Logo Segugio.it
GAS LUCE PAY TV OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI
LA SOCIETA’
Chi è Segugio.it Opinioni degli Utenti News Tariffe Newsletter Segugio.it Rassegna Stampa Segugio.it Spot TV Segugio
IL SERVIZIO
Come Funziona Condizioni di Utilizzo Informativa Privacy Confronto Tariffe Diventa Partner

Gas: che fare in caso di perdite

31/08/2017

Vi è mai capitato di avvertire odore di gas in cucina? E’ un segnale da sottovalutare che può indicare la presenza di una fuga di gas, circostanza abbastanza pericolosa perchè comporta un rischio di esplosione ed incendio e spesso provoca incidenti anche gravi.

Prevenire una fuga di gas non è impossibile ed è abbastanza semplice, attuando piccoli accorgimenti quotidiani e facendo regolarmente revisionare gli impianti, a partire dalla caldaia.

E’ opportuno affidarsi  ad un tecnico per la manutenzione ed il controllo annuale, chiedendo di visionare anche il tubo che porta il gas in cucina. Il tecnico autorizzato, verificato lo stato di salute degli impianti, apporrà un timbro di validità sul libretto della caldaia stessa.
E’ preferibile che la caldaia sia posta in un locale areato o, meglio ancora, all’esterno della casa.

Un’altra accortezza semplice ma importantissima riguarda i fornelli: i nuovi modelli bloccano l'afflusso di gas non appena si spegne la fiamma. Ciò non accade tuttavia con i modelli più vecchi, per cui è sempre bene controllare che non si spenga la fiamma e, in ogni caso, chiudere sempre il rubinetto del gas accanto al contatore ogni sera ed ogni volta che si resta fuori per periodi lunghi. 

Va poi posta attenzione anche all’integrità del tubo che porta il gas ai fornelli. Controllate che vi sia stampata la data di scadenza, entro la quale bisogna procedere con la sostituzione. In ogni caso il tubo va cambiato almeno ogni 5 anni. 

Se, nonostante tutte le precauzioni, avvertite odore di gas in casa, ecco come procedere.

Per prima cosa è bene chiudere il rubinetto del gas, areando bene l'ambiente.

Poi chiamate tempestivamente un tecnico per eseguire i controlli. Ricordate sempre di verificare cosa prevede il vostro contratto di fornitura, perchè spesso gli operatori del mercato libero offrono, in abbinamento all’offerta luce e gas, un servizio di assistenza.

Un esempio in questo senso è l’offerta di Gas Natural che, come spiegato nell’apposita sezione di Segugio.it dedicata alle promozioni, propone Servigas, il servizio di manutenzione della caldaia ed assistenza impianto a metano di Gas Natural Vendita, ad un prezzo davvero conveniente.

Il servizio è attivabile in abbinamento all’offerta Sconta Gas Tre e prevede assistenza gratuita per le prime tre ore di manodopera per interventi relativi a riscaldamento, acqua calda, valvole termostatiche, detentori.

Soprattutto se l’odore di gas è molto forte, è opportuno contattare il Pronto Intervento Gas o i Vigili del Fuoco. Nel frattempo non fate uso di fiammiferi, sigarette, interruttori o spine elettriche.
Per conoscere il numero di telefono del Pronto intervento gas di competenza territoriale si può fare riferimento alle indicazioni riportate nei fogi informativi in bolletta. 

Uno dei metodo empirici più immediati per verificare una perdita è quello del contatore: una volta messo in sicurezza l’impianto, controllate se il contatore continua a girare, perchè significa che c’è una perdita ed è necessario intervenire immediatamente. Se invece non viene registrata alcuna dispersione, ci si può rivolgere a un tecnico specializzato, che potrà verificare la perdita secondo le migliori prassi e in completa sicurezza.

Alcuni suggeriscono, se non si è dotati degli appositi rilevatori elettronici, di usare il sapone liquido diluito in poca acqua, cospargendo con tale miscela le superfici da cui può provenire la perdita.
La formazione di bollicine dove abbiamo cosparso l’acqua con il sapone indica la presenza di una fuga di gas.

Le perdite di gas in ambienti chiusi non sono rischiose solo per via delle esplosioni, ma anche per le eventuali intossicazioni dovute ad inalazione di metano. Esse si manifestano con fiato corto, debolezza, sonnolenza, battito accelerato, nausea e mal di testa.

In presenza di questi sintomi, oltre alle precauzioni sopra indicate, è opportuno rivolgersi al proprio medico.

Segugio.it è sempre al vostro fianco con approfondimenti e consigli utili: a questo proposito vi invitiamo a leggere le nostre guide dedicate alle tariffe luce e gas. Se invece siete interessati a conoscere le offerte più convenienti, potete compilare il form dedicato, richiedendo un preventivo gratuito e personalizzato.

Logo Segugio.it

Attendi, ti stiamo
trasferendo al sito della società!

A cura di: Alessia De Falco
Come valuti questa notizia?
Gas: che fare in caso di perditeValutazione: 4,2/5
(basata su 5 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI
Bollette luce e gas: quali sono le detrazioni per i liberi professionistipubblicato il 17 novembre 2017
Le tariffe gas più convenienti di novembrepubblicato il 11 novembre 2017
Le migliori tariffe gas di ottobrepubblicato il 9 ottobre 2017
Bollette non residenti: come risparmiare sul gaspubblicato il 2 agosto 2017
Le tariffe gas più convenienti di lugliopubblicato il 14 luglio 2017
Logo Segugio.it

Attendi, stiamo cercando
le migliori offerte per te. Grazie!