logo segugio.it

Con il bonus energia risparmi sul condizionatore

05/10/2016

Con il bonus energia risparmi sul condizionatoreNon è mai troppo tardi per installare un impianto per il condizionamento dell'aria. Il condizionatore sta diventando, infatti, sempre più una necessità visto che le ultime estati sono state davvero bollenti. Ma che senso ha comprare un refrigeratore a fine estate? Sembra assurdo e invece non lo è.

Prima di tutto va ricordato che il condizionare non serve solo per rinfrescare l'aria nelle giornate afose ma serve anche per riscaldarla in inverno. Inoltre nel periodo estivo spesso si registra in'impennata dei prezzi dei climatizzatori e per di più risulta assai difficile trovare installatori competenti liberi.

L'aria condizionata risulta essere ancora un lusso per pochi nel nostro Paese, a dirlo è un’indagine condotta dall’ufficio studi di Idealista dal quale emerge che le case in vendita o in affitto dotate di condizionatori sono poco più del 12% dell’intera offerta di abitazioni presenti sul portale.

Olbia è il capoluogo italiano con la maggiore percentuale di case climatizzate (39,5%). Valori superiori al trenta per cento anche per Mantova (35,2%), Padova (31,6%) e Vicenza (30,8%). A Milano la percentuale di case con sistema di climatizzazione tocca il 21,5%, a Roma e Napoli si ferma rispettivamente al 14,5% e al 10,4%. 

Sul fondo della graduatoria troviamo città dal clima tipicamente fresco, anche durante la stagione estiva, come Cuneo e Sondrio, dove le case con impianto di area condizionata toccano appena lo 0,6%, o Belluno, dove la percentuale sale appena all’1,1%. 

A livello regionale, è il Veneto la macroarea che può contare sulla percentuale maggiore di case con climatizzatore, con il 25,6% delle case in vendita sul portale, seguita da Sardegna (24,5%) ed Emilia Romagna (16,9%). Anche la Lombardia (15,7%), Puglia (15,3%), Sicilia (13,6%) e Friuli Venezia Giulia (12,8%) presentano indici superiori alla media nazionale. Al contrario è la Valle d’Aosta (0,6%) la regione dove i climatizzatori sono meno diffusi, seguita da Piemonte (5%) e Trentino Alto Adige con il 5,6%. 

Situazione molto simile per le case in affitto, con solo il 12,9% dell’offerta che può contare su un impianto di aria condizionata, una media molto vicina a quella del mercato delle case in vendita, nonostante la presenza del condizionatore possa essere un fattore decisivo per le scelte dai futuri inquilini. 

A Olbia ancora una volta si registra il picco di case climatizzate, con il 42,6% di case dotate di un impianto. La seguono, Mantova (35,9%), Padova (34,9%) e Vicenza (33,9%) in successione analoga alla graduatoria registrata per la vendita. A Milano le case in affitto con il condizionatore sono poco più di una su quattro (25,9%), a Roma non superano il 12,5% (sotto la media nazionale), mentre Napoli piomba al 7,5%. Nella parte bassa della graduatoria troviamo Lecco (1,5%), Avellino (1%) e Pisa, fanalino di coda con lo 0,5%. 

La graduatoria regionale delle case in affitto con area condizionata vede la Lombardia in testa con il 23,9% delle case climatizzate, segno di come il mercato degli affitti nella regione del nord ovest stia evolvendo verso una maggiore qualificazione dell’offerta. A seguire troviamo il Veneto (21,3%) e la Basilicata (19,9%). Le medie più basse si toccano ancora una volta in Valle d’Aosta con appena lo 0,5% dell’offerta di case in affitto con climatizzatore, seguita da Umbria (1,8%) e Piemonte (3,4%).

La situazione potrebbe presto cambiare grazie anche al bonus energia che prevede la detrazione delle spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2016 per l’acquisto di grandi elettrodomestici nuovi di classe energetica non inferiore alla A+, (A per i forni) e per le apparecchiature per le quali sia prevista l’etichetta energetica. Grazie a questa agevolazione l'utilizzo del condizionatore non andrà neanche a gravare più di tanto sulla bolletta energetica. 

In ogni caso grazie al servizio di confronto delle tariffe dell’energia elettrica sviluppato da Segugio.it è possibile risparmiare sulla bolletta della luce in maniera rapida e gratuita. Inserendo il consumo energetico in kilowattora o, se non lo si conosce, i dati per stimare il tuo consumo annuo di energia elettrica (numero di persone nella casa, elettrodomestici utilizzati, comune per cui si effettua la simulazione e comune di residenza), il comparatore consente di avere una visione completa delle caratteristiche delle offerte disponibili e, per ciascuna, della spesa annua prevista confrontanto le proposte dei principali operatori italiani, fra cui Enel Energia, Eni gas e luce, Edison Energia, AGSM, Hera Comm, Illumia, Acea Energia.

Prendendo ad esempio una famiglia di Milano che consuma 3.000 kWh l'anno, concentrando l'utilizzo dell'energia elettrica la sera e il weekend, troveremo che con Easyweb di ENI spenderà 540,61 euro l'anno, risparmiando 48,62 euro (simulazione effettuata in data 5 ottobre 2016).

Confronta i prezzi e risparmia

Scopri subito le migliori tariffe
Come valuti questa notizia?
Con il bonus energia risparmi sul condizionatoreValutazione: 4/5
(basata su 2 voti)
RICERCA LUCE
Che utente sei?
In quale comune abiti?
È una abitazione di residenza?
Quale è la potenza dell'impianto?
Consumo stimato annuo di
energia elettrica (KWh)
Clicca qui per calcolarlo
Quando utilizzi l'elettricità?
Seleziona la tipologia di richiesta
Come vuoi pagare?
Come vuoi ricevere la bolletta?

 

×

Consumo stimato annuo di energia elettrica

Quante persone vivono in casa?
Quali elettrodomestici sono utilizzati?
Cucina/forno elettrico
Lavatrice
Congelatore
Lavastoviglie
Scaldabagno elettrico
Condizionatore