Logo Segugio.it
LUCE GAS OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI
LA SOCIETA’
Chi è Segugio.it Opinioni degli Utenti News Tariffe Newsletter Segugio.it Rassegna Stampa Segugio.it Spot TV Segugio
IL SERVIZIO
Come Funziona Condizioni di Utilizzo Informativa Privacy Privacy Segugio Servizi Privacy Aziende Partner Confronto Tariffe

Energie rinnovabili: gli impianti eolici

Pubblicato il 02/12/2014

eolico

È sempre più frequente, in Italia, la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Oltre il fotovoltaico, desta particolare interesse l’utilizzo di impianti eolici, con enti e province autonome che hanno modificato soglie e aree off limit.

Si stima che 8650 MW installati complessivamente nel nostro paese a fine 2013 tra piccoli e grandi impianti, hanno permesso di soddisfare il fabbisogno di quasi 5,5 milioni di famiglie (pari al 5% dei consumi complessivi).

Un impianto eolico è costituito da aerogeneratori (o pale eoliche) che permettono di trasformare l’energia cinetica del vento in energia elettrica. In genere sono classificati in base a caratteristiche dimensionali (potenza, diametro e altezza). Quelli di piccola taglia hanno potenza fino a 200 KW: è il caso del micro-eolico (fino a 5 KW di potenza) e del mini-eolico (da 6 a 200 KW), in grado di soddisfare esigenze diverse come produrre energia in una zona non servita da rete pubblica o ridurre i costi della propria bolletta energetica (riducendo le emissioni di anidride carbonica e migliorando la qualità dell’ambiente). L’energia prodotta viene consumata dall’utente, e gli eventuali esuberi possono essere immessi nella rete pubblica o accumulati (quest’ultima ipotesi in caso di installazione non connessa alla rete).

Per valutarne la convenienza, si fa riferimento a variabili fisiche (dati ambientali, caratteristiche del vento e delle sue componenti) e a parametri tecnici ed economici (potenza e costo dell’energia) per un corretto dimensionamento dell’aerogeneratore: queste grandezze permettono di stabilire se l’impianto eolico possa soddisfare le esigenze energetiche ed economiche dell’utente. Necessitano, quindi, di studi di fattibilità per individuare i siti installativi.

Le procedure autorizzative dipendono dalla potenza e dalla tipologia dell’impianto. Si esegue la semplice comunicazione per le attività in edilizia libera per quelli con altezza e diametro non superiore rispettivamente a 1,5 e a un metro, oppure la Procedura abilitativa semplificata (Pas) per quelli che non rientrano nel primo caso o con potenza fino a 60 KW; l’Autorizzazione unica (Au) per le installazioni oltre i 60 KW.

È previsto, inoltre, un incentivo monetario per l’energia elettrica (netta) immessa in rete: è la cosiddetta tariffa omnicomprensiva. Quest’ultima, erogata dal GSE (Gestore Servizi Elettrici) e di durata ventennale, è valida fino al 31 dicembre 2015: l’accesso è diretto per gli impianti sotto i 60 KW. Si può dunque affermare che, se le valutazioni preliminari per la fattibilità dell’impianto sono corrette, la riduzione in bolletta con gli incentivi ventennali porta l’investimento nell’eolico a un sicuro ritorno economico.

Logo Segugio.it

Attendi, ti stiamo
trasferendo al sito della società!

A cura di: Paola Campanelli

Confronta i prezzi e risparmia

Scopri subito le migliori tariffe  >>
Come valuti questa notizia?
Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
Che utente sei?
P.IVA/Business
In quale comune abiti?
È una abitazione di residenza?
Quale è la potenza dell'impianto?
Conosci il consumo annuo di energia elettrica?
Consumo stimato annuo di energia elettrica
(kWh)
Quando utilizzi l'elettricità?
Giorno
| Sera
| Weekend
|
| %
Seleziona la tipologia di richiesta
Come vuoi pagare?
Come vuoi ricevere la bolletta?
CONFRONTA OFFERTE
Logo Segugio.it

Attendi, stiamo cercando
le migliori offerte per te. Grazie!