Chiama gratis 800 999 555 Chiama gratis 800 999 555

Energia, salgono i consumi nel 2015

Pubblicato il 09/02/2016

Gli ultimi dati sull’anno appena passato rilevati da Terna, l’operatore di reti per la trasmissione dell'energia elettrica, parlano di un aumento della domanda di energia dell’1,5% sull’anno precedente.

La richiesta complessiva in Italia è stata di 315,2 miliardi di kilowattora, con un significativo contributo delle rinnovabili che si attesta al 40% del totale. La produzione di energia elettrica è stata per l’85,3% nazionale, corrispondente a 270,7 miliardi di kWh (+0,6%) mentre la parte restante, il 14,7%, deriva dal saldo dell’energia scambiata con l’estero.

L’anno precedente la domanda elettrica si era fermata sui 309 TWh e la produzione netta nazionale sui 267,5 TWh, più bassa anche rispetto al 2013 (-4%).

In rialzo nel 2015 le fonti di produzione fotovoltaica con un +13%, così come la termoelettrica, +8,3%, e la geotermica che ha fatto registrare +4,5%, mentre calano del 24,9% le fonti di produzione idrica e del 3,3% quelle di produzione eolica, a causa del peggioramento delle condizioni atmosferiche registrate durante lo scorso anno.

L’incremento nel settore energetico è frutto soprattutto della crescita del 4,4% nell’area del sud Italia, ovvero Campania, Puglia, Calabria e Basilicata, e del 4,3% nel territorio che comprende Toscana e Emilia Romagna. In rialzo anche le aree del centro della Penisola (Lazio, Abruzzo, Marche, Molise, Umbria) con un +2,3%, mentre rimane stazionaria rispetto al 2014 la macro-area del Nord-Est (Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige e Veneto).

Per avere una misura dei consumi di energia elettrica e trovare la tariffa più idonea alle proprie esigenze di consumo, è possibile consultare Segugio.it, il portale che compara le principali tariffe di energia elettrica sul mercato e individua le migliori proposte per spendere meno sulla bolletta della luce.

Utilizzando un profilo-tipo – immobile di residenza situato a Milano, consumo annuo di 3.000 kWh, potenza impegnata di 3 kW, modalità di pagamento RID e una frequenza di utilizzo in qualsiasi fascia oraria – è possibile confrontare le offerte dei vari gestori. La tariffa più conveniente, al 9 febbraio, risulta essere Link bioraria di Eni, con una spesa annuale di 567,29 euro e un risparmio rispetto alla tariffa del mercato tutelato che arriva quasi a 40 euro. L’offerta, attivabile solo online, prevede il prezzo della componente energia bloccato per 12 mesi, il servizio webolletta e il Check-up Energetico, che permette di conoscere il livello di efficienza energetica dell’abitazione e i consigli per poterlo migliorare.

Tra le prime posizioni troviamo E-light monoraria di Enel Energia che ha un costo annuo di 570,45 euro e permette un risparmio sul mercato di maggior tutela di 36,10 euro. La caratteristica principale di questa fornitura è l'opzione Verde, che a fronte di una spesa leggermente maggiorata garantisce la provenienza della componente energia esclusivamente da fonti rinnovabili. Anche in questo caso l’attivazione è gratuita e solo online, con il prezzo della componente energia bloccato per i primi 12 mesi di fornitura. La bolletta è online, viene inviata bimestralmente e include il servizio Bolletta Chiara, vale a dire la possibilità di calcolare il proprio consumo e pianificare la spesa annuale. Inoltre, è possibile usufruire di una serie di servizi via SMS, come la possibilità di inviare e ricevere direttamente sul cellulare le informazioni relative al contratto, alla scadenza delle bollette, alla lettura del contatore.

A cura di: Paola Campanelli
Confronta i prezzi e risparmia Scopri subito le migliori tariffe

Parole chiave

energia elettrica bolletta energia elettrica

Articoli correlati


Richiesta di contatto×
Espandi