Leggere la bolletta del gas: dati di cliente e fornitura

Dal 1 gennaio 2016 la bolletta del gas deve rispettare alcuni requisiti imposti dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA). In questa sezione della guida alla lettura della bolletta del gas ci concentreremo sui dati di cliente e fornitura. Queste informazioni sono solitamente posizionate in alto nella prima pagina della bolletta del gas, allo scopo di rendere subito evidente a quale utenza si riferisce la fattura e chi ne è l'intestatario.


DATI DEL CLIENTE E DELLA FORNITURA

E’ importante ricordare che fornitori diversi possono utilizzare grafiche differenti per mostrare i dati in bolletta, ma dovendo fornire all’utente le medesime informazioni molto spesso le bollette del gas presentano una struttura simile e facilmente riconoscibile. Le seguenti informazioni relative a intestatario e fornitura non possono mai mancare.


1. DATI ANAGRAFICI DEL CLIENTE

Si tratta di nome, cognome e codice fiscale dell'intestatario nel caso di utenza domestica o ragione sociale e partita IVA nel caso dei contratti intestati ad una persona giuridica. Sono i dati che permettono di identificare univocamente il titolare della fornitura di gas naturale, cioè colui al quale saranno indirizzate le fatture. L’intestatario è associato direttamente al codice PDR della fornitura per cui solo lui, o un suo delegato, è autorizzato a richiedere un cambio di fornitore qualora si voglia passare ad un diverso operatore. Per modificare l'intestatario senza interruzione nell'erogazione del gas è necessario eseguire una voltura.


2. INDIRIZZO DI RECAPITO DELLA FATTURA

E’ l’indirizzo al quale sono recapitate le bollette e altre eventuali comunicazioni del fornitore. Se la fornitura si riferisce ad un’abitazione di residenza questo dato coinciderà con l'indirizzo della fornitura, ma è sempre possibile farsi recapitare le bollette ad un indirizzo differente. Contrariamente a quanto avviene per la corrente elettrica, il costo di una fornitura gas non varia a seconda che si risieda o meno nell'immobile della fornitura, tuttavia l'indirizzo di fornitura può influire molto sul costo finale della bolletta, come illustrato nella sezione di approfondimento.


3. MERCATO DI RIFERIMENTO

Il tipo di mercato a cui appartiene la tariffa in vigore deve essere sempre chiaramente identificabile. Sia esso il sevizio di tutela o il mercato libero. Quando si decide di cambiare operatore è sempre possibile richiedere una tariffa appartenente all’uno o all’altro tipo di mercato, tuttavia l’autorità competente ha fissato a luglio 2020 la fine del servizio di tutela. Ne consegue che da questa data tutte le utenze dovranno obbligatoriamente passare al mercato libero.


esempio bolletta gas

4. CONSUMO ANNUO

Viene riportato il volume di gas naturale consumato negli ultimi 12 mesi, oppure una sua stima di consumo qualora il dato non sia disponibile. Nel caso in cui ciò non sia possibile poiché l’utenza è attiva da meno di un anno viene sempre fornito il consumo totale a partire dall’attivazione della fornitura.


5. DATI IDENTIFICATIVI DEL PUNTO DI FORNITURA

Sono i dati che identificano il luogo fisico in cui il gas metano viene erogato. Si tratta dell’indirizzo dell’immobile servito dalla fornitura, del codice PDR e del codice REMI. Il PDR è un codice numerico di 14 cifre, da non confondersi con la matricola del contatore. Mentre la matricola identifica proprio il contatore come oggetto (e quindi cambierà se quest’ultimo viene rimosso o sostituito) il PDR identifica il luogo fisico di fornitura e non varierà né con la sostituzione del contatore né con un cambio di intestatario. Il codice REMI invece è un codice composto da numeri o lettere che identifica il punto di consegna dell’impianto di distribuzione al quale è allacciata la propria fornitura gas.


