’Agenzia delle Entrate. La verifica potrà avvenire anche per fondati dubbi sulla veridicità dell’autocertificazione di esenzione: per individuare la falsa dichiarazione basterà incrociare le banche dati di diversi enti, quali l’AEEGSI (Autorità per l’Energia Elettrica il Gas e il Servizio Idrico), l’Anagrafe Tributaria, l’Acquirente Unico Spa e i Comuni, nonché utilizzare le informazioni delle TV a pagamento.

Diminuisce l’evasione.

La tassa abbinata alla fattura dell’energia ha portato a un aumento degli abbonati di 5,5 milioni (dai 16,5 milioni del 2015 ai 22 milioni dello scorso anno), oltre a un notevole recupero di gettito e alla riduzione dell’importo dello stesso canone. Analizzando i numeri del 2016 si scopre che il gettito si era attestato a 2,1 miliardi di euro, con le imprese elettriche che hanno addebitato in bolletta 2,268 miliardi di euro: dunque, meno del 5% degli importi complessivamente addebitati non è stato versato dai contribuenti, un dato risultato in linea con la percentuale dei mancati pagamenti dell’energia elettrica. Per quanto riguarda le dichiarazioni di non detenzione dell’apparecchio TV, ne sono state rilevate nel 2016 547 mila (con validità annuale), mentre con il nuovo anno se ne contano 485 mila. Infine, sono risultati esenti dal pagamento del canone 131 mila cittadini over 75, con il vincolo del reddito complessivo di 6.713,98 euro.

Esenzione dal canone: come fare.

La dichiarazione dovrà essere presentata dai soggetti che sono titolari di un’utenza elettrica ma non possiedono un apparecchio TV, da chi ha dato una casa in affitto, la cui utenza sia rimasta intestata al proprietario ma la disponibilità del televisore è dei soli inquilini, oppure da coloro che hanno avanzato denuncia di cessazione dell’abbonamento per suggellamento. Inoltre, come già specificato nell’articolo "Canone Rai: le regole per l’esenzione", possono inviare la certificazione i contribuenti con almeno 75 anni di età e un reddito, sommato a quello del proprio coniuge, non superiore a 6.713,98 euro annui. Le persone che fanno parte della stessa famiglia e sono intestatari di utenze diverse non dovrebbero avere problemi di doppi pagamenti del canone, in quanto quest’ultimo viene addebitato solo sulle abitazioni principali adibite a residenza del nucleo familiare.

Il canone rende la bolletta più cara? Ecco come risparmiare.

È bene ricordare agli utenti che risparmiare sulla bolletta della luce è possibile grazie all’utilizzo del comparatore Segugio.it, con cui si può scegliere la migliore offerta di energia sul mercato e risparmiare cifre importanti sul budget annuale riservato al consumo elettrico.

Utilizzando un profilo-tipo nella provincia di Roma – consumo annuo di 3.440 kWh, potenza impegnata di 3 kW, modalità di pagamento RID, invio bolletta cartaceo ed una frequenza di utilizzo in qualsiasi fascia oraria – si scopre quale proposta più conveniente del 5 gennaio quella di Edison Energia. Edison Best prevede una spesa annuale di 635,24 euro, con un vantaggio rispetto al contratto di maggior tutela di ben 56,89 euro. Si tratta di un’offerta con zero costi di attivazione e con fatturazione bimestrale tramite l’utilizzo della Bolletta digitale: in più Edison Best avvisa il cliente nel caso in cui esista un'altra offerta a prezzo bloccato che faccia risparmiare almeno un euro a settimana, pari a 52 euro l'anno.

A cura di: Paola Campanelli

Confronta i prezzi e risparmia

Scopri subito le migliori tariffe
Come valuti questa notizia?
Abbonamento Rai, ancora 90 euro per il 2018Valutazione: 5/5
(basata su 2 voti)
ARTICOLI CORRELATI
Telefono e Adsl: quali sono le tariffe più convenienti?pubblicato il 6 dicembre 2019
Come leggere la bolletta della luce?pubblicato il 28 novembre 2019
Le migliori tariffe luce e gas di novembre 2019pubblicato il 21 novembre 2019
Le migliori tariffe dual di ottobre 2019pubblicato il 22 ottobre 2019
Le migliori tariffe luce di settembre 2019pubblicato il 4 settembre 2019
RICERCA LUCE
Che utente sei?
In quale comune abiti?
È una abitazione di residenza?
Quale è la potenza dell'impianto?
Consumo stimato annuo di
energia elettrica (KWh)
Clicca qui per calcolarlo
Quando utilizzi l'elettricità?
Seleziona la tipologia di richiesta
Come vuoi pagare?
Come vuoi ricevere la bolletta?

 

×

Consumo stimato annuo di energia elettrica

Quante persone vivono in casa?
Quali elettrodomestici sono utilizzati?
Cucina/forno elettrico
Lavatrice
Congelatore
Lavastoviglie
Scaldabagno elettrico
Condizionatore