logo segugio.it
Chiama gratis 800 999 555 Chiama gratis 800 999 555

Come disdire un contratto AGSM

Logo agsm.png

Agsm Verona è un’azienda storica, nata nel 1898 con la produzione di energia idroelettrica e successivamente è cresciuto con la produzione e distribuzione di gas naturale, con la cogenerazione per il teleriscaldamento e la produzione da fonti rinnovabili sia per le imprese che per le famiglie.

AGSM mette a disposizione dei suoi clienti diverse modalità per effettuare la disdetta di un contratto. Elenchiamo di seguito le principali:

  1. scaricando il modulo di disdetta dal sito internet di AGSM, compilandolo opportunamente ed inviandolo all'azienda attraverso una delle modalità indicate nel presente articolo
  2. chiamando il numero verde 800 552 866
  3. effettuando una richiesta online accedendo alla sezione "Fai da Te" del sito di AGSM

CAMBIO OPERATORE

Per prima cosa, è bene sapere che se si vuole solo cambiare operatore, senza cioè interrompere l’erogazione di corrente o gas, non è necessario inoltrare alcuna domanda di disdetta: spetta infatti al nuovo fornitore comunicare tutte le informazioni necessarie al venditore uscente. Nel caso in cui, invece, si stia cambiando casa e si voglia interrompere definitivamente il servizio, andiamo ad approfondire le modalità elencate all'inizio. Ricordiamo che è possibile chiudere un contratto con AGSM, in qualsiasi momento, come previsto per gli operatori del mercato libero. Il periodo di preavviso non può essere superiore ai 30 giorni, secondo le modalità e le condizioni regolamentate dall'AEEGSI a tutela del consumatore.

MODULO DI DISDETTA

Sul sito internet di AGSM è possibile trovare nella sezione "Modulistica" un modulo di richiesta di cessazione di fornitura, che una volta compilato può essere consegnato direttamente agli sportelli AGSM. E’ possibile prendere appuntamento per evitare le code. Il modulo può anche essere inviato per posta elettronica all'indirizzo backoffice@agsm.it; previsto anche l’invio via fax al numero 045 867 7438 o l'invio al fornitore con raccomandata con ricevuta di ritorno a:

AGSM Energia
Back office
Lungadige Galtarossa 8 - 37133 Verona (VR)

Per compilare la richiesta di cessazione della fornitura bisognerà avere a portata di mano:

  • una copia del documento d'identità valido dell'intestatario forniture o del Legale Rappresentante (per imprese); copia della bolletta recente AGSM Energia (nel caso le forniture di energia elettrica e gas non siano unificate nella medesima bolletta, allegare le copie di entrambe);
  • dati personali del cliente o del Legale Rappresentante (nome, cognome, telefono, cellulare, indirizzo e-mail); indirizzo delle forniture di energia elettrica e gas; 
  • dati contrattuali delle forniture (codice cliente, codice fornitura) reperibili nelle bollette di AGSM Energia; 
  • indirizzo spedizione ultima bolletta.

Assieme alla fattura di saldo e chiusura contratto, il cliente riceverà i moduli necessari ai fini dell'intestazione della TIA (tassa di igiene ambientale).

NUMERO VERDE

La richiesta di disattivazione, però, può essere fatta anche per telefono, al numero verde 800 552 866.  Il servizio commerciale telefonico è attivo per chi chiama da telefono fisso (e al numero 199.129.191 per chi chiama da cellulare) dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 20.00; il sabato dalle 8.00 alle 13.00. 

RICHIESTA ONLINE

La cessazione del contratto può essere eseguita anche tramite una Richiesta online sul sito agsmperte.it. Accedendo nella sezione “Fai da Te” dei contatti e cliccando su “Richiesta online” si può gestire la propria fornitura tramite computer. Per le disdette bisogna scegliere la sezione “Operazioni contrattuali” e cliccare poi sulla “Richiesta di disalimentazione fornitura”. Una volta effettuata l’autenticazione basterà seguire le indicazioni per portare a termine l’operazione con successo. Sia per compilare i moduli che per eseguire le operazioni al telefono ti verranno richiesti alcuni dati che trovi sulla bolletta, quindi assicurati di averle a portata di mano. 

RECESSO ENTRO 14 GIORNI

È importante non confondere la disattivazione del contratto con il diritto di ripensamento. Il diritto di ripensamento, regolamentato dal decreto legislativo n° 206/2005, può essere esercitato ad esempio quando un cliente ha stipulato un contratto a distanza (per telefono oppure online), solamente entro 14 giorni dalla conclusione del contratto, senza incorrere in penali o spese aggiuntive.

Chiedi aiuto a un esperto