6. CARATTERISTICHE TECNICHE DELLA FORNITURA

Si tratta di informazioni di natura tecnica che specificano le caratteristiche del servizio erogato. Tra di esse non devono mancare la tipologia di utenza (domestico, condomini con uso domestico, altri usi), la classe del contatore, il coefficiente correttivo (C) è il potere calorifico superiore convenzionale (P). La classe del contatore è indice della portata di gas che può erogare, mentre i restanti due parametri sono dei fattori di conversione importanti per determinare correttamente i metri cubi standard consumati e la quantità di energia da essi fornita.


esempio bolletta gas

7. INFORMAZIONI SUL BONUS SOCIALE

Questa voce è sempre presente se si usufruisce del bonus sociale, attualmente erogato per le famiglie in condizione di disagio economico e alle famiglie numerose con reddito basso. In bolletta deve essere specificato che è attivo il bonus e quando sarà necessario richiederne il rinnovo per continuare a usufruirne.


8. RECAPITI PER IL SERVIZIO GUASTI

In caso di guasti o disservizi relativi alla fornitura sulla bolletta devono sempre essere reperibili i recapiti del distributore di zona a cui spetta la competenza di verificare tempestivamente le segnalazioni e provvedere agli interventi tecnici necessari in caso di malfunzionamenti o fughe di gas. Questo dato è molto importante considerata la pericolosità derivante dalla presenza di perdite di gas nell'impianto.


9. INFORMAZIONI E RECLAMI

L'autorità ha stabilito che al cliente deve sempre fornito almeno un canale per richiedere informazioni o inoltrare reclami. Per questo scopo il recapito della società di fornitrice del servizio e le modalità di contatto del servizio clienti devono sempre essere specificati con chiarezza.


APPROFONDIMENTI


Perché i dati di cliente e fornitura sono importanti?

Spesso trascuriamo questi dati quando leggiamo la bolletta del gas, ma le informazioni sull'intestatario e sulla fornitura descritti in questa sezione possono influenzare il costo finale della bolletta in modo non trascurabile o permettere l'identificazione di eventuali errori che possono ritardare le procedure di cambio operatore se non intercettati per tempo.

Tra questi ultimi ribadiamo l'importanza di verificare chi sia intestatario della fornitura. Come specificato nel paragrafo relativo ai dati del titolare, per modificare l’intestatario di un contratto gas o luce è sempre necessario richiedere una voltura. In caso contrario il nuovo operatore non troverà corrispondenza tra l’identità del richiedente e il titolare del PDR negli archivi del fornitore uscente, con il conseguente blocco della richiesta. Una lettura attenta della bolletta può scongiurare disguidi di questo tipo, spesso causa di perdite di tempo e ritardi nelle attivazioni.


Quali dati influenzano il prezzo finale della bolletta del gas?

Come anticipato nel paragrafo dedicato all'indirizzo di fatturazione lo status di residenza dell'intestatario nell'immobile di fornitura non determina un cambiamento della tariffa gas applicata, cosa che invece accade per la corrente elettrica. Tuttavia il gas ha dei costi di distribuzione e trasporto che variano significativamente in funzione dell'area geografica e questo significa che attivare una fornitura per la casa al mare o in montagna può significare una bolletta più alta o più bassa a seconda delle circostanze. Per conoscere l'entità delle spese di trasporto e gestione del contatore stabilite dall'ARERA nel trimestre corrente puoi consultare la pagina dedicata al prezzo finale del gas in bolletta.

Un altro fattore dovuto sempre alla geografia del territorio che potenzialmente può influire sul prezzo finale del gas consiste nella diversa densità che il metano manifesta in condizioni di temperatura e pressione differenti. Questo fa in modo che per fornire la stessa energia sotto forma di calore sia necessario un volume di gas diverso per abitazioni situate ad altitudini differenti o in zone climatiche differenti. Per fare in modo che tutti gli utenti paghino lo stesso prezzo a parità di calore fornito sono stati introdotti i coefficienti P e C, che permettono una conversione della quantità di gas consumato dal metro cubo (che varia a seconda della zona geografica) allo standard metro cubo che è uguale per tutti i consumatori.


RICERCA GAS
Che utente sei?
In quale comune abiti?
Consumo stimato annuo
di gas (Smc)
Clicca qui per calcolarlo
Seleziona la tipologia di richiesta
Come vuoi pagare?
Come vuoi ricevere la bolletta?

 

×

Consumo stimato annuo di gas

Quante persone vivono in casa?
Per cosa utilizzi il gas?
Cucina
Riscaldamento Casa
Produzione Acqua Calda
Quanti metri quadri ha l'immobile?