logo segugio.it

Libero mercato per le utenze

29/10/2014

Libero mercato per le utenze

L'introduzione nel sistema economico italiano di un mercato libero riguardante il complesso delle utenze domestiche, è stato uno dei pochi, concreti passi di economia liberale che lo Stato italiano ha compiuto nella sua storia moderna. Consentire al cliente finale di scegliere da sé a quale fornitore di servizi energetici o telefonici rivolgersi, ha inserito la concorrenza in un settore dove i prezzi venivano determinati dalle logiche del monopolio e quindi, per definizione, si mostravano sconvenienti per il consumatore finale.

In particolare, le tariffe relative all'energia elettrica ed al gas naturale, erano collegate da un lato alle logiche di domanda e offerta macroeconomica, dall'altro alle esigenze in termini monetari del Ministero del Tesoro. Nel mercato libero, il filo conduttore nella definizione dei prezzi, è invece la volontà del fornitore di energia di acquisire nuova clientela.

Il mercato della luce e è molto simile a quello del gas. Innanzitutto va specificato come le aziende fornitrici si occupino solo di gestire la commessa, mentre la distribuzione fisica dell'elettricità e del metano rimane a gestione separata. La società di fornitura propone al consumatore un prezzo della componente energia, di norma fisso e invariabile per uno o due anni, che rappresenta all'incirca il sessanta per cento della spesa complessiva. Al costo proposto per metro cubo di gas o kilowatt di luce, vanno aggiunti gli oneri di distribuzione e le imposte. Spetta al cliente ricercare, fra le tante offerte disponibili, quale sia la più conveniente non solo con riferimento al costo preso per se stesso, ma valutato anche in rapporto ai servizi che i diversi fornitori collegano alla sottoscrizione del contratto, quali raccolte a punti, sconti per acquisti presso esercizi convenzionati, e così via. Per semplificare il confronto si possono utilizzare i comparatori della sezione tariffe di Segugio.it.

I principi che regolano i mercati di luce e gas, si ritrovano anche nel settore delle telecomunicazioni, ed in particolare dell'ADSL. La distribuzione del servizio viene lasciata in capo a una specifica società, mentre la fornitura della connessione internet è di competenza delle aziende che propongono al cliente l'adesione al contratto. Differenza importante è relativa al fatto che il prezzo proposto per l'ADSL, di norma è comprensivo anche del canone telefonico e di una tariffa flat per le telefonate, alla quale non vanno aggiunti ulteriori oneri.

A cura della Redazione

Confronta i prezzi e risparmia

Scopri subito le migliori tariffe
Come valuti questa notizia?
Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
RICERCA ADSL
Che utente sei?
Quali servizi desideri?
In quale comune abiti?
Quale tecnologia desideri?
Quale velocità desideri?
Come desideri le chiamate?
Hai già Internet?
Vuoi includere altri servizi?
Come vuoi pagare?
Che utente sei?
In quale comune abiti?
È una abitazione di residenza?
Quale è la potenza dell'impianto?
Consumo stimato annuo di
energia elettrica (KWh)
Clicca qui per calcolarlo
Quando utilizzi l'elettricità?
Seleziona la tipologia di richiesta
Come vuoi pagare?
Come vuoi ricevere la bolletta?

 

×

Consumo stimato annuo di energia elettrica

Quante persone vivono in casa?
Quali elettrodomestici sono utilizzati?
Cucina/forno elettrico
Lavatrice
Congelatore
Lavastoviglie
Scaldabagno elettrico
Condizionatore