I consigli per risparmiare in bolletta

29/10/2014

I consigli per risparmiare in bolletta

Arriva il periodo invernale e con esso, la necessità di utilizzare l’impianto di riscaldamento. Essere attenti ai consumi è diventato un dovere morale ed economico e la maggior parte degli sprechi può attribuirsi proprio a caldaie poco efficienti, muri isolati male, infissi che disperdono il calore.

Recenti studi indicano che sarebbe possibile ridurre del 40% i consumi non solo attraverso impianti ben progettati, ma anche utilizzando alcuni semplici accorgimenti. Nella maggior parte dei casi infatti, non servono interventi radicali, ma sono sufficienti piccole cautele per ottenere risparmi importanti.

Si basti pensare alla regolazione della temperatura interna dell’abitazione. È  bene impostarla a non più di 20°C (con una tolleranza di 2°C), ricordando che ogni grado in più può portare ad un aumento del consumo del 7%, oltre ad essere poco salubre. Inoltre, è sempre bene programmare e installare i cronotermostati, in modo da gestire gli orari di accensione in base alla permanenza in casa, evitando così situazioni nelle quali si dimentica di spegnerli.

Un altro consiglio è quello di installare, sui singoli termosifoni, delle valvole termostatiche che regolano automaticamente l’afflusso di acqua in funzione del calore necessario, evitando di calibrarlo sul valore massimo e vanificarne la funzione. Il costo d’installazione si aggira tra i 30 e i 60 euro per valvola e il risparmio nei consumi può arrivare al 20%.

Per gli impianti centralizzati, invece, un sistema di contabilizzazione del calore consente di misurare la quantità consumata nel singolo appartamento e di regolare la parte di impianto a proprio servizio, dando la possibilità di fissare temperatura e orario di accensione. Termovalvole e contabilizzatori saranno obbligatori entro dicembre 2016, con adeguate sanzioni per chi non si metterà in regola.

Importante anche la regolare manutenzione per mantenere efficiente la caldaia: i controlli, obbligatori per legge, devono essere effettuati da un manutentore abilitato. L’analisi dei fumi permette di verificare se la caldaia brucia correttamente il combustibile, con rendimenti superiori ai minimi di legge; inoltre è fondamentale per la sicurezza (ma anche per il risparmio) controllare l’efficienza della canna fumaria. Una caldaia non perfettamente efficiente può portare ad un aumento in bolletta del 30%.

Quanto ai radiatori, è sempre meglio tenerli liberi da copritermosifoni o tende e spurgare l’aria che vi si accumula attraverso la valvola di sfiato, impedendone il riscaldamento: non sempre quest’ultima è presente nei termosifoni più vecchi e il costo di installazione è relativamente contenuto.

Infine, una regola sopra tutte: scegliere il fornitore di gas più adeguato per le proprie esigenze e questo solo dopo essersi informato su tutto ciò che c'è da sapere sul mercato del gas. Per tutte le novità normative, consulta la sezione dedicata alle guide gas sul sito Segugio.it.

A cura di: Paola Campanelli

Confronta i prezzi e risparmia

Scopri subito le migliori tariffe
Come valuti questa notizia?
I consigli per risparmiare in bollettaValutazione: 5/5
(basata su 1 voti)
ARTICOLI CORRELATI
Le migliori offerte gas di giugno 2020pubblicato il 9 giugno 2020
Le offerte gas più convenienti ad aprile 2020pubblicato il 9 aprile 2020
Le migliori tariffe gas di aprile 2020 per una coppiapubblicato il 6 aprile 2020
Le migliori tariffe gas per una famiglia di 4 personepubblicato il 25 marzo 2020
Cos’è e dove si trova il codice PDR?pubblicato il 4 marzo 2020
RICERCA GAS
Che utente sei?
In quale comune abiti?
Consumo stimato annuo
di gas (Smc)
Clicca qui per calcolarlo
Seleziona la tipologia di richiesta
Come vuoi pagare?
Come vuoi ricevere la bolletta?

 

×

Consumo stimato annuo di gas

Quante persone vivono in casa?
Per cosa utilizzi il gas?
Cucina
Riscaldamento Casa
Produzione Acqua Calda
Quanti metri quadri ha l'immobile?