Logo Segugio.it
LUCE GAS OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI
LA SOCIETA’
Chi è Segugio.it Opinioni degli Utenti News Tariffe Newsletter Segugio.it Rassegna Stampa Segugio.it Spot TV Segugio
IL SERVIZIO
Come Funziona Condizioni di Utilizzo Informativa Privacy Privacy Segugio Servizi Privacy Aziende Partner Confronto Tariffe

Attestato di prestazione energetica: Italia versus Europa

Pubblicato il 22/01/2015
Ultima modifica il 02/12/2016

APE

Introdotto dal decreto legge 63/2013, poi convertito dalla legge 90/2013, l'APE  - attestato di prestazione energetica – ha sostituito il precedente ACE (attestato di certificazione energetica): per la legge sono nulli tutti i contratti di compravendita immobiliare e ogni altro contratto traslativo di immobili a titolo oneroso che non lo alleghino.

L’APE è una targa che riporta, in sintesi, le caratteristiche energetiche dell’immobile: i consumi, la produzione di acqua calda sanitaria (parametro usato nella valutazione in Liguria), il raffrescamento e il riscaldamento degli ambienti, l’illuminazione artificiale, eventuali impianti di produzione di energia rinnovabile, oltre ai dati catastali.

Nel nostro Paese la classificazione energetica di un edificio o di un immobile non avviene nello stesso modo, ma cambia a seconda delle regioni. Le amministrazioni della Lombardia, del Piemonte, dell’Emilia Romagna, della Valle d’Aosta e delle province di Trento e Bolzano, adottano la classificazione diretta, vale a dire sulla base del valore specifico di EPGL (l’indice di prestazione energetica globale) in relazione a valori limite fissi delle classi di energia. Tutte le altre regioni usano invece la classificazione delle Linee Guida Nazionali, con i valori che dipendono dalla zona climatica e dal cosiddetto rapporto di forma dell’edificio S/V (la Superficie Disperdente in rapporto al Volume lordo riscaldato).

Oltre al differente sistema di controllo, che rende impossibile una comparazione degli attestati di prestazione energetica a livello nazionale, un’altra importante criticità è costituita dalla qualità dei certificati.

Per il primo punto è auspicabile che si arrivi a uno standard di classificazione unico, che consenta il raffronto e la conoscenza, quindi la maggiore sensibilizzazione dei cittadini su un argomento centrale per i nostri immobili. In più, una procedura nazionale unificata consentirebbe a un certificatore qualificato di operare in qualsiasi regione. Nel secondo caso, si rendono necessari controlli specifici e aggiornamenti per i tecnici, soggetti deputati al rilascio delle certificazioni.  

In sostanza, un controllo comporta l’accertamento documentale degli APE, verificando anche la coerenza delle procedure e dei dati di progetto con i relativi risultati.

Attualmente le diverse amministrazioni detengono 3,7 milioni di APE: più della metà dei certificati energetici depositati proviene dalla Lombardia, che si conferma come regione più virtuosa.

In Europa i controlli della qualità degli APE avvengono secondo la direttiva EPBD (Energy Performance of Buildings Directive) del gennaio 2013 e consistono non solo nella verifica dei risultati rispetto ai dati indicati, ma anche in un audit dettagliato della documentazione di progetto e in una visita sul luogo.

In Italia il sistema è attualmente in fase di revisione. Solo 11 Regioni hanno finora fornito le informazioni richieste dall’amministrazione, facendo pervenire un totale di 419.650 APE prodotti nel 2013: solo il 6,4% del campione necessario per la verifica. Le attività di controllo sono dunque in pieno corso. Secondo la legge citata sopra 90/2013, “se non diversamente previsto da disposti regionali, i controlli dovranno avvenire per mano delle stesse autorità a cui sono demandati accertamenti e ispezioni per gli impianti di climatizzazione”.

Logo Segugio.it

Attendi, ti stiamo
trasferendo al sito della società!

A cura di: Paola Campanelli

Confronta i prezzi e risparmia

Scopri subito le migliori tariffe  >>
Come valuti questa notizia?
Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
Che utente sei?
P.IVA/Business
In quale comune abiti?
È una abitazione di residenza?
Quale è la potenza dell'impianto?
Conosci il consumo annuo di energia elettrica?
Consumo stimato annuo di energia elettrica
(kWh)
Quando utilizzi l'elettricità?
Giorno
| Sera
| Weekend
|
| %
Seleziona la tipologia di richiesta
Come vuoi pagare?
Come vuoi ricevere la bolletta?
CONFRONTA OFFERTE
Logo Segugio.it

Attendi, stiamo cercando
le migliori offerte per te. Grazie!

Logo Segugio.it

Attendi, stiamo cercando
le migliori offerte per te. Grazie!