Mobile working: sogno proibito o realtà?

27/02/2015

Mobile working: sogno proibito o realtà?

Il lavoro me lo porto a casa. Se una volta le mura domestiche erano lo spartiacque tra la realtà professionale e quella familiare, oggi, secondo una recente ricerca della Oracle Corporation, sono sempre di più i professionisti che vorrebbero lavorare da casa.

Secondo l’azienda statunitense di software, che ha condotto l’analisi a livello globale, per le aziende si prospetta un massiccio incremento di utilizzo del mobile working.

Secondo la ricerca il 68% del campione intervistato apprezza la flessibilità e la fruibilità del mobile working; ben il 53% ritiene che sia un modo per aumentare la produttività dei lavoratori. Sono segnali molto importanti, su cui le aziende sono chiamate a prendere decisioni strategiche anche molto contrastanti rispetto agli orientamenti attuali.

Soltanto il 24% degli intervistati sostiene di far parte di un’impresa che vede favorevolmente ed incoraggia il mobile working, mentre un significativo 21% dichiara che la propria azienda ha un approccio critico verso il telelavoro ed addirittura ostacola l’utilizzo di applicazioni smartphone.

Di fronte a questo scenario, la criticità maggiore potrebbe nascere dall’incapacità delle aziende di rispondere alle nuove esigenze delle proprie risorse. Molti intervistati hanno confessato di muoversi in autonomia, aumentando peraltro i problemi di sicurezza. Il 18% degli intervistati ritiene che la propria azienda debba implementare l’utilizzo, ma anche il controllo dei dispositivi mobili; il dato più rilevante è che il 15% dei lavoratori utilizzare i dispositivi mobili (smartphone o tablet) senza l’intervento dell’azienda; si tratta di una rivoluzione dal basso del mondo del lavoro.

In linea di massima le stime sono incoraggianti: i modelli mobile working sono stati adottati dal 40% in più di aziende nel 2014 rispetto agli anni precedenti. Oracle stima che nel prossimo biennio l’utilizzo del mobile working sarà esteso a tutte le aziende.

Perché questo scenario diventi realtà è necessario potenziare quanto più possibile il servizio di ADSL business. E’ possibile individuare l’adsl business migliore per le proprie esigenze valutando  la velocità di Download, la velocità di Upload e l’utilizzo o meno della linea telefonica. 

Tra le soluzioni business disponibili sul mercato, i principali provider offrono ADSL con più linee telefoniche e centralino incluso o anche connessioni senza il pagamento del canone Telecom Italia e la possibilità di avere un indirizzo ip statico.

Infostrada propone Absolute ADSL Affari, con ADSL e telefonate a 0 cent/minuto verso Mobili e Fissi Nazionali ed Internazionali a 26,95€/mese +IVA. Advance Freedom è l’offerta voice di Fastweb studiata per la telefonia fissa delle Pmi che permette di chiamare illimitatamente fissi e mobili nazionali e numeri aziendali e consente alle aziende di rimanere sempre connessa grazie all’Ultra Fibra o all’ADSL senza limiti. Infine Vodafone propone Ready Business, l’offerta per le aziende modulabile a seconda delle dimensioni delle imprese e delle esigente specifiche date dal settore.

A cura di: Alessia De Falco

Confronta i prezzi e risparmia

Scopri subito le migliori tariffe
Come valuti questa notizia?
Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
RICERCA ADSL
Che utente sei?
Quali servizi desideri?
In quale comune abiti?
Quale tecnologia desideri?
Quale velocità desideri?
Come desideri le chiamate?
Hai già Internet?
Vuoi includere altri servizi?
Come vuoi pagare